IL LUO­GO DELL’AL­TRO

Vi­via­mo tem­pi di cam­bia­men­to, di ve­lo­ci­tà. Nien­te è og­gi co­me era ie­ri. E ogni pre­vi­sio­ne sul do­ma­ni si ri­ve­la in­fon­da­ta. L’uni­ca pre­ve­di­bi­li­tà che i no­stri tem­pi ci con­ce­do­no è la cer­tez­za dell’im­pre­ve­di­bi­li­tà del­le co­se. Nor­ma­le che con i cam­bia­men­ti ve

Wired (Italy) - - INDICE - DI Fe­de­ri­ca Mo­ghe­ri­ni

AL­TO RAP­PRE­SEN­TAN­TE DELL’UNIO­NE EU­RO­PEA PER GLI AF­FA­RI ESTE­RI EL APOLITICA DI SI­CU­REZ­ZA

ART

Lui Fer­rey­ra

Il­lu­stra­to­re e street ar­ti­st di Den­ver

era un tem­po in cui la fron­tie­ra evo­ca­va gran­di sfi­de, emo­zio­ne, sco­per­ta. Pro­gres­so. Og­gi, il con­fi­ne di­ven­ta mu­ro. Li­mi­te, spes­so au­toim­po­sto. Re­cin­zio­ne, pro­te­zio­ne ver­so un “fuo­ri” che fa enor­me­men­te pau­ra. Ed è pa­ra­dos­sa­le che pro­prio nel mo­men­to in cui il mon­do è real­men­te di­ve­nu­to glo­ba­le, con con­nes­sio­ni fi­si­che e vir­tua­li che co­pro­no l’in­te­ro pia­ne­ta in tem­po rea­le e sen­za al­cun li­mi­te, si ten­da a per­de­re con­sa­pe­vo­lez­za del fat­to che an­che chi sta “al di là del mu­ro” può ave­re pau­ra di ciò che noi con­si­de­ria­mo si­cu­ro, per­ché no­to. Se si in­ter­pre­ta il con­fi­ne co­me se­pa­ra­zio­ne, co­me re­cin­to, co­me mu­ro, si per­de mol­to. In­nan­zi­tut­to, la li­ber­tà. Ogni mu­ro che co­struia­mo tie­ne fuo­ri l’al­tro ma, al tem­po stes­so, rin­chiu­de noi in uno spa­zio chiu­so. Il mas­si­mo del­la si­cu­rez­za è una gab­bia. Ci si può chiu­de­re den­tro e guar­da­re il mon­do die­tro a una pel­li­co­la im­per­mea­bi­le, sen­za con­ta­mi­na­zio­ni, sen­za in­te­ra­zio­ni – rea­li o vir­tua­li che sia­no. Co­sì, ciò che muo­re è non so­lo la li­ber­tà ma la vi­ta stes­sa.„

Poi, si per­do­no la pro­pria sto­ria, la pro­pria iden­ti­tà, l’es­sen­za del­la pro­pria cul­tu­ra. Mol­to spes­so si evo­ca­no se­pa­ra­zio­ni e con­fi­ni a pro­te­zio­ne del­la pu­rez­za dell’iden­ti­tà. Sen­za ren­der­si con­to – o ne­gan­do­lo in ma­la­fe­de – che ognu­no di noi è fi­glio di in­fi­ni­ti “scon­fi­na­men­ti”, in­con­tri, viag­gi.„

Quan­do noi ita­lia­ni„chie­dia­mo al bar ciò che ab­bia­mo di più ita­lia­no, ca ˆè e zuc­che­ro, non ci ren­dia­mo con­to che usia­mo pa­ro­le ara­be. Quan­do di­cia­mo “faz­zo­let­to” o “sca ˆale” par­lia­mo lon­go­bar­do. Sen­za il po­mo­do­ro, che qual­cu­no che at­tra­ver­sò i con­fi­ni por­tò dal­le Ame­ri­che, né la piz­za né la pa­sta sa­reb­be­ro la stes­sa co­sa. La no­stra cul­tu­ra, quel­la ita­lia­na, non sa­reb­be quel­la che è se non aves­si­mo im­por­ta­to dal­la Gre­cia la fi­lo­so­fia, il mito, il con­cet­to stes­so di de­mo­cra­zia. O dal Medio Orien­te la cul­tu­ra ebrai­ca e cri­stia­na. O se non vi fos­se­ro sta­te le gran­di mi­gra­zio­ni di po­po­li ger­ma­ni­ci, sla­vi, asia­ti­ci. La no­stra cul­tu­ra eu­ro­pea non sa­reb­be la stes­sa sen­za l’in­con­tro col mon­do ara­bo e mu­sul­ma­no, con le cul­tu­re dell’Ame­ri­ca La­ti­na.

Que­sto sia­mo noi: i pro­ni­po­ti di chi non si è chiu­so o fat­to rin­chiu­de­re den­tro con­fi­ni ma li ha at­tra­ver­sa­ti. Per mo­ti­vi più o me­no no­bi­li: bi­so­gno, con­qui­sta, cu­rio­si­tà in­tel­let­tua­le. Dal­la fi­lo­so­fia al­la scien­za, al­la poe­sia, per­si­no al­la cu­ci­na, l’Eu­ro­pa è di­ven­ta­ta gran­de nel­la di­ver­si­tà, nel­la ric­chez­za che su­pe­ra­re i con­fi­ni por­ta, sem­pre.„ Noi ita­lia­ni do­vrem­mo sa­per­lo be­ne. Non ser­ve an­da­re trop­po in­die­tro nel tem­po. Sia­mo un po­po­lo di

C’

mi­gran­ti, lo era­va­mo nel se­co­lo scor­so e – in mo­do nuo­vo e di­ver­so – lo sia­mo an­co­ra. So­no ita­lia­ni i co­gno­mi di tan­te per­so­ne che ho in­con­tra­to in que­sti an­ni in Bel­gio co­me in Ger­ma­nia, in Ame­ri­ca La­ti­na co­me ne­gli Sta­ti Uni­ti. So­no ita­lia­ni i co­gno­mi di ar­ti­sti, scien­zia­ti, gran­di at­to­ri fi­gli dell’im­mi­gra­zio­ne.

Non han­no fat­to gran­de so­lo il pae­se in cui vi­vo­no o so­no vis­su­ti: han­no fat­to gran­de la cul­tu­ra, la scien­za, la mu­si­ca, il ci­ne­ma di tut­to il mon­do. E l’han­no fat­to per­ché non si so­no chiu­si o non si so­no fat­ti rin­chiu­de­re den­tro con­fi­ni. Il pre­si­den­te dell’Ar­gen­ti­na ha un co­gno­me ita­lia­no, co­sì co­me il sin­da­co di New York. E cam­mi­nan­do per le stra­de di tan­te cit­tà d’Eu­ro­pa, dell’Au­stra­lia o del Ca­na­da, se si sen­te par­la­re ita­lia­no non si trat­ta ne­ces­sa­ria­men­te di tu­ri­sti – che, pu­re, han­no an­che lo­ro “at­tra­ver­sa­to il con­fi­ne”.

In­fi­ne, a tra­sfor­ma­re i con­fi­ni in mu­ri si per­de il sen­so del­la real­tà. Di com’è la vi­ta ve­ra. Ve­do cre­sce­re con­fi­ni ar­ti­fi­cia­li, non sem­pre‹vi­si­bi­li ma di Žci­lis­si­mi da re­la­ti­viz­za­re o da at­tra­ver­sa­re. Con­fi­ni nei cuo­ri e nel­le men­ti, con­fi­ni tra co­mu­ni­tà, con­fi­ni di san­gue e di con­fes­sio­ne. Con­fi­ni che fi­no a po­co tem­po fa non esi­ste­va­no, che non han­no ra­di­ci sto­ri­che ma che so­no a vol­te il pa­ra­ven­to die­tro cui si na­scon­do­no gio­chi di po­te­re o di ba­na­le de­na­ro.‹

In Si­ria e in tut­to il Medio Orien­te, per se­co­li, sun­ni­ti e scii­ti, alaui­ti, ara­bi e cur­di, ebrei e cri­stia­ni han­no con­vis­su­to nel­le stes­se cit­tà, ne­gli stes­si quar­tie­ri. Nei Bal­ca­ni i ma­tri­mo­ni mi­sti, che un tem­po era­no la nor­ma, so­no di­ven­ta­ti una ra­ri­tà. ‹

Non è una ten­den­za inar­re­sta­bi­le, un de­sti­no scrit­to. La sto­ria non pro­ce­de per iner­zia, so­no le don­ne e gli uo­mi­ni a far­la. Mi­tro­vi­ca, in Ko­so­vo, è sta­ta per de­cen­ni una cit­tà di­vi­sa da un fiu­me e dal­la guer­ra. Du­ran­te la pri­ma­ve­ra scor­sa sia­mo riu­sci­ti, do­po un lun­go ne­go­zia­to, a far ria­pri­re il pon­te che uni­sce le due spon­de dell’Ibar – e le due co­mu­ni­tà, ko­so­va­ra e ser­ba. In tal mo­do quel con­fi­ne è di­ven­ta­to, nel­la real­tà e nel sim­bo­lo, un pon­te. So­no ser­vi­ti co­rag­gio, vi­sio­ne, ca­pa­ci­tà di ‹im­ma­gi­na­re la ri­con­ci­lia­zio­ne, una vi­ta di­ver­sa: la­sciar­si al­le spal­le il do­lo­re del pas­sa­to per non con­sen­ti­re all’odio di av­ve­le­na­re an­che il pre­sen­te. Ci vuo­le a vol­te mol­to più co­rag­gio per fa­re la pa­ce, che la guer­ra.

Lo stes­so co­rag­gio e la stes­sa vi­sio­ne li ho sen­ti­ti tan­te vol­te nel­le pa­ro­le dei si­ria­ni che ho in­con­tra­to in que­sti an­ni di con­flit­to: un de­si­de­rio for­tis­si­mo di nor­ma­li­tà, di pa­ce, di ri­con­ci­lia­zio­ne, di plu­ra­li­tà e di­ver­si­tà, di ri­co­strui­re nel tem­po uno spa­zio co­mu­ne sen­za bar­rie­re et­ni­che, po­li­ti­che e con­fes­sio­na­li. Evi­tan­do che il con­fi­ne se­pa­ri – al con­tra­rio, con­sen­ten­do­gli di con­giun­ge­re, uni­re. Il con­fi­ne non è il luo­go do­ve fi­ni­sce ciò che è no­stro e co­min­cia­no i pe­ri­co­li. È do­ve ini­zia l’al­tro, che sia un es­se­re uma­no o un pae­sag­gio nuo­vo, do­ve ini­zia­no op­por­tu­ni­tà, fu­tu­ro. Non è un ar­gi­ne, ma una por­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.