MEN­TO SA­PEN­DO DI MENTINA

UNA CAR­RIE­RA SUL FI­LO DEL SUR­REA­LE, TRENT' AN­NI DI CO­MI­CI­TÀ TRA CI­NE­MA, RA­DIO E TV, DA REN­ZO ARBORE A SO­FIA COP­PO­LA: QUAN­DO I GIO­CHI DI PA­RO­LE SU­PE­RA­NO I MU­RI CUL­TU­RA­LI E GE­NE­RA­ZIO­NA­LI

Wired (Italy) - - INDICE - Fe­lix Pe­tru­ška ART

IN­TER­VI­STA A

Ni­no Fras­si­ca CO­MI­CO

TE­STO

Eu­ge­nio Spa­gnuo­lo Gior­na­li­sta esper­to di cul­tu­ra pop

ART

Fe­lix Pe­tru­ška Di­se­gna­to­re e il­lu­stra­to­re, vi­ve a Mi­la­no ed è ap­pas­sio­na­to di car­toon

Co­me na­sco­no le sue bat­tu­te? «Un po’ im­prov­vi­so, un po’ mi se­gno su un fo­gliet­to o sul te­le­fo­ni­no tut­ti gli spun­ti che mi dà la vi­ta, tra gio­chi di pa­ro­le e “de­for­ma­zio­ni”. Poi tea­tra­liz­zo le mi­glio­ri».

Ogni tan­to sui so­cial ca­pi­ta di im­bat­ter­si nei suoi gio­chi di pa­ro­le, spes­so esi­la­ran­ti e sen­za tem­po, che ri­sal­go­no ad­di­rit­tu­ra a trent’an­ni fa, a In­die­tro

Tut­ta. Ti­po: «Men­ti sa­pen­do di mentina». Le piac­cio­no an­co­ra? «Tut­to par­te sem­pre da un gio­co di pa­ro­le. Non si trat­ta di stor­piar­le ma di sov­ver­tir­ne la lo­gi­ca e i ra­gio­na­men­ti: è co­sì che si pas­sa il con­fi­ne del­la co­mi­ci­tà pa­ra­dos­sa­le».

Co­sì, di bat­tu­ta in bat­tu­ta, lei è di­ven­ta­to il re dei ca­lem­bour. Che piac­cio­no ai co­mi­ci ma an­che ai rap­per: ba­sta sen­ti­re l’ul­ti­mo di­sco di Fe­dez e J-Ax. «Nei gio­chi di pa­ro­le c’è più di quel che sem­bra: so­no una for­ma di ri­bel­lio­ne al­le fra­si fat­te. Non amia­mo le co­se scon­ta­te? Di­strug­gia­mo­le! È un mo­do di pren­de­re in gi­ro chi è fer­mo sul­le sue po­si­zio­ni, i “con­ser­va­to­ri”».

In que­sto mo­men­to è im­pe­gna­to con

Pro­gram­mo­ne, su Ra­dio­due Rai, e tan­ta tv. Qual è il con­fi­ne tra co­mi­ci­tà ra­dio­fo­ni­ca e te­le­vi­si­va? «La ra­dio ti dà la pos­si­bi­li­tà di spe­ri­men­ta­re e ten­ta­re qual­che az­zar­do; in tv in­ve­ce hai so­lo po­chi mi­nu­ti e de­vi col­pi­re l’obiet­ti­vo. Non hai spa­zio per fa­re espe­ri­men­ti. O me­glio… puoi pro­var­ci ma i tem­pi so­no più len­ti. E poi lì non pos­so ri­schia­re di non far ri­de­re, de­vo an­da­re a col­po si­cu­ro. Se in­ve­ce al­la ra­dio qual­che vol­ta ca­pi­ta, è me­no gra­ve: nell’espe­ri­men­to è pre­vi­sto an­che il fal­li­men­to».

Ri­sa­te ed espe­ri­men­ti: vie­ne in men­te

Al­to Gra­di­men­to, la tra­smis­sio­ne che lan­ciò Arbore e Bon­com­pa­gni. Si sen­te ere­de di quel­la sto­ria? «In par­te sì, an­che per­ché c’ero: nei pri­mi An­ni ’80, nel­le ul­ti­me sta­gio­ni dei pro­gram­mi con Ren­zo Arbore, Gian­ni Bon­com­pa­gni e Ma­rio Ma­ren­co, che si chia­ma­va­no Ra­dio an­che noi, c’ero pu­re io».

È ve­ra la leg­gen­da che cir­co­la sui suoi ini­zi? Si di­ce che lei ha man­da­to una cas­set­ta ad Arbore, che l’ha ascol­ta­ta e pas­sa­ta a Bon­com­pa­gni; lui se n'è di­men­ti­ca­to e, quan­do Arbore gli ha chie­sto un pa­re­re, per evi­ta­re fi­gu­rac­ce ha det­to: «Bra­vis­si­mo, pren­dia­mo­lo!». «Sì, ha blu ato: pe­rò le co­se che poi ho fat­to gli pia­ce­va­no dav­ve­ro. Ma la sua pi­gri­zia era pro­ver­bia­le, al pun­to che re­gi­stra­va­mo da lui: ave­va tut­ta l’at­trez­za­tu­ra in sa­lot­to. Nep­pu­re si muo­ve­va di ca­sa. Tan­to che spes­so ve­ni­va a tro­var­ci Gian­car­lo Ma­gal­li, che era il suo vi­ci­no di ca­sa. Ma nes­su­no lo co­no­sce­va al­lo­ra».

Qual­cu­no ha scrit­to che Ni­no Fras­si­ca sa­reb­be an­che il re dei non­sen­se, uno dei mae­stri del­lo hu­mour sur­rea­le. Pen­sa di ave­re de­gli ere­di? «Mas­si­mo Ba­gna­to, Lil­lo e Greg... pro­prio ere­di no, or­mai so­no qua­si miei coe­ta­nei. Poi Mac­cio Ca­pa­ton­da, che lo fa an­che al ci­ne­ma: è la gran­de no­vi­tà di que­sta co­mi­ci­tà, per­ché ha por­ta­to l’umo­ri­smo sur­rea­le nei vi­deo e sul gran­de scher­mo. Un bel pas­so avan­ti. Io de­vo rac­con­ta­re una co­sa con le pa­ro­le, lui rie­sce a far­lo con le im­ma­gi­ni».

Cos’è che og­gi fa ri­de­re? C’è un con­fi­ne tra le ge­ne­ra­zio­ni in fat­to di ri­sa­te? «Fa ri­de­re lo spiaz­za­men­to. Pe­rò di­pen­de, il con­fi­ne tra ge­ne­ra­zio­ni c’è. Pro­vo­ca­re una ri­sa­ta in me e in quel­li del­la mia è di Šci­le: ab­bia­mo vi­sto tut­to, or­mai. I ra­gaz­zi ri­do­no con me­no, sen­to­no cer­te bat­tu­te per la pri­ma vol­ta e si di­ver­to­no. Ec­co per­ché mol­ti co­mi­ci gio­va­ni ri­ci­cla­no co­se già sen­ti­te. Ma è sba­glia­to di­re che non fan­no ri­de­re: non di­ver­to­no noi, ma per il pub­bli­co dei gio­va­nis­si­mi è tut­to nuo­vo e esi­la­ran­te».

Una del­le ca­rat­te­ri­sti­che del­la sua co­mi­ci­tà è la “spal­la”. Co­me la sce­glie? «De­vo­no es­se­re au­to­ri, non so­lo at­to­ri. Al­tri­men­ti fi­ni­reb­be­ro per tro­var­si ma­le».

An­che lei lo è sta­to... per esem­pio con

In­die­tro tut­ta!, di cui nel 2018 ri­cor­ro­no i trent’an­ni. Ma di tut­ti i co­mi­ci di quel­la ni­dia­ta sem­bra es­se­re l’uni­co ad aver con­ser­va­to il suc­ces­so. «Ho re­si­sti­to per­ché, all’ini­zio del Ter­zo Mil­len­nio, mi so­no de­di­ca­to al­la fic­tion che mi ha da­to os­si­ge­no. Poi so­no ve­nu­te una par­te nel film So­mewhe­re di So­fia Cop­po­la e le chia­ma­te dei va­rie­tà, da Pie­ro Chiam­bret­ti a Sa­bi­na Guz­zan­ti, fi­no a Fa­bio Fa­zio».

A pro­po­si­to di con­fi­ni. Lei è l’uni­co co­mi­co in Ita­lia che sia riu­sci­to a con­ci­lia­re Sa­bi­na Guz­zan­ti e Don Mat­teo. Un au­ten­ti­co ca­po­la­vo­ro. «Non tra­di­sco me stes­so, sem­pli­ce­men­te. Nean­che quan­do fac­cio Don Mat­teo sca­do nel­la co­mi­ci­tà fa­ci­le. Cer­to, è una co­sa del tut­to di­ver­sa da uno show di sa­ti­ra politica co­me quel­lo del­la Guz­zan­ti. Ma uso co­mun­que tut­to quel­lo che ho im­pa­ra­to sia nel va­rie­tà, sia nel­la fic­tion, sia in te­le­vi­sio­ne».

Poi, un al­tro con­fi­ne: mol­ti co­mi­ci, per pia­ce­re al­la cri­ti­ca, a un cer­to pun­to del­la car­rie­ra si im­pe­gna­no in qual­co­sa di drammatico. Pen­so a To­tò con Pier Pao­lo Pa­so­li­ni, a Pao­lo Vil­lag­gio con Fel­li­ni. Non ci ha an­co­ra pen­sa­to? «È una stu­pi­dag­gi­ne, per­ché pro­ba­bil­men­te al­cu­ni cri­ti­ci non so­no in gra­do di “leg­ge­re” la co­mi­ci­tà. Un pez­zo co­mi­co ha sem­pre un con­te­nu­to drammatico, ma la bra­vu­ra di chi lo in­ter­pre­ta sta pro­prio nel riu­sci­re ad an­da­re ol­tre. La co­mi­ci­tà è pro­prio il su­pe­ra­men­to di quel pun­to di con­fi­ne. Pren­de­te per esem­pio Fan­toz­zi: le sue era­no sto­rie dram­ma­ti­che, ma è pro­prio su­pe­ran­do quel pun­to e adat­tan­do il te­sto a si­tua­zio­ni pa­ra­dos­sa­li, che Vil­lag­gio è riu­sci­to a da­re vi­ta a quel­la co­mi­ci­tà esi­la­ran­te».

An­che lei è fi­glio di una ter­ra di con­fi­ne: la Sicilia. Di tan­to in tan­to, ci tor­na? «Sì che ci va­do. La Sicilia re­sta la mia ba­se, lì ho fra­tel­li e so­rel­le. Pe­rò mi sen­to ita­lia­no. An­zi eu­ro­peo. An­zi mon­dia­le. Sen­za con­fi­ni».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.