Ci so­no tan­tis­si­me de­fi­ni­zio­ni del­la pa­ro­la di­gi­ta­le. Se do­ves­si­mo dar­ne una ri­go­ro­sa, po­trem­mo usa­re una di quel­le che si tro­va­no su en­ci­clo­pe­die e di­zio­na­ri. La Trec­ca­ni, per esem­pio, for­ni­sce que­sta: “In elet­tro­ni­ca e in in­for­ma­ti­ca, qua­li­fi­ca che (in

Wired (Italy) - - FEDERICO FERRAZZA -

Ma se ci do­ves­si­mo ba­sa­re so­lo su una de­fi­ni­zio­ne si­mi­le, non sa­rem­mo in gra­do di va­lu­ta­re e rac­con­ta­re – an­che dal pun­to di vi­sta nu­me­ri­co – co­me le tec­no­lo­gie di­gi­ta­li (in­ter­net, ma non so­lo) sia­no sta­te in gra­do in po­chi an­ni di cam­bia­re tut­to, di cam­bia­re il mon­do.

Con­cen­tran­do­ci in­fat­ti su­gli im­pat­ti, so­no tre le pa­ro­le che più di tut­te de­scri­vo­no il di­gi­ta­le.

1. VE­LO­CI­TÀ

I bit ri­du­co­no i tem­pi di tut­te le ope­ra­zio­ni: dal­le co­mu­ni­ca­zio­ni agli ac­qui­sti, fi­no al con­su­mo cul­tu­ra­le.

2. OR­GA­NIZ­ZA­ZIO­NE

Il di­gi­ta­le ri­de­fi­ni­sce le strut­tu­re che lo adot­ta­no.

3. SEM­PLI­CI­TÀ

Al­le pri­me due pa­ro­le Wi­red ha de­di­ca­to al­tret­tan­ti vo­lu­mi (quel­lo sul Tem­po di giu­gno 2016 e il nu­me­ro sui Con­fi­ni di settembre del­lo scor­so an­no). Ora a chiu­de­re la tri­lo­gia c’è l’edi­zio­ne che ave­te in ma­no in que­sto mo­men­to. Il di­gi­ta­le ha sem­pli­fi­ca­to gran par­te del­le co­se che fac­cia­mo og­gi. Una del­le pro­ve è nel­le azien­de che in que­sti an­ni so­no di­ven­ta­te per tut­ti noi si­no­ni­mo di di­gi­ta­le. Nes­su­na di que­ste ci con­sen­te di fa­re qual­co­sa che pri­ma non fa­ce­va­mo. Pe­rò ci per­met­to­no di com­pie­re azio­ni con mol­ta più fa­ci­li­tà.

Ar­chi­via­va­mo da­ti an­che pri­ma dell’ar­ri­vo di Dro­p­box, con­di­vi­de­va­mo fo­to pri­ma di In­sta­gram, ve­de­va­mo e no­leg­gia­va­mo film pri­ma di Net­flix, co­mu­ni­ca­va­mo pri­ma di Wha­ts App, an­da­va­mo in va­can­za pri­ma di Airbnb o di Trip Ad­vi­sor, com­pra­va­mo qual­sia­si co­sa pri­ma di Ama­zon, tro­va­va­mo lavoro pri­ma di Lin­ked In, ci in­for­ma­va­mo o cer­ca­va­mo in­for­ma­zio­ni pri­ma di Goo­gle, Twit­ter o Wi­ki­pe­dia, ascol­ta­va­mo mu­si­ca pri­ma di Spo­ti­fy, pa­ga­va­mo pri­ma di Ap­ple Pay (o dei suoi tan­ti con­cor­ren­ti), man­gia­va­mo pri­ma di De­li­ve­roo. L’elen­co po­treb­be an­da­re avan­ti per mol­te e mol­te pa­gi­ne.

Tut­te que­ste real­tà ci fa­ci­li­ta­no la vi­ta. Lo fan­no at­tra­ver­so un uso sa­pien­te del di­gi­ta­le e dei da­ti con i qua­li met­to­no al cen­tro il con­su­ma­to­re (e non più so­lo il pro­dot­to o il ser­vi­zio).

Nel nu­me­ro non ci sia­mo li­mi­ta­ti a rac­con­ta­re le con­se­guen­ze del­la sem­pli­ci­tà del di­gi­ta­le, te­ma a cui ab­bia­mo de­di­ca­to an­che il Wi­red Next Fe­st di Fi­ren­ze (28-30 settembre). Ab­bia­mo in­fat­ti chie­sto al de­si­gner in­du­stria­le Giu­lio Iacchetti di pro­get­ta­re l’og­get­to tec­no­lo­gi­co che pos­sa sem­pli­fi­car­ci la vi­ta in ma­nie­ra de­fi­ni­ti­va. È na­ta co­sì Wiz, la bac­chet­ta ma­gi­ca che tro­va­te in co­per­ti­na e in un ar­ti­co­lo all’in­ter­no. Wiz fa di tut­to e lo fa gra­zie al­la sua forma che ri­chia­ma un og­get­to che nel cor­so dei se­co­li ha rap­pre­sen­ta­to la pos­si­bi­li­tà di far ac­ca­de­re qual­sia­si co­sa.

La ma­gia del di­gi­ta­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.