Rachele Bian­chi Porro

Ri­de­re di una scioc­chez­za, per me an­che que­sta è fe­li­ci­tà

laRegione - Ticino 7 - - Protagonisti - Intervista di Ste­fa­nia Bric­co­la Foto di ©RSI/ Lo­re­ta Daul­te

1 Qual è il suo luo­go del cuo­re?

Fin da quan­do ero pic­co­la va­do in va­can­za in un pae­si­no emi­lia­no af­fac­cia­to sull’Adria­ti­co, Li­do de­gli Esten­si. Mi pia­ce viag­gia­re, na­tu­ral­men­te, ma la va­can­za per me re­sta le­ga­ta a quel luo­go, a quel­la ca­sa, al cap­puc­ci­no del bar pre­fe­ri­to con i gior­na­li sot­to­brac­cio, al­le stes­se per­so­ne che ri­tro­vo ogni esta­te. Ini­zia tut­to quan­do si apre il fi­ne­stri­no dell’au­to e si an­nu­sa la sal­se­di­ne nell’aria. E du­ran­te il re­sto dell’an­no è bel­lo pen­sa­re che ci tor­ne­rò.

2 Che li­bri tie­ne al mo­men­to sul co­mo­di­no?

Di­pen­de se si par­la del co­mo­di­no rea­le o di quel­lo idea­le. Su quel­lo ve­ro al mo­men­to stan­no un sag­gio di sto­ria del­la mo­da dal ti­to­lo bel­lis­si­mo, Ve­stir­si di so­gni, e l’ul­ti­mo li­bro di Amy Bloom, Bea­te noi, l’av­ven­tu­ra di una ra­gaz­zi­na che cer­ca di far­si stra­da nell’Ame­ri­ca de­gli an­ni Qua­ran­ta. Sul co­mo­di­no «del cuo­re», in­ve­ce, te­mo che do­vrei te­ne­re fin trop­pi li­bri, da Ja­ne Au­sten, a Don­na Tartt, a Har­ry Pot­ter. Ma per non sba­glia­re scel­go l’au­to­bio­gra­fia di una don­na fuo­ri dal co­mu­ne, El­sa Max­well, che ten­ne in pu­gno l’al­ta so­cie­tà e il bel mon­do new­yor­che­se del se­co­lo scor­so con il suo brio e le sue se­ra­te mon­da­ne. S’in­ti­to­la Ho spo­sa­to il mon­do ed è una bel­la le­zio­ne di al­le­gria ap­pli­ca­ta al­la vi­ta. E poi, an­che se in ge­ne­re ho un at­teg­gia­men­to un po’ snob ri­spet­to ai ca­si let­te­ra­ri, Can­to del­la pia­nu­ra di Kent Ha­ruf: una ma­gia.

3 Che cos’è la fe­li­ci­tà per lei og­gi?

È tor­na­re a ca­sa la se­ra e sa­pe­re che si può sor­ri­de­re, è es­se­re se­re­ni con le scel­te che si so­no fat­te. E poi è fat­ta di pic­co­li mo­men­ti: tro­va­re un film che si ama in te­le­vi­sio­ne e go­der­se­lo con tan­to di pub­bli­ci­tà, ri­de­re di una scioc­chez­za, bal­la­re in cu­ci­na ascol­tan­do la ra­dio per­ché tuo ma­ri­to ha im­prov­vi­sa­to co­sì.

4 Ci so­no ve­sti­ti che non in­dos­se­reb­be mai?

Non sa­rei mai a mio agio con ab­bi­na­men­ti vol­ga­ri, im­ma­gi­no. E poi nul­la di sco­mo­do, non ho ab­ba­stan­za spi­ri­to di sa­cri­fi­cio. Nien­te gon­ne che si ar­ro­to­la­no e van­no si­ste­ma­te di con­ti­nuo, per in­ten­der­ci. E nien­te scar­pe do­lo­ro­se. Ma non per que­sto mi tol­go il pia­ce­re di pen­sa­re ai bei ve­sti­ti. Mi pia­ce met­te­re le ma­ni sul­le vecchie ri­vi­ste di mo­da – una vol­ta ne ho sco­va­te al­cu­ne de­gli an­ni Cin­quan­ta nel­la sof­fit­ta di mia non­na – e, an­che guar­dan­do un film, co­stu­mi e sce­no­gra­fie so­no tra le pri­me co­se a cui ri­vol­go l’at­ten­zio­ne. Se sco­vo in in­ter­net qual­che fo­to­gram­ma di una com­me­dia dai to­ni co­lor pa­stel­lo, per esem­pio, mi an­no­to il ti­to­lo e lo ag­giun­go al­la li­sta dei film da re­cu­pe­ra­re. Un esem­pio? Im­per­di­bi­le Les de­moi­sel­les de Ro­che­fort di Jac­ques De­my.

5 C’è una qua­li­tà che ap­prez­za in un uo­mo?

La se­rie­tà, che non è ov­via­men­te se­rio­si­tà, ma piut­to­sto cor­ret­tez­za, tra­spa­ren­za, coe­ren­za. Ma que­sto va­le per tut­ti, na­tu­ral­men­te. Mi pia­ce chi ha buon sen­so, e ma­ga­ri una buo­na do­se di prag­ma­ti­smo.

6 Qual è l’ul­ti­mo film che ha vi­sto al ci­ne­ma, al­la te­le­vi­sio­ne o sul­lo smart­pho­ne?

In te­le­vi­sio­ne, po­che se­re fa, so­no in­cap­pa­ta in un clas­si­co­ne, L’uo­mo dei so­gni. Non so con­ta­re quan­te vol­te lo ab­bia ri­vi­sto, ma se lo tro­vo non pos­so far­ne a me­no: ini­zia con una vo­ce nel nul­la, in un cam­po di gran­tur­co, e con­ti­nua con la ri­cer­ca di un pa­dre su un cam­po di ba­se­ball, tra stra­ni sal­ti nel tem­po. Pian­go ogni vol­ta che il per­so­nag­gio in­ter­pre­ta­to da Burt Lan­ca­ster par­la di sua mo­glie, e ogni vol­ta che Ke­vin Cost­ner tie­ne in brac­cio la fi­glio­let­ta. Al ci­ne­ma, in­ve­ce, mi è ca­pi­ta­to po­co tem­po fa a Lo­car­no di ri­ve­de­re Su­spi­ria, di Da­rio Ar­gen­to. È stra­no pen­sa­re ad an­ni in cui ci si po­te­va pro­va­re pau­ra per sem­pli­ce di­ver­ti­men­to, tan­to che og­gi quel san­gue co­sì fin­to fa per­fi­no sor­ri­de­re. Pe­rò è an­co­ra una me­ra­vi­glia di co­lo­ri e mu­si­che, una ve­ra gio­ia per gli oc­chi. Sul­lo smart­pho­ne nien­te film, mi pia­ce met­ter­mi co­mo­da.

7 Che vo­to si dà co­me mo­glie?

C’è una bat­tu­ta del film Har­ry ti pre­sen­to Sal­ly che a ca­sa mia è di­ven­ta­ta ri­cor­ren­te: Bil­ly Cry­stal guar­da Ca­sa­blan­ca in­sie­me a Meg Ryan e le di­ce che In­grid Berg­man è senz’al­tro una don­na a bas­so man­te­ni­men­to, per­ché «ci so­no due ti­pi di don­na, ad al­to e a bas­so man­te­ni­men­to, e In­grid Berg­man è una BM senz’al­tro». E a quel pun­to Meg Ryan chie­de a che ca­te­go­ria ap­par­ten­ga lei, e lui le di­ce che è del ti­po peg­gio­re, «ad al­to man­te­ni­men­to ma con­vin­ta del con­tra­rio». Per quel che mi ri­guar­da, io so­no esat­ta­men­te co­me In­grid Berg­man, in­di­pen­den­te e so­li­da, de­ci­sa­men­te a bas­so man­te­ni­men­to. Quin­di cre­do di me­ri­tar­mi al­me­no un ot­to. Non so pro­prio spie­gar­mi per­ché mio ma­ri­to ogni tan­to mi guar­di e scuo­ten­do la te­sta so­spi­ri tra sé e sé «Al­tis­si­mo man­te­ni­men­to»...

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.