CLAY RE­GAZ­ZO­NI, ILMITO

Il 15 dicembre del 2006, die­ci an­ni fa, ci la­scia­va il fuo­ri­clas­se lu­ga­ne­se, an­co­ra og­gi tra i piloti della Fer­ra­ri più ri­cor­da­ti e ama­ti. Sa­rà per quel­la sto­ri­ca vit­to­riaaMon­za nel ’70, sa­rà perché ap­par­te­ne­va al­la generazione di in­tre­pi­di di un au­to­mo­bi

laRegione - Ticino 7 - - Sommario - di Ales­san­dro Ta­bac­chi

ac­ce­de a internet pre­va­len­te­men­te at­tra­ver­so smart­pho­ne e ta­blet

Gli an­ni Set­tan­ta fu­ro­no un periodo ec­ce­zio­na­le per la For­mu­la 1. Da­to per scon­ta­to un ta­len­to ver­ti­gi­no­so al­la gui­da, bi­so­gna­va ave­re una buo­na do­se di fol­lia e di co­rag­gio per met­ter­si al vo­lan­te di quei bo­li­di lon­ta­nis­si­mi dal­le ca­rat­te­ri­sti­che di si­cu­rez­za di og­gi, mal­gra­do le po­ten­ze mo­struo­se che po­te­va­no pri­gio­na­re. Ai piloti, poi, non era con­ces­so l’au­si­lio di una tec­no­lo­gia so­vra­na e on­ni­pre­sen- te, chiu­si den­tro vet­tu­re che sta­va­no pren­den­do la for­ma de­fi­ni­ti­va del­le mo­no­po­sto che og­gi sia­mo abi­tua­ti a ve­de­re. Mol­ti no­mi dei cam­pio­ni di que­gli an­ni sono en­tra­ti nel­la leg­gen­da: Jac­kie Stewart, Emer­son Fit­ti­pal­di, Jac­ky Ic­kx, Ni­ki Lau­da, Ja­mes Hunt, Ma­rioAn­dret­ti. In­mez­zo a que­sto par­ter­re de rois un no­me sem­bra rias­su­me­re nel­la sua vi­cen­da, al tempo stes­so esal­tan­te e sfor­tu­na­ta, tut­ti gli sti­mo­li di quel periodo, un­no­me an­co- ra ca­ris­si­mo a tut­ti i cul­to­ri dell’au­to­mo­bi­li­smo: Clay Re­gaz­zo­ni.

IL RA­GAZ­ZO DI PORZA

Re­gaz­zo­ni, ap­pro­da­to tar­di all’au­to­mo­bi­li­smo di ver­ti­ce (ar­ri­vò al cam­pio­na­to mag­gio­re nel 1970), ma su­bi­to af­fer­ma­to­si sul fi­nir de­gli an­ni Ses­san­ta co­me uno dei più co­rag­gio­si, «spe­ri­co­la­ti» e af­fa­sci­nan­ti piloti eu­ro­pei in For­mu­la 2 e For­mu­la 3, non fu il più gran­de della sua epo­ca: al­tri con­cor-

ro­no a que­sto ti­to­lo, co­me l’om­bro­so Stewart, il cal­co­la­to­re Lau­da, l’inar­re­sta­bi­le Fit­ti­pal­di. Ep­pu­re nel cor­so del de­cen­nio se­guen­te Re­gaz­zo­ni si è im­po­sto co­me l’ico­na stes­sa della For­mu­la 1 nel­la sua ul­ti­ma sta­gio­ne eroi­ca. Era una per­so­na­li­tà big­ger than li

fe, non co­no­sce­va la pa­ro­la pau­ra, era for­tis­si­mo e spe­ri­co­la­to, e si as­su­me­va ri­schi enor­mi. For­se per esor­ciz­za­re il pe­ri­co­lo con cui vi­ve­va in pi­sta ogni gior­no, for­se per una na­tu­ra­le pre­di­spo­si­zio­ne a go­de­re la vi­ta ap­pie­no, Clay fu un gran­dio­so vi­veur, sciu­pa­fem­mi­ne e gau­den­te, con­scio del suo fa­sci­no e ben de­ci­so a uti­liz­zar­lo; sono in­mol­ti a di­re che sen­za le sue gio­io­se in­tem­pe­ran­ze, che lo re­se­ro an­cor più ama­to dal gran­de pub­bli­co, sa­reb­be sta­to in gra­do di ag­guan­ta­re il cam­pio­na­to del mon­do. Ci an­dò vi­ci­no due vol­te, nel 1970, an­no del suo de­but­to (con una vit­to­ria a Mon­za en­tra­ta nel mi­to col­let­ti­vo), ar­ri­van­do ter­zo an­che sen­za aver di­spu­ta­to tut­te le ga­re, e so­prat­tut­to nel 1974, quan­do per tre so­li pun­ti fu se­con­do die­tro a Fit­ti­pal­di. Il lu­ga­ne­se baf­fu­to fu l’ico­na della squa­dra Fer­ra­ri, con cui ga­reg­giò dal 1970 al 1976 (con la so­la ec­ce­zio­ne della sta­gio­ne 1973), re­ga­lan­do a Ma­ra­nel­lo quat­tro vit­to­rie e tan­ti po­di; fe­de­le al­la sua na­tu­ra ge­ne­ro­sa, fu Clay Re­gaz­zo- ni a spon­so­riz­za­re l’ar­ri­vo in squa­dra diNi­ki Lau­da (e in­se­gnò al com­pas­sa­to au­stria­co a gestire la­mon­da­ni­tà).

LA SVOLTA

Un ter­ri­bi­le in­ci­den­te, l’en­ne­si­mo di una lun­ga se­rie, fer­mò la sua car­rie­ra in F1 nel 1980 e ne spez­zò il fi­si­co, co­strin­gen­do­lo per sem­pre al­la se­dia a ro­tel­le. Ep­pu­re l’eter­no ra­gaz­zo di Porza non si per­se d’ani­mo e con­ti­nuò a es­se­re pro­ta­go­ni­sta nel mon­do del­le quat­tro ruo­te, co­me pi­lo­ta e co­me te­le­cro­ni­sta, ma so­prat­tut­to col suo co­stan­te im­pe­gno per i di­sa­bi­li: a co­min­cia­re, nel 1984, dai suoi cor­si di gui­da spor­ti­va a Val­le­lun­ga, fi­no al­la fon­da­zio­ne della FISAPS ( Fe­de­ra­zio­ne Ita­lia­na Spor­ti­va Pa­ten­ti Spe­cia­li) e al­le lot­te bu­ro­cra­ti­che per apri­re le ga­re au­to­mo­bi­li­sti­che ai di­sa­bi­li.

Per un bef­far­do de­sti­no fu un in­ci­den­te por­re fi­ne per sem­pre al­la sua cor­sa: die­ci an­ni fa, il 15 dicembre 2006, lun­go l’au­to­stra­da A1 in Emi­lia. Nel­la sua car­rie­ra ave­va par­te­ci­pa­to a 250 ga­re mag­gio­ri e, nel­le 177 che con­clu­se, sa­lì sul po­dio ben 71 vol­te (25 sul gra­di­no più al­to). Ma­la sua gran­dez­za sta al­tro­ve, fuo­ri dal­le sta­ti­sti­che. Il suo sen­so della vi­ta fu più gran­de di qual­sia­si com­pe­ti­zio­ne. Era un mi­to ve­ro Clay, un de­sti­no che spet­ta a po­chi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.