La cles­si­dra

laRegione - Ticino 7 - - Relax -

Quan­do com­pa­re sul mo­ni­tor di un Mac si­gni­fi­ca che è ne­ces­sa­rio mu­nir­si di pa­zien­za. Un’at­te­sa me­no sim­bo­li­ca e poe­ti­ca del fa­sci­no tra­smes­so dal­la sab­bia che sci­vo­la tra le di­ta di una ma­no; fe­no­me­no che de­ve aver già cat­tu­ra­to l’at­ten­zio­ne dell’uo­mo sin dall’al­ba della ci­vil­tà. La ge­nia­li­tà è sta­ta rac­co­glie­re que­sta ma­gia per l’eter­ni­tà, «im­pri­gio­nan­do» mi­lio­ni di gra­nel­li tra due am­pol­le uni­te da un sot­ti­lis­si­mo col­lo. Si­gno­re e si­gno­ri, ec­co a voi il tempo che scor­re! In ve­ri­tà, la cles­si­dra a sab­bia è un’evo­lu­zio­ne di quel­la ad ac­qua già dif­fu­sa nel­la Gre­cia del IV se­co­lo a. C., an­che se vi sono esem­pla­ri ri­sa­len­ti a cir­ca 3500 an­ni fa. È dun­que da con­si­de­ra­re il pri­mo stru­men­to di mi­su­ra del tempo in­di­pen­den­te dal­le os­ser­va­zio­ni astro­no­mi­che e dal­lo svi­lup­po del­le me­ri­dia­ne (co­mun­que le­ga­te al so­le). Più pre­ci­sa della sua an­te­na­ta ad ac­qua – la ve­lo­ci­tà con cui i li­qui­di scor­ro­no è in­fluen­za­ta da di­ver­si fat­to­ri –, nel­la cles­si­dra a sab­bia la du­ra­ta del ci­clo di­pen­de da quan­ti­tà e qua­li­tà della sab­bia, dal­la di­men­sio­ne del col­lo e dal­la for­ma dei due bul­bi. Si­no al per­fe­zio­na­men­to dell’oro­lo­gio a pen­do­lo, la cles­si­dra a sab­bia è sta­ta l’uni­co stru­men­to af­fi­da­bi­le per la mi­su­ra del tempo, in par­ti­co­la­re in ma­re. Co­me sap­pia­mo il ci­clo di una cles­si­dra può va­ria­re da po­chi se­con­di a pa­rec­chi me­si, tut­to di­pen­de dal­la sua di­men­sio­ne: sul­la Piazza Ros­sa di Mosca, per esem­pio, ve n’è una alta qua­si 12 me­tri. Un ve­ro re­cord (non solo tem­po­ra­le).

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.