Scrit­tu­ra: i ri­tua­li aiu­ta­no la crea­ti­vi­tà

La crea­ti­vi­tà de­ve es­se­re sup­por­ta­ta da me­to­do, co­stan­za e qual­che ri­tua­le, co­me te­sti­mo­nia­no an­che al­cu­ni au­to­ri di pro­sa e poe­sia ti­ci­ne­si.

laRegione - Ticino 7 - - Da Prima Pagina - Scri­ve Al­ba Mi­na­deo

Co­me fan­no gli scrit­to­ri a eser­ci­ta­re, sol­le­ci­ta­re, ca­na­liz­za­re l’estro crea­ti­vo? Ec­co che co­sa ci ha det­to Al­ber­to Nes­si: «Tal­vol­ta pren­do un ap­pun­to, per stra­da, in un bar, su un tre­no. Op­pu­re mi vie­ne un’idea di not­te, mi al­zo e la an­no­to su un fo­glio, per non la­scia­re che si per­da nel buio: è un pic­co­lo “te­so­ro not­tur­no” (ma non in sen­so ban­ca­rio...), per me. Il mat­ti­no, poi, la ri­pren­do e ten­to di ela­bo­rar­la let­te­ra­ria­men­te. Ma la­pri­ma co­sa che fac­cio, il­mat­ti­no, è leg­ge­re­qual­che­pa­gi­na, in pro­sa o in poe­sia, di buo­na let­te­ra­tu­ra: è il mio­mo­do di scal­da­re il for­nel­lo del­la­crea­ti­vi­tà. Poi­va­do­nel­mio­stu­dio, ac­can­to al­la ca­sa do­ve abi­to, e cer­co di con­ti­nua­re i la­vo­ri in cor­so. Ogni tan­to al­zo gli oc­chi per guar­da­re, dal­la fi­ne­stra, il ver­de del­la ve­ge­ta­zio­ne: gli al­be­ri mi dan­no for­za, so­no un esem­pio di vi­ta­li­tà».

Ab­bia­mo chie­sto a Ya­ri Ber­na­sco­ni co­me si scri­ve una poe­sia. «Ec­co il pro­ble­ma: si trat­ta ogni vol­ta di un’av­ven­tu­ra di­ver­sa. È qua­si im­pos­si­bi­le pro­gram­ma­re la scrit­tu­ra, or­ga­niz­zan­do con an­ti­ci­po i tem­pi di com­po­si­zio­ne e di ispi­ra­zio­ne. Dif­fi­ci­le in­som­ma par­la­re di “ri­tua­li”. La real­tà è sem­pre me­no ro­man­ti­ca – ma an­che più sor­pren­den­te – di quel­lo che vo­glia­mo im­ma­gi­na­re. Cer­to, ogni tan­to­mi­ri­tro­vo co­mun­que da­van­ti al com­pu­ter con gli ap­pun­ti rac­col­ti nell’ul­ti­ma set­ti­ma­na sul so­li­to tac­cui­no ri­le­ga­to (sem­pre ugua­le, sem­pre­quel­lo), e al­lo­ra­non­può man­ca­re il caf­fè. Ri­go­ro­sa­men­te ama­ro, cor­toe­ne­ro­co­me la­pe­ce». Tom­ma­so Sol­di­ni non è «per­so­na di mol­te ma­nie», ma ha an­che lui i suoi ri­ti: «Mi pia­ce scri­ve­re di mat­ti­na, ma­ga­ri all’al­ba, per tre, quat­tro ore di fi­la, quan­do tut­ti dor­mo­no. Se non è pos­si­bi­le, al­lo­ra­mi ac­con­ten­to di es­se­re all’aper­to, lon­ta­no da qual­sia­si col­le­ga­men­to a in­ter­net, dal­la ra­dio, dai te­le­vi­so­ri, se pos­si­bi­le an­che dai com­pu­ter. Mi pia­ce l’idea (...) di scri­ve­re ama­no sui qua­der­ni qua­dret­ta­ti ret­tan­go­la­ri, quel­li che tro­vi nei gran­di ma­gaz­zi­ni a po­chi fran­chi, per­ché mi dan­no la pos­si­bi­li­tà di mi­su­ra­re ri­ga per ri­ga la fa­ti­ca, mi per­met­to­no di tro­va­re su­bi­to il pas­sag­gio che­mi ero di­men­ti­ca­to, di pren­de­re no­ta del­le nuo­ve idee. I miei li­bri li ho scrit­ti qua­si tut­ti co­sì, spes­so al bar, in una piaz­za af­fol­la­ta, con le ca­me­rie­re che pas­sa­no ve­lo­ci, i vas­soi al­ti tra le ma­ni. Non sen­to che le vo­ci dei miei per­so­nag­gi quan­do tut­to va be­ne, so­no di­strat­to dal­la vi­ta de­gli al­tri, in­ve­ce, quan­do la con­cen­tra­zio­ne si fa fiac­ca; al­lo­ra­mi sem­bra bel­lo guar­da­re la gen­te che be­ve, li­ti­ga o amo­reg­gia die­tro un bic­chie­re. Avol­te, se pro­prio le co­se non fun­zio­na­no, tra­scri­vo le con­ver­sa­zio­ni che sen­to, co­sì, tan­to­per».

Ma c’è an­che chi, co­me Fa­bio Pu­ster­la, di­ce: «Non ho, cre­do, ri­tua­li di nes­sun ti­po, e scri­vo quan­do pos­so, non quo­ti­dia­na­men­te.» O Da­nie­le Ber­nar­di: «Non ho par­ti­co­la­ri abi­tu­di­ni se non

(co­me tan­ti) quel­la di por­ta­re con me un qua­der­no per gli ap­pun­ti - poi, a di­pen­den­za dei mo­men­ti, mi met­to al­la ta­stie­ra e scri­vo, ri­scri­vo e cor­reg­go. Tut­to qui».

RI­TUA­LI AL FEM­MI­NI­LE

Se­con­do Vir­gi­na Woolf, oc­cor­re «una stan­za tut­ta per sé». Una sua omo­ni­ma con­tem­po­ra­nea, Vir­gi­nia Hel­bling, rie­sce a scri­ve­re sen­za ave­re spa­zio e tempo pro­tet­ti. «Vi­ven­do in una fa­mi­glia nu­me­ro­sa ho im­pa­ra­to a far­lo sem­pre e ovun­que. Con la TV ac­ce­sa, i bam­bi­ni che gio­ca­no, par­la­no o ur­la­no. Pe­rò mi ca­pi­ta di di­re: “Da que­sto mo­men­to in avan­ti crol­li pu­re il mon­do ma è as­so­lu­ta­men­te vie­ta­to di­re­mam­ma”. Per­ché se ven­go in­ter­pel­la­ta trop­pe vol­te per­do il fi­lo del di­scor­so. Non è che fun­zio­ni a di­re il ve­ro: ma mi ac­con­ten­to se le ri­chie­ste si ri­du­co­no del cin­quan­ta per cen­to. Due cal­co­li. Un gior­no ho con­ta­to dal mat­ti­no a se­ra il nu­me­ro di “mam­ma” pro­nun­cia­to dai miei [sei] fi­gli. Era­no cir­ca 250. Su 12 ore so­no cir­ca 20 “mam­ma” all’ora, uno ogni tre mi­nu­ti. Se per scri­ve­re pos­so con­ta­re su del­le apnee da “mam­ma” di al­me­no sei mi­nu­ti na­vi­go a ve­le spie­ga­te».

E Clau­dia Qua­dri rac­con­ta: «Fin qui i miei ri­tua­li so­no sta­ti più “ne­ces­sa­ri” che fo­bi­ci o se­gre­ti, del ti­po: i fi­gli, tut­to a po­sto? So­no oc­cu­pa­ti in at­ti­vi­tà non trop­po pe­ri­co­lo­se? Il ca­gnac­cio è usci­to e ha mangiato, co­sì sta­rà tran­quil­lo per qual­che ora? Quan­do scri­vo be­vo gran­di quan­ti­tà di tè ver­de e bian­co e caf­fè d’or­zo – ma in real­tà an­che quan­do non scri­vo – e quan­do ho bi­so­gno di chia­rir­mi le idee in­ter­rom­po le ses­sio­ni di scrit­tu­ra e fac­cio una pas­seg­gia­ta. E il ca­ne, quan­do lo chia­mo per usci­re pen­se­rà: ma co­sa vuo­le? L’ho por­ta­ta fuo­ri pri­ma, non do­ve­va star­se­ne tran­quil­la per qual­che ora a scri­ve­re?».

AL­BER­TO NES­SI ©MA­RIO DEL CUR­TO

CLAU­DIA QUA­DRI ©SEBASTIEN AGNETTI

DA­NIE­LE BER­NAR­DI ©ALE­XAN­DRE ZVEIGER

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.