Leo­ne da ta­stie­ra fuo­ri la fac­cia!

Geor­ges è un im­pie­ga­to mo­del­lo che da ol­tre die­ci an­ni la­vo­ra per un’azien­da di tra­spor­ti mol­to ri­no­ma­ta sul ter­ri­to­rio. Ha una pas­sio­ne sfre­na­ta per in­ter­net e quan­do il la­vo­ro e la fa­mi­glia lo con­sen­to­no si con­net­te al­la re­te, ma il suo at­teg­gia­men­to no

laRegione - - La Pagina Del Sabato - Di Ales­san­dro Tri­vi­li­ni, ri­cer­ca­to­re e os­ser­va­to­re scien­ti­fi­co

“Pif, hai let­to la news di og­gi”? – chie­de Geor­ges al suo col­le­ga men­tre gui­da il ca­mion dell’azien­da. “No, a co­sa ti ri­fe­ri­sci”? “Dai, non dir­mi che non sai nien­te! In re­te ne par­la­no tut­ti. Pa­re che un personaggio fa­mo­so sia sta­to pre­so con le ma­ni nel sac­co” – spie­ga Geor­ges al vo­lan­te. “Vab­bè dai, non è il pri­mo e non sa­rà l’ul­ti­mo, non dir­mi che ti scan­da­liz­zi an­co­ra per que­ste co­se”? – di­ce Pif as­son­na­to. “Io? Ma che scher­zi! Pro­prio non mi in­te­res­sa­no que­ste no­ti­zie, in­fat­ti non le leg­go mai sul gior­na­le, ma quan­do le tro­vo sui so­cial al­lo­ra mi bol­le il san­gue e mi pren­de il ner­vo­so, so­prat­tut­to leg­gen­do i com­men­ti de­gli al­tri”. “Geor­ges, non ti agi­ta­re! Si­cu­ro che va tut­to be­ne”? – chie­de Pif. “Sì, tran­quil­lo, tut­to ap­po­sto. An­zi, ti va di gui­da­re al mio po­sto? Ho il te­le­fo­no che con­ti­nua a man­dar­mi no­ti­fi­che e vor­rei ri­spon­de­re, cre­do che la que­stio­ne in Fa­ce­book stia bol­len­do e non pos­so man­ca­re”. “Va be­ne, nes­sun pro­ble­ma, ac­co­sta che pas­so io al vo­lan­te”. “Gra­zie Pif, sei un ami­co! Ora pos­so si­ste­ma­re que­sta gen­tac­cia, la de­ve fi­ni­re di di­re caz­za­te in re­te. Lo­ro non san­no co­me ci si com­por­ta” – sbot­ta Geor­ges non ap­pe­na se­du­to sul se­di­le a de­stra. “Geor­ges! Si­cu­ro che va tut­to be­ne? Hai la fac­cia ros­sa, gli oc­chi sgra­na­ti e stai par­lan­do da so­lo col te­le­fo­no. Cre­do che tu deb­ba far­ti ve­de­re da uno bra­vo” – di­ce Pif scher­zan­do. “Stai zit­to e gui­da. Non ti pre­oc­cu­pa­re di quel­lo che fac­cio io con il mio te­le­fo­no”. “Ok, ok, ok, va be­ne, pe­rò tu ri­las­sa­ti. Non ti ho mai vi­sto co­sì, è la prima vol­ta che mi met­ti a zit­ti­re in que­sto mo­do e so­prat­tut­to con que­sto to­no. Il che non mi fa cer­to pia­ce­re”! – ri­spon­de Pif sor­pre­so.

‘Aspet­ta de­vo so­lo ri­spon­de­re a un al­tro cre­ti­no. Ora gli do una le­zio­ne pu­re a lui, non può per­met­ter­si di in­sul­tar­mi da­van­ti a tut­ti co­sì. Qui so­no io che co­man­do e nes­su­no si de­ve per­met­te­re di con­trad­dir­mi’.

“Ma­le­det­to! Ma­le­det­to! Ma­le­det­to! De­vi mo­ri­re”! – gri­da ad al­ta vo­ce Geor­ges men­tre bat­te le di­ta sul­la ta­stie­ra. “Geor­ges! Tu sei fuo­ri di te­sta, con chi ce l’hai ora”? – chie­de Pif at­to­ni­to. “Tran­quil­lo, non con te, sto la­scian­do un po­st a quel ma­le­det­to di cui ti par­la­vo prima, gli sto dan­do una bel­la le­zio­ne, per­ché de­ve ca­pi­re che cer­te co­se non si fan­no” – spie­ga Geor­ges gal­va­niz­za­to. “Ah! Ma ti rendi con­to che stai par­lan­do con uno scher­mo”? “Ma va’, ci so­no col­le­ga­te un sac­co di per­so­ne in que­sto mo­men­to e quel ma­ia­le lo vo­glio ri­co­pri­re di in­sul­ti, se lo me­ri­ta” – con­ti­nua Geor­ges in­va­sa­to. “Ascol­ta Geor­ges, ora ti dai una cal­ma­ta e ab­bas­si i to­ni, op­pu­re fer­mo im­me­dia­ta­men­te il ca­mion e ti ar­ran­gi” – ur­la Pif in ca­bi­na. “Aspet­ta, dam­mi an­co­ra un se­con­do, de­vo so­lo ri­spon­de­re a un al­tro cre­ti­no. Ora gli do una le­zio­ne pu­re a lui, non può per­met­ter­si di in­sul­tar­mi da­van­ti a tut­ti co­sì. Qui so­no io che co­man­do e nes­su­no si de­ve per­met­te­re di con­trad­dir­mi” – ri­bat­te Geor­ges fu­rio­so. “A me non in­te­res­sa ciò che di­ci, non ti ho mai vi­sto co­sì fuo­ri di te­sta con il tuo cel­lu­la­re, ora mi fer­mo, pren­di un po’ d’aria e ti ri­pi­gli!” – di­ce Pif pre­men­do il pie­de sul fre­no. “Ascol­ta Geor­ges, non so con chi tu stia par­lan­do, ma non ti ri­co­no­sco più. D’un trat­to con quel ca­vo­lo di te­le­fo­no sei im­paz­zi­to e hai ini­zia­to a in­sul­ta­re tut­ti. Ci sei o ci fai? Ma tua mo­glie co­no­sce que­sto la­to na­sco­sto? A ca­sa fai la stes­sa co­sa?”. “Non so­no af­fa­ri tuoi”! “È ve­ro, ma ti ri­cor­do che stia­mo an­dan­do al la­vo­ro in­sie­me e che po­co fa hai per­so com­ple­ta­men­te le staf­fe sen­za mo­ti­vo”! – spie­ga Pif. “Scu­sa, hai ra­gio­ne, non vo­le­vo spa­ven­tar­ti, ma do­ve­vo ri­spon­de­re ad al­cu­ne per­so­ne nei so­cial”. “Ah, ec­co, e lo fai in quel mo­do”? – chie­de di nuo­vo Pif sba­lor­di­to. “Ora è tut­to a po­sto. Ri­pren­di la gui­da e an­dia­mo al la­vo­ro che è tar­di. Tut­to si è ri­sol­to”. “E no! Mi­ca me la dai a be­re! Sem­bra­va una sce­na del film Full Me­tal Jac­ket. Mi hai spa­ven­ta­to”.

‘Mi so­no crea­to un pro­fi­lo Fa­ce­book con un’iden­ti­tà non mia, ho usa­to dati in­ven­ta­ti e ru­ba­to la fac­cia di un ti­zio che non co­no­sco. Co­sì nes­su­no po­trà mai sa­pe­re chi so­no’.

“Ma va’, non esa­ge­ra­re, ho so­lo pre­so un po’ di ner­vo­so per­ché al­cu­ni idio­ti scri­vo­no nei so­cial co­se non ve­re”. “Ec­co, lo hai fat­to di nuo­vo”! “Che co­sa”? – chie­de Geor­ges. “Hai ri­pre­so a mi­tra­glia­re in­sul­ti! E poi, scu­sa un at­ti­mo, chi è quel­lo nel­la fo­to del tuo pro­fi­lo che ve­do sul­lo scher­mo”? – chie­de Pif cu­rio­so. “Qua­le, que­sta”? “Sì, pro­prio quel­la, non sei tu. Al­me­no, non gli so­mi­gli per nien­te”. “Ora ti sve­lo un segreto, ma non lo di­re a nes­su­no”! “Va be­ne, racconta, che que­sta mat­ti­na è la mat­ti­na del­le sorprese”! – escla­ma Pif stu­pe­fat­to. “Mi so­no crea­to un pro­fi­lo in Fa­ce­book con un’iden­ti­tà che non è la mia, ho usa­to dei dati in­ven­ta­ti e ho ru­ba­to la fac­cia di un ti­zio che non co­no­sco. In que­sto mo­do nes­su­no po­trà mai sa­pe­re che so­no io” – spie­ga Geor­ges.

“Stai scher­zan­do ve­ro”? – chie­de Pif in­cre­du­lo. “No, è tut­to ve­ro, guarda”! “Ma tu sei ma­la­to! Ora ca­pi­sco tut­ta que­sta ag­gres­si­vi­tà! Lo fai per­ché sei si­cu­ro che nes­su­no ti pos­sa ri­co­no­sce­re”. “Esat­to! Tan­to in re­te so­no tut­ti im­be­cil­li, a nes­su­no in­te­res­sa chi sei real­men­te”. “Di­ci? Guarda che ti sba­gli e di brut­to”! – ri­spon­de Pif –. “Ciò che scri­vi in re­te la­scia sem­pre del­le trac­ce e se ciò che di­ci dif­fa­ma, ca­lun­nia o le­de la per­so­na­li­tà al­trui, puoi es­se­re de­nun­cia­to e per­se­gui­to pe­nal­men­te. Lo sai o no?”. “Ne sei si­cu­ro? Guarda che io uti­liz­zo una mail fit­ti­zia tem­po­ra­nea che du­ra po­chi me­si, co­sì nes­su­no po­trà mai iden­ti­fi­car­mi” – di­ce Geor­ges si­cu­ro di sé. “Tu sei fuo­ri Geor­ges, la­scia­te­lo di­re. Sai co­me ven­go­no chia­ma­ti quel­li co­me te?”. “No, ma io in re­te so­no un eroe, ho mol­ta gen­te che mi se­gue”. “Tu sei un leo­ne da ta­stie­ra! Uno di quel­li che non ha le pal­le di met­ter­ci la fac­cia. Tut­ti in re­te pos­so­no di­re ciò che vo­glio­no, an­che io ogni tan­to mi la­scio scap­pa­re

qual­che pa­ro­la di trop­po, ma mai ciò che ti ho sen­ti­to di­re po­co fa. So­no ester­re­fat­to!”. “Geor­ges, la­scia­te­lo di­re, sei un gran­de vi­gliac­co! Scom­met­to che nem­me­no tua mo­glie co­no­sce que­sto la­to di te. Ve­ro?” – chie­de Pif. “Sei mat­to, se sco­pris­se che ho un pro­fi­lo in­ven­ta­to che uso per que­ste co­se, non so co­me rea­gi­reb­be” – ri­spon­de Geor­ges im­ba­raz­za­to. “Ma poi che sa­rà mai! Non fac­cio nien­te di ma­le. Quan­do so­no in re­te mi pren­do­no cer­te pul­sio­ni che non rie­sco a con­trol­la­re e con que­sto pro­fi­lo fa­ke le pos­so sca­ri­ca­re sen­za pro­ble­mi”. “Lo sa­pe­vo, dop­pia­men­te co­dar­do. Un ve­ro leo­ne da ta­stie­ra. Ne de­vi su­bi­to par­la­re a tua mo­glie, al­tri­men­ti lo fa­rò io. De­vi chie­de­re aiu­to e que­sta tua ag­gres­si­vi­tà de­ve usci­re dai so­cial net­work. Poi ri­cor­da­ti che in Sviz­ze­ra il tuo at­teg­gia­men­to po­treb­be es­se­re per­se­gui­to pe­nal­men­te. Te lo ri­pe­to per l’ul­ti­ma vol­ta, stai at­ten­to a ciò che fai con quel pro­fi­lo, per­ché in Sviz­ze­ra la ca­lun­nia e la dif­fa­ma­zio­ne, con­tra­ria­men­te ad al­tri Pae­si, so­no dei rea­ti”.

‘Sei uno di quel­li che non ha le pal­le da met­ter­ci la fac­cia...’ Ales­san­dro Tri­vi­li­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.