La pan­chi­na del­la ver­go­gna

laRegione - - Prima Pagina - Di Mat­teo Ca­rat­ti

Co­me è fa­ci­le com­pli­ca­re co­se sem­pli­ci! Ie­ri, nel­le pa­gi­ne del Men­dri­siot­to, ci sia­mo oc­cu­pa­ti di lit­te­ring (spor­ci­zia, ri­fiu­ti but­ta­ti per stra­da), pro­dot­to da per­so­ne che sul mez­zo­gior­no si ci­ba­no di pa­ni­ni e af­fi­ni ac­qui­sta­ti in ne­go­zi e li con­su­ma­no per stra­da ab­ban­do­nan­do le car­tac­ce nei pres­si di una pan­chi­na del cen­tro. Se ab­bia­mo ben ca­pi­to, il Co­mu­ne, per evi­ta­re di do­ver rac­co­glie­re la spor­ci­zia, ha pre­fe­ri­to to­glie­re la pan­chi­na. Pa­re che al­tre mi­su­re sia­no al­lo stu­dio, co­me quel­la di in­stal­la­re te­le­ca­me­re. E poi co­sa an­co­ra? Do­man­da: non è che la si sta for­se fa­cen­do trop­po com­pli­ca­ta?

Se­gue dal­la Pri­ma Ba­ste­reb­be mul­ta­re le per­so­ne po­co ri­spet­to­se de­gli spa­zi pub­bli­ci che get­ta­no per ter­ra car­tac­ce, lat­ti­ne, bot­ti­glie ec­ce­te­ra. Ba­ste­reb­be che, per qual­che gior­no, pro­prio nei din­tor­ni di quel­la pan­chi­na del­la ver­go­gna si piaz­zas­se un agen­te col com­pi­to di san­zio­na­re i lor­da­to­ri. Co­sì si spar­ge­rà la vo­ce che, non so­lo lo sport del lit­te­ring è fuo­ri­leg­ge, ma che an­che i ma­le­du­ca­ti ven­go­no di­ret­ta­men­te toc­ca­ti nel lo­ro bor­sel­lo. Se esi­sto­no leg­gi e re­go­le al­la ba­se del vi­ve­re co­mu­ne e ci­vi­le e non le si fa ri­spet­ta­re a che ser­vo­no? An­zi, vi­sta l’as­sen­za di san­zio­ni, chi osa vio­lar­le con­ti­nue­rà a far­lo. E chi non le vio­la po­treb­be ini­zia­re a far­lo. In­ve­ce di que­sta sem­pli­ce so­lu­zio­ne, co­me scrit­to, se ne è adot­ta­ta un’al­tra che so­lu­zio­ne non è: via la pan­chi­na. Com­pli­men­ti per la bel­la e ori­gi­na­le tro­va­ta! Chi con­ti­nue­rà a man­giar­si il pa­ni­no sul mez­zo­gior­no sen­za far­si pro­ble­mi di get­ta­re i ri­fiu­ti per ter­ra, li get­te­rà quin­di da un’al­tra par­te, ma­ga­ri an­che so­lo qual­che me­tro più in là. E chi – pen­sia­mo ad esem­pio gli an­zia­ni o qual­che mam­ma/pa­pà con pu­po – ha la ne­ces­si­tà di fa­re una pau­set­ta, men­tre fa la sua pas­seg­gia­ti­na, non tro­ve­rà più le pan­chi­ne per ri­po­sar­si. E al­la fin fi­ne, vi­sto che que­sto vi­ziet­to di to­glie­re le pan­chi­ne nei cen­tri sem­bra co­mu­ne an­che ad al­tre cit­tà del Ti­ci­no, avre­mo cen­tri sem­pre più vuo­ti, sem­pre me­no fre­quen­ta­ti, vi­sto che chi vuol se­der­si un at­ti­mo sul­la pub­bli­ca via è co­stret­to a an­da­re al bar o al ri­sto­ran­te. Non sia­mo an­che in un’era nel­la qua­le la po­po­la­zio­ne in­vec­chia e la gen­te cer­ca pu­re luo­ghi per so­cia­liz­za­re e fa­re co­mu­ni­tà? Ec­co, le pan­chi­ne in cen­tro ser­vo­no an­che a que­sto: una ra­gio­ne in più per man­te­ner­le, an­zi per au­men­tar­le. E per san­zio­na­re, lo ri­pe­tia­mo, con de­ci­sio­ne chi in­soz­za il suo­lo pub­bli­co. Di ci­vi­ca tan­to si par­la. Qui la si pra­ti­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.