Ma qua­le Ar­go…

laRegione - - Albo - fau­sto­bof­fi@icloud.com di Fau­sto Bof­fi

Ami­co mio… che ne di­ci di Ar­go?

Co­sa vuoi che ne di­ca… A me ne ave­va­no in­se­gna­ti tre: l’Ar­go­nau­ta, il Mo­stro e il Ca­ne.

E al­lo­ra ti ri­pe­to la do­man­da: qua­le dei tre?

Fam­mi pen­sa­re… Di­men­ti­ca­vo la co­stel­la­zio­ne, ma quel­la pren­de il no­me dal­la na­ve de­gli Ar­go­nau­ti, co­strui­ta ap­pun­to da Ar­go. Ma non mi sem­bra quel­lo il Tuo. An­che se, sco­po del­la spe­di­zio­ne del­la qua­le fa­ce­va par­te Ar­go, era quel­lo di im­pa­dro­nir­si del “Vel­lo d’Oro”. Mah? Co­mun­que, sem­pre di oro si trat­ta­va…

Il Mo­stro. Se ben ri­cor­do si trat­ta di un es­se­re mo­struo­so dai quat­tro­cen­to o più occhi sparsi per tut­to il cor­po. Pa­re che Er­mes l’ab­bia de­ca­pi­ta­to, do­po aver­lo ad­dor­men­ta­to pe­rò. E pen­sa­re che era il gi­gan­te chia­ma­to, guar­da ca­so, pu­re Ar­go che Era usa­va per le sue ven­det­te. Non di­men­ti­chia­mo che Era, la “re­gi­na de­gli Dei”, fa­ce­va par­te del­la mas­si­ma au­to­ri­tà: era spo­sa di Zeus… Bel co­rag­gio sto Er­mes! Co­mun­que, tan­to per sta­bi­li­re da che par­te sta il po­te­re, Era lo tra­sfor­mò – il gi­gan­te – in un pa­vo­ne e “ne spar­se gli occhi sul­le pen­ne del­la co­da”. Che ci fa­ce­va con i quat­tro­cen­to occhi, se non guar­da­re, con­trol­la­re?

Il Ca­ne. Fa ri­ma (si fa per di­re) con Odis­sea, il che po­treb­be spie­ga­re tan­te co­se. Mi ri­cor­do che Odis­seo o Ulisse (a scel­ta), giun­to al­la reg­gia per ven­di­car­si dei Pro­ci, vi­de il suo ca­ne or­mai mo­ri­bon­do, but­ta­to là su un le­ta­ma­io in at­te­sa di es­se­re uti­liz­za­to come con­ci­me. Si ri­co­no­sco­no. Ar­go ten­ta di al­zar­si, ma non ce la fa. Il Pa­dro­ne, per con­tro, mo­ral­men­te im­pe­gna­to a non far­si sco­pri­re, fa fin­ta di nien­te e si sfi­la, con quel che se­gue… E pen­sa­re che Ar­go era sta­to

cre­sciu­to e al­le­va­to, pro­prio da Ulisse, al­lo sco­po di cac­cia­re, an­che nel più fit­to dei bo­schi, ani­ma­li, be­stie ecc. In­som­ma tut­to ciò che egli ri­te­ne­va estra­neo e dan­no­so al­le e nel­le sue pro­prie­tà.

E al­lo­ra, ami­co mio, qua­le Ar­go? Quel­lo del Vel­lo d’Oro? Dei quat­tro­cen­to occhi o del ca­ne da cac­cia?

Stan­do co­sì le co­se (di­reb­be il Si­gnor Nes­su­no) – quel­le co­sid­det­te se­gre­te, ag­giun­go io – che vuoi che ti di­ca… Met­tia­mo­la co­sì: Ulisse è sol­tan­to un uo­mo. Si può far­gli una col­pa se nel­le oc­ca­sio­ni più dif­fi­ci­li del­la sua vi­ta, le sue ca­pa­ci­tà si so­no com­por­ta­te come o peg­gio...

Ami­co mio, non di­men­ti­ca­re pe­rò che ciò che il mon­do chia­ma ca­pa­ci­tà, di so­li­to è una qua­li­tà al­la qua­le si dà un no­me one­sto per fa­re im­pu­ne­men­te ciò che si vuo­le. (La Ro­che­fou­cault, pa­ra­fra­sa­to)!

Io in­ve­ce me lo spie­go, co­sì al­la buo­na, come il pa­lo del­la ban­da dell’Or­ti­ca (ti ri­cor­di Jan­nac­ci?): “Ha vi­sto nul­la, ma in com­pens l’ha sen­tii nient”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.