L’al­tra uma­ni­tà di Ze­ro­cal­ca­re

laRegione - - Culture E Società -

Cri­si per­so­na­le e cri­si ge­ne­ra­zio­na­le si in­trec­cia­no nel nuo­vo li­bro di Ze­ro­cal­ca­re. In ‘Ma­ce­rie pri­me’ (Bao Pu­bli­shing) il fu­met­ti­sta ita­lia­no più ac­cla­ma­to de­gli ul­ti­mi an­ni par­te fa­cen­do i con­ti con le ri­chie­ste (gli ‘ac­col­li’) che lo per­se­gui­ta­no quo­ti­dia­na­men­te met­ten­do al­la pro­va im­pe­gno po­li­ti­co, ami­ci­zie e la vo­glia di re­sti­tui­re qual­co­sa del pro­prio suc­ces­so. Tra que­sti ac­col­li, la pro­po­sta di par­te­ci­pa­re a un ban­do che ar­ri­va da tut­to il suo grup­po di ami­ci – com­pre­sa l’ine­di­ta fi­gu­ra qua­si pa­ter­na di De­pre­ca­bi­le – è insieme mo­to­re del­la vi­cen­da e spec­chio di un pro­ble­ma: “Spes­so in que­sti an­ni non c’è sta­to al­tro mo­do di re­la­zio­nar­si che non fos­se stru­men­ta­le al mio la­vo­ro – rac­con­ta all’Ansa Mi­che­le Re­ch, in ar­te Ze­ro­cal­ca­re –. Non par­lo di stru­men­ta­liz­za­zio­ne, per­ché le cau­se so­no im­por­tan­ti an­che per me, e ca­pi­sco chi mi cer­ca come me­ga­fo­no. La mia cri­si in­fat­ti non è ri­spet­to a quei va­lo­ri o al mon­do di cen­tri so­cia­li e spa­zi oc­cu­pa­ti in cui so­no cre­sciu­to: io met­to in di­scus­sio­ne come star­ci, in quel mon­do, come te­ne­re insieme l’aspet­to pro­fes­sio­na­le con l’aspet­to po­li­ti­co e re­la­zio­na­le”. La sto­ria di fat­to si con­cen­tra più sul­la cer­chia di ami­ci del pro­ta­go­ni­sta, che non su que­st’ul­ti­mo: “Ho la pre­sun­zio­ne di es­se­re cre­sciu­to con per­so­ne ge­ne­ro­se e vo­len­te­ro­se, che so­no ri­sor­se per que­sta società mol­to più va­li­de di me. Og­gi ve­do che stan­no al chio­do e fi­ni­sco­no a fa­re gli in­ven­ta­ri ai su­per­mer­ca­ti di not­te: vo­le­vo rac­con­ta­re le lo­ro vi­te”. In­trap­po­la­ti nel la­vo­ro come ne­gli af­fet­ti, i personaggi ve­do­no mi­nac­cia­ta la lo­ro uma­ni­tà: “L’uma­ni­tà è cer­ca­re di ri­ma­ne­re lu­ci­di ed em­pa­ti­ci no­no­stan­te il crol­lo del­le cer­tez­ze, quan­do ognu­no cer­ca di sal­va­re se stes­so a sca­pi­to de­gli al­tri: il fu­met­to rac­con­ta pro­prio di que­sto, che è po­ten­zial­men­te il crol­lo del­la società”. Una si­tua­zio­ne ri­fles­sa an­che nel con­trap­pun­to del rac­con­to, una sto­ria al­le­go­ri­ca dai con­tor­ni po­st-apo­ca­lit­ti­ci: “Quel­la di­men­sio­ne mi sem­bra­va la più in­di­ca­ta per mo­stra­re la con­di­zio­ne di chi mi sta in­tor­no: per tan­to tem­po ho rac­con­ta­to lo smar­ri­men­to del­la mia ge­ne­ra­zio­ne che si è af­fac­cia­ta sul mon­do del la­vo­ro con cer­te aspet­ta­ti­ve men­tre le ga­ran­zie era­no sva­ni­te. Pri­ma ave­vo ca­ra l’im­ma­gi­ne del nau­fra­gio, ma con un’apo­ca­lis­se de­vi fa­re i con­ti e an­da­re avan­ti in qual­che mo­do: so­no pas­sa­ti 15 an­ni e que­sto sen­so di de­lu­sio­ne non può du­ra­re all’in­fi­ni­to, co­sì mi pa­re che in qual­che mo­do ci sia­mo as­sue­fat­ti e ci stia­mo ar­ra­bat­tan­do”.

‘Ma­ce­rie pri­me’

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.