L’ex di­ret­to­re Zois: ‘È man­ca­to l’ar­gi­ne per di­fen­der­si dall’im­bo­sca­ta’

laRegione - - Il Fatto Del Giorno - di Cri­sti­na Fer­ra­ri

«Era una cro­na­ca, pur­trop­po, an­nun­cia­ta». Giu­sep­pe Zois, di­ret­to­re del GdP dal 1996 al 2002, è ram­ma­ri­ca­to: «Non di­co che bi­so­gnas­se sta­re con il Cor­rie­re ‘to­do mo­do’, a su­bi­re e ac­cet­ta­re quel­lo che di­ce­va­no e pre­ten­de­va­no lo­ro, di­co pe­rò che se vuoi un pia­no al­ter­na­ti­vo, una stra­da di­ver­sa – scel­ta pe­ral­tro di co­rag­gio – de­vi ave­re del­le si­cu­rez­ze, de­vi por­ti un ar­gi­ne pro­tet­ti­vo co­sì che la pri­ma im­bo­sca­ta non ti co­strin­ga a soc­com­be­re». Poi dal pre­sen­te tor­na a ‘quel’ pas­sa­to: «I nostri so­no sta­ti an­ni per i qua­li ri­ven­di­co al CdT, gra­zie al me­ri­to col­let­ti­vo, un gior­na­le che ha par­la­to mol­te­pli­ci­tà di lin­guag­gi. Non ab­bia­mo mai chiu­so le por­te a nes­su­no, ab­bia­mo da­to a tut­ti una pos­si­bi­li­tà di espri­mer­si, sia­mo sta­ti aper­ti e ri­spet­to­si ver­so tut­ti». Zois parla di un ul­te­rio­re mo­ti­vo di ram­ma­ri­co: «Chiu­den­do il GdP si chiu­de una scuo­la di gior­na­li­smo che va­le di più di qual­sia­si cor­so di scien­ze del­la co­mu­ni­ca­zio­ne, per­ché lì ti for­ma­vi, im­pa­ra­vi, eri con­fron­ta­to con la notizia, sta­vi con la gen­te. Quan­ti gior­na­li­sti so­no ve­nu­ti fuo­ri! Tut­ti fa­ce­va­no la ba­va per pren­de­re i gior­na­li­sti del GdP, ne han­no por­ta­ti via in pro­gres­sio­ne, sen­za fi­ne... è un elen­co te­le­fo­ni­co! Sen­za con­ta­re che ab­bia­mo da­to mol­to spazio in re­da­zio­ne al­le don­ne, an­ti­ci­pan­do i tem­pi del­le più con­tro­ver­se quo­te ro­sa». Di que­sta ri­sor­sa per la sce­na in­for­ma­ti­va can­to­na­le che vie­ne me­no Zois ne è ben con­scio e met­te in guar­dia: «Ab­bia­mo sem­pre fat­to un gior­na­le con la più gran­de mol­ti­pli­ci­tà di lin­guag­gi e que­sto ci è stato ri­co­no­sciu­to. Sia­mo sem­pre sta­ti il ‘gior­na­le del po­po­lo’, in­ter­pre­tan­do le at­te­se e le spe­ran­ze che cia­scu­no di noi col­ti­va, stan­do vi­ci­ni al­la gen­te, a quel­la che non fa notizia, per­ché la notizia na­sce spes­so dal­la ne­ga­ti­vi­tà. La mag­gior par­te del­le per­so­ne, in­ve­ce, la­vo­ra, fa fa­ti­ca, por­ta avan­ti e cer­ca di ri­sol­ve­re i suoi pro­ble­mi, cer­ca di aprir­si e apri­re stra­de al fu­tu­ro. Ab­bia­mo rac­con­ta­to la quo­ti­dia­ni­tà, ac­can­to al po­po­lo. Il mio è senz’al­tro un ri­cor­do di gra­ti­tu­di­ne e al tem­po stes­so di tri­stez­za per­ché, cre­do, obiet­ti­va­men­te, che si po­tes­se cer­ca­re un’al­tra so­lu­zio­ne per an­da­re avan­ti. Pur nel­le dif­fi­col­tà eco­no­mi­che stac­ca­re la spi­na ri­sul­ta fin trop­po fa­ci­le, sen­za con­ta­re che vai a chiu­de­re uno stru­men­to di co­mu­ni­ca­zio­ne de­ci­si­vo al gior­no d’og­gi per tra­smet­te­re la lin­fa del tuo messaggio».

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.