Giu­lia­ni: tan­to Fbi per nul­la

laRegione - - Estero -

New York – Al­la fi­ne la fa­rà fran­ca, met­tia­mo­la co­sì. Le in­da­gi­ni sul Rus­sia­ga­te si con­clu­de­ran­no sen­za l’in­cri­mi­na­zio­ne di Do­nald Trump: al più avran­no pro­dot­to un rap­por­to di Ro­bert Muel­ler sen­za con­se­guen­ze po­li­ti­che. Ad as­si­cu­rar­lo è stato un sem­pre più at­ti­vo Ru­dol­ph Giu­lia­ni, di­ve­nu­to fi­gu­ra di pun­ta del team di le­ga­li di Trump, che pe­rò evi­ta di con­si­de­ra­re quel­lo che mol­ti os­ser­va­to­ri met­to­no in evi­den­za: quel rap­por­to po­treb­be es­se­re la ba­se per una even­tua­le azio­ne di im­pea­ch­ment da par­te del Con­gres­so, so­prat­tut­to se la sua com­po­si­zio­ne cam­bie­rà do­po il vo­to di mid-term, nel prossimo no­vem­bre. A un an­no dall’ini­zio del­le in­da­gi­ni sui so­spet­ti le­ga­mi fra Trump e Mo­sca du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le del 2016, il pre­si­den­te si è fat­to bef­fe, via Twit­ter, degli in­ve­sti­ga­to­ri: do­po tut­to que­sto tem­po – ha so­ste­nu­to – nem­me­no uno strac­cio di pro­va che ci sia sta­ta col­lu­sio­ne o ostru­zio­ne del­la giu­sti­zia da par­te del pre­si­den­te. In ef­fet­ti, il mag­gior pe­ri­co­lo che do­po 12 me­si di in­da­gi­ni corre il pro­cu­ra­to­re spe­cia­le – e su que­sto so­no con­cor­di mol­ti os­ser­va­to­ri e com­men­ta­to­ri po­li­ti­ci – è quel­lo di per­de­re il so­ste­gno di quel­la par­te dell’opi­nio­ne pub­bli­ca che fi­no­ra ha so­ste­nu­to le in­da­gi­ni. Per­ché se è ve­ro che il la­vo­ro degli in­ve­sti­ga­to­ri pro­se­gue – 19 per­so­ne e tre azien­de in­cri­mi­na­te e cin­que pron­te a pat­teg­gia­re – è an­che ve­ro che an­co­ra non c’è una ri­spo­sta al­la do­man­da più im­por­tan­te: la cam­pa­gna di Trump si coor­di­nò con la Rus­sia per in­fluen­za­re le ele­zio­ni pre­si­den­zia­li del 2016? Giu­lia­ni ha co­mun­que spie­ga­to in una in­ter­vi­sta al­la Cnn che il pro­cu­ra­to­re Muel­ler avreb­be co­mu­ni­ca­to al team dei le­ga­li di Trump che si at­ter­rà al­le li­nee gui­da del Di­par­ti­men­to di giu­sti­zia, quel­le se­con­do cui un pre­si­den­te non può es­se­re in­cri­mi­na­to: “Tut­to quel­lo che fa­ran­no – ha det­to l’ex sindaco di New York – è scri­ve­re un rap­por­to”. Ma Giu­lia­ni è pur lo stes­so che am­mi­se che l’av­vo­ca­to di Trump ave­va com­pra­to il si­len­zio di una cer­ta por­no­star. Quan­do parla lui, il pre­si­den­te ha di che in­quie­tar­si.

KEY­STO­NE

Muel­ler

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.