L’app che ti tro­va par­cheg­gio

Con una nuo­va start up due studenti di Bellinzona in­ten­do­no fa­ci­li­ta­re la ri­cer­ca di po­steg­gi Chiun­que può met­te­re a di­spo­si­zio­ne uno stal­lo li­be­ro, per al­cu­ne ore o me­si. L’uten­te vie­ne con­dot­to sul po­sto gra­zie al­la fun­zio­ne na­vi­ga­to­re.

laRegione - - Bellinzona E Valli - Di Ka­tiu­scia Ci­da­li

A chi non è mai ca­pi­ta­to di gi­ro­va­ga­re a vuo­to in au­to­mo­bi­le al­la ri­cer­ca di un par­cheg­gio? Nei cen­tri cit­tà, il via vai di vet­tu­re in cer­ca di uno stal­lo è una real­tà no­ta, so­prat­tut­to nel­le ore di pun­ta. Pro­prio per evi­ta­re l’inu­ti­le di­spen­dio di ener­gia e di ben­zi­na, è sta­ta pro­get­ta­ta una nuo­va applicazione che per­met­te di tro­va­re un po­steg­gio in tut­to il Ti­ci­no e Gri­gio­ni ita­lia­no, in ogni mo­men­to con il pro­prio smart­pho­ne. Gli idea­to­ri del pro­get­to so­no due studenti 19en­ni di Bellinzona: Simone Con­ti e Alek­san­dar La­vrek. La start up In-si­de dei due neoim­pren­di­to­ri si ba­sa sul prin­ci­pio dell’economia con­di­vi­sa (sha­ring economy), l’obiet­ti­vo dell’app – che si po­trà sca­ri­ca­re da fi­ne giu­gno – è met­te­re in con­tat­to i pro­prie­ta­ri pri­va­ti di un par­cheg­gio che de­si­de­ra­no af­fit­tar­lo, an­che so­lo per un de­ter­mi­na­to pe­rio­do in cui ri­mar­reb­be li­be­ro, e gli au­to­mo­bi­li­sti che si tro­va­no in zo­na e che ne so­no al­la ri­cer­ca. Il prin­ci­pio di funzionamento di In-si­de è strut­tu­ra­to su un al­go­rit­mo che pro­po­ne i par­cheg­gi di­spo­ni­bi­li nel­le vi­ci­nan­ze, non ap­pe­na l’uten­te ac­ce­de all’app che, col­le­ga­ta al­le map­pe di Goo­gle, fun­ge an­che da na­vi­ga­to­re, e vie­ne co­sì gui­da­to fi­no a de­sti­na­zio­ne. Per ca­pi­re con esat­tez­za qual è il po­steg­gio scel­to, una fo­to­gra­fia del­lo stal­lo, ca­ri­ca­ta sull’app, per­met­te di fu­ga­re ogni dub­bio. Il si­ste­ma in­te­gra an­che la mo­da­li­tà di pa­ga­men­to che av­vie­ne nel­la for­ma di­gi­ta­le, con i ‘coin’, va­lu­ta in­ter­na uti­liz­za­bi­le so­lo per l’app in que­stio­ne. Un me­to­do che, co­me spie­ga­no gli idea­to­ri, è più pra­ti­co e im­me­dia­to ri­spet­to a un clas­si­co pa­ga­men­to on­li­ne. L’in­cas­so to­ta­le per i po­steg­gi mes­si a di­spo­si­zio­ne ver­rà ver­sa­to una vol­ta, al­la fi­ne del me­se. Con­ti e La­vrek, no­no­stan­te la gio­va­ne età, han­no già all’at­ti­vo un al­tro pro­get­to di suc­ces­so a li­vel­lo na­zio­na­le, che ope­ra nel set­to­re dell’istru­zio­ne, si trat­ta di Wor­kin­pairs, una piat­ta­for­ma che met­te in con­tat­to do­cen­ti con al­lie­vi per le­zio­ni pri­va­te (ve­di ar­ti­co­lo cor­re­la­to).

Di­mi­nui­re il traf­fi­co e l’in­qui­na­men­to: ‘Pri­ma si po­steg­gia e me­no si in­qui­na’

Com’è na­ta l’idea di que­sta nuo­va applicazione? La­vrek ci spie­ga che il pro­get­to è stato svi­lup­pa­to per ri­spon­de­re a un’esi­gen­za che c’è sul ter­ri­to­rio. «Sia­mo au­to­mo­bi­li­sti, e co­me ta­li, ri­scon­tria­mo spes­so dif­fi­col­tà a tro­va­re un par­cheg­gio», gli fa eco Con­ti, fa­cen­do no­ta­re che il nu­me­ro di stal­li è in di­mi­nu­zio­ne men­tre i prezzi so­no in au­men­to. C’è pe­rò an­che una com­po­nen­te am­bien­ta­le: «Pri­ma una per­so­na tro­va po­steg­gio e me­no in­qui­na con la pro­pria au­to», fa no­ta­re La­vrek. «Al­cu­ne sta­ti­sti­che in­di­ca­no che nei cen­tri il 30-35% del traf­fi­co è ge­ne­ra­to da co­lo­ro che so­no al­la ri­cer­ca di un par­cheg­gio», os­ser­va Con­ti. Sul­la piat­ta­for­ma, chi in­ten­de met­te­re a di­spo­si­zio­ne dei po­steg­gi può far­lo iscri­ven­do­si gra­tui­ta­men­te. In se­gui­to è pos­si­bi­le sce­glie­re con che mo­da­li­tà, co­me il no­leg­gio, che

pre­ve­de una mes­sa a di­spo­si­zio­ne ora­ria, da 1.50 a 2.50 fran­chi all’ora (a se­con­da del ti­po di po­steg­gio e di do­ve si tro­va). Per se­gna­la­re agli uten­ti le ore esat­te in cui si vuo­le no­leg­giar­lo si usa un ca­len­da­rio con­di­vi­so. È pos­si­bi­le an­che af­fit­ta­re il

po­steg­gio men­sil­men­te o per pe­rio­di più lun­ghi, con ta­rif­fe da 80 a 125 fran­chi al me­se. Per ave­re un con­trol­lo sui pro­pri po­steg­gi, chi li met­te a di­spo­si­zio­ne ri­ce­ve i da­ti degli uten­ti e le no­ti­fi­che su chi ar­ri­va e chi par­te in tem­po rea­le (con pos­si­bi­li­tà di di­sat­ti­var­le). At­tual­men­te sull’app so­no pre­sen­ti cir­ca 40 stal­li, se ne cer­ca an­co­ra una set­tan­ti­na, chi vo­les­se met­ter­ne a di­spo­si­zio­ne può con­tat­ta­re alek­san­dar.la­vrek@in­group.ch o lo 079 383 62 33.

Gli idea­to­ri, i 19en­ni Simone Con­ti e Alek­san­dar La­vrek

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.