‘Non c’è la to­ta­le as­sen­za di scru­po­li: è stato un omicidio in­ten­zio­na­le’

laRegione - - Mendrisiotto -

L’ar­rin­ga di­fen­si­va degli av­vo­ca­ti di Mi­che­le Egli, Ma­ria Gal­lia­ni e Lu­ca Mar­cel­li­ni, sa­rà com­ple­ta­ta que­sta mat­ti­na. «La di­fe­sa con­te­sta l’as­sas­si­nio – ha pe­rò già pre­an­nun­cia­to l’av­vo­ca­to Gal­lia­ni –. Quan­to com­mes­so è stato un omicidio in­ten­zio­na­le: in una va­lu­ta­zio­ne com­ples­si­va, il com­por­ta­men­to di Mi­che­le Egli pri­ma, du­ran­te e do­po il fat­to è stato quel­lo di un omi­ci­da. Non c’è la to­ta­le as­sen­za di scru­po­li che ca­rat­te­riz­za l’agi­re di un as­sas­si­no». La di­fe­sa, ha pre­ci­sa­to Gal­lia­ni, non con­te­sta il fat­to che Egli ab­bia agi­to sa­pen­do che sta­va com­met­ten­do qual­co­sa di brut­to, ma il fat­to che «ab­bia agi­to con il so­lo in­ten­to di eli­mi­na­re la co­gna­ta con un mo­ven­te fu­ti­le e par­ti­co­lar­men­te per­ver­so de­scrit­to nell’at­to d’ac­cu­sa». La le­ga­le ha sot­to­li­nea­to che l’azio­ne «ha avu­to trop­pe in­cer­tez­ze per so­ste­ne­re che fos­se pia­ni­fi­ca­ta» e l’as­sen­za di un qual­sia­si mo­ven­te. «Il buo­no che l’im­pu­ta­to vo­le­va por­ta­re al­la co­gna­ta quel­la se­ra era un pre­te­sto per in­con­trar­la, non per an­da­re a uc­ci­der­la». La di­spu­ta fa­mi­lia­re sul va­lo­re del­la ca­sa «è un ar­go­men­to emer­so da su­bi­to – ha ag­giun­to Gal­lia­ni –. Non ha pe­rò mai con­trap­po­sto Egli a Na­dia. An­zi a più ri­pre­se Egli è in­ter­ve­nu­to a fa­vo­re del­la co­gna­ta an­che se que­sto po­te­va met­ter­lo in dif­fi­col­tà con la mo­glie». Co­sa è quin­di suc­ces­so il 14 ot­to­bre 2016? «Nel­la sua te­sta, Egli era con­vin­to che Na­dia Ar­cu­di non sa­reb­be mai en­tra­ta in con­flit­to con lui e non si aspet­ta­va che la si­tua­zio­ne po­tes­se cam­bia­re». Quel­la se­ra, ha con­ti­nua­to la le­ga­le, «Egli è stato con­fron­ta­to con una Na­dia che non col­li­ma­va con l’im­ma­gi­ne che ave­va di lei da an­ni». Nel­la vil­let­ta di Stabio si è tro­va­to di fron­te «una don­na esa­spe­ra­ta che ha ri­ver­sa­to sul co­gna­to tut­ta la sua fru­stra­zio­ne con pa­ro­le che lui non vo­le­va sen­tir­si di­re e che ha quin­di re­ce­pi­to co­me una gran­de in­giu­sti­zia nei suoi con­fron­ti. Do­po es­ser­si sem­pre im­pe­gna­to a me­dia­re con la fa­mi­glia, si è sen­ti­to ac­cu­sa­re di non fa­re quel­lo che per lui era un pun­to di onore, va­le a di­re aiu­tar­la e so­ste­ner­la». Uno scontro «del tut­to ina­spet­ta­to» che ha av­via­to la reazione acu­ta da stress sta­bi­li­ta dal­la pe­ri­zia psi­chia­tri­ca. Quel­lo che ne è se­gui­to, «non è sta­ta un’azio­ne a san­gue fred­do e sen­za scru­po­li, ma una reazione di pro­fon­da sof­fe­ren­za av­ve­nu­ta sen­za ce­su­re». Que­sta mat­ti­na l’av­vo­ca­to Lu­ca Mar­cel­li­ni si con­cen­tre­rà sul­la com­mi­su­ra­zio­ne del­la pe­na. In se­gui­to la Cor­te del­le As­si­se cri­mi­na­li di Mendrisio (in Lu­ga­no) si riu­ni­rà in ca­me­ra di con­si­glio. La sen­ten­za po­treb­be ar­ri­va­re in se­ra­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Switzerland

© PressReader. All rights reserved.