Ber­lu­sco­ni-Sal­vi­ni, è scon­tro sul­la pre­mier­ship del cen­tro­de­stra

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Do­vrà es­se­re For­za Ita­lia a "gui­da­re" la "bat­ta­glia" che "un cen­tro­de­stra uni­to e plu­ra­le" con­dur­rà al­le ele­zio­ni del 2018, su un pro­gram­ma mo­de­ra­to che "guar­da all'Eu­ro­pa" e al Ppe. A ri­lan­cia­re la lea­der­ship, pro­pria e del mo­vi­men­to az­zur­ro, è Sil­vio Ber­lu­sco­ni che rin­tuz­za co­sì la sfida di Mat­teo Sal­vi­ni sen­za pe­rò scio­glie­re del tut­to il no­do sul­la po­si­zio­ne da te­ne­re sul­la leg­ge elet­to­ra­le in vi­sta del ver­ti­ce di do­ma­ni tra i ca­pi­grup­po di Fi, Le­ga e Fdi, chia­ma­ti a cer­ca­re di giun­ge­re a una po­si­zio­ne co­mu­ne.

Ma il lea­der del Car­roc­cio re­pli­ca rab­bio­sa­men­te ri­mar­can­do co­me i lum­bard sia­no or­mai la pri­ma for­za nel cen­tro­de­stra e che per que­sto mo­ti­vo deb­ba­no es­se­re trat­ta­ti "al­la pa­ri".

"Nei pros­si­mi me­si - ha scrit­to Ber­lu­sco­ni in un mes­sag­gio ri­vol­to ai for­zi­sti dell'Emi­lia Ro­ma­gna - ci at­ten­de una bat­ta­glia du­ris­si­ma. FI ha il com­pi­to di gui­dar­la, per tor­na­re a go­ver­na­re, nel sol­co del­le idee del Ppe, con i no­stri pro­gram­mi li­be­ra­li fon­da­ti sui no­stri va­lo­ri cri­stia­ni". Pa­ro­le che non han­no fat­to pia­ce­re a Mat­teo Sal­vi­ni - che già nei gior­ni scor­si ave­va at­tac­ca­to il Ppe "schia­vo del­la Mer­kel" - e Gior­gia Me­lo­ni.

Poi, in un mes­sag­gio al­la Festa del quo­ti­dia­no l'Opi­nio­ne, Ber­lu­sco­ni ha rin­ca­ra­to la do­se. Do­po aver il­lu­stra­to il pro­gram­ma "li­be­ra­le" di For­za Ita­lia, ha af­fon­da­to i col­pi: "E' con que­ste idee e con que­sto pro­gram­ma che il cen­tro­de­stra può vin­ce­re le ele­zio­ni, ma so­prat­tut­to può go­ver­na­re l'Ita­lia per cin­que an­ni ed af­fron­ta­re dav­ve­ro in mo­do se­rio e cre­di­bi­le i pro­ble­mi de­gli ita­lia­ni". In­som­ma con il ra­di­ca­li­smo so­vra­ni­sta non si vin­ce e so­prat­tut­to non si go­ver­na. Quin­di il cen­tro­de­stra che de­li­nea l'ex Ca­va­lie­re "guar­da all'Eu­ro­pa, sa­pen­do che è im­por­tan­te far­ne par­te, in mo­do au­to­re­vo­le, an­che per riu­sci­re a cam­bia­re un mo­del­lo eu­ro­peo che ha fal­li­to mol­ti dei suoi com­pi­ti".

Ed è per que­sto che "sia­mo or­go­glio­sa­men­te par­te del­la gran­de fa­mi­glia dei Po­po­la­ri Eu­ro­pei". A Le­ga e Fdi si con­ce­de pe­rò una co­sa: "in que­sto cen­tro­de­stra li­be­ra­le ov­via­men­te le ra­gio­ni de­gli elet­to­ri del­la de­stra avran­no co­me sem­pre spa­zio e di­gni­tà". Un'ul­ti­ma stoc­ca­ta a Sal­vi­ni e al­la sua sfida per la lea­der­ship: il cen­tro­de­stra per vin­ce­re "do­vrà di­mo­stra­re di es­se­re al ser­vi­zio dei cit­ta­di­ni de­lu­si dal­la po­li­ti­ca, e non del­le stra­te­gie per­so­na­li o di par­ti­to di qual­cu­no". Mar­te­dì mat­ti­na ci sa­rà un de­ci­si­vo in­con­tro tra i ca­pi­grup­po sul­la leg­ge elet­to­ra­le. Fi in­si­ste sul pro­por­zio­na­le, che la­scia più mar­gi­ni di ma­no­vra do­po le ele­zio­ni, men­tre Le­ga e Fdi han­no ri­lan­cia­to il mag­gio­ri­ta­rio che fa­vo­ri­sce la for­ma­zio­ne di una coa­li­zio­ne pri­ma del­le ur­ne. "Non ve­do l'ora che gli ita­lia­ni va­da­no a vo­ta­re - ha ri­lan­cia­to an­co­ra Sal­vi­ni par­lan­do in Pie­mon­te - per­ché sa­ran­no lo­ro a de­ci­de­re chi fa­rà il pre­si­den­te del Consiglio e qua­le sa­rà il pro­gram­ma. Do­po Mon­ti, Let­ta, Ren­zi, Gen­ti­lo­ni fi­nal­men­te ar­ri­ve­rà qual­cu­no che avrà gli ita­lia­ni co­me pri­ma pre­oc­cu­pa­zio­ne". "Il Car­roc­cio sta cre­scen­do - ha det­to an­co­ra il lea­der del­la Le­ga Nord - sul­la spin­ta del la­vo­ro dei no­stri sin­da­ci e am­mi­ni­stra­to­ri che stan­no di­mo­stran­do di spen­de­re me­no e me­glio, di­cen­do no all'ar­ri­vo no all'ar­ri­vo dei clan­de­sti­ni, co­sa che in­ve­ce riem­pie di gio­ia i sin­da­ci del Pd. Quan­do an­dre­mo al go­ver­no, an­dre­mo a ve­ri­fi­ca­re i bi­lan­ci di al­ber­ga­to­ri, coo­pe­ra­ti­ve e quan­ti al­tri si so­no ar­ric­chi­ti con i mi­gran­ti".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.