Que­gli 8mi­la "Sì al­la boc­cia­tu­ra"...

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di STE­FA­NO GHIONNI

"Maz­za e pa­nel­la fan­no i fi­gli bel­li" re­ci­ta un vec­chio det­to na­po­le­ta­no. Tran­quil­la­men­te "adat­ta­bi­le" an­che al­la scuo­la di un cin­quan­ten­nio fa quan­do era all'or­di­ne del gior­no in­flig­ge­re pu­ni­zio­ni se­ve­re agli sco­la­ri im­bel­li e svo­glia­ti.

E sì. Ne è pas­sa­ta di ac­qua sot­to i pon­ti. Dai ce­ci sut­to le gi­noc­chia si è pas­sa­ti al­le mam­me fu­ren­ti, pron­te a "schiaf­feg­gia­re" il mae­stro che ave­va osa­to an­che so­lo "re­dar­gui­re" l'alun­no di­strat­to. Fi­no al­la "boc­cia­tu­ra ze­ro" de­cre­ta­ta dal­la Buo­na scuo­la bis, il re­cen­te de­cre­to del go­ver­no Ren­zi tra­sfor­ma­to in leg­ge, che im­pe­di­sce, di fat­to, la ri­pe­ti­zio­ne dell'an­no nel­le scuo­le pri­ma­rie e me­die.

E' pro­prio il ca­so di di­re: da un estre­mo all'al­tro. Ma for­se, que­sta vol­ta, si è toc­ca­to ve­ra­men­te il fon­do.

Nes­su­no, per ca­ri­tà, am­bi­sce a re­stau­ra­re vec­chi e tra­di­zio­na­li me­to­di di­dat­ti­co-edu­ca­ti­vi, or­mai sor­pas­sa­ti: quel­li del re­go­lo sul­le di­ta, per ca­pir­ci. O del cap­pel­lo da so­ma­ro fat­to cal­za­re dal "ciuc­cio" di tur­no. Me nean­che sem­bra mi­glio­re la scel­ta del "tut­ti pro­mos­si", an­che se non si co­no­sco­no le ta­bel­li­ne e ma­ga­ri non si sa un "h" di ana­li­si gram­ma­ti­ca­le.

Na­sce da qui il "Sì al­la boc­cia­tu­ra" per ri­da­re "nuo­va di­gni­tà all'Istru­zio­ne pri­ma­ria e se­con­da­ria" lan­cia­to da un no­to quo­ti­dia­no na­zio­na­le. Una pro­vo­ca­zio­ne che ha let­te­ral­men­te spac­ca­to il mon­do del­la scuo­la, di­vi­den­do­lo tra fau­to­ri e con­tra­ri. Con­tro le pro­mo­zio­ni fa­ci­li è sta­ta ad­di­rit­tu­ra pro­mos­sa una pe­ti­zio­ne on­li­ne, che in una set­ti­ma­na, pen­sa­te, ha rac­col­to qua­si 8mi­la fir­me. A pro­por­la, in­di­riz­zan­do­la al pre­si­den­te del con­si­glio Pao­lo Gen­ti­lo­ni, al pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Ser­gio Mat­ta­rel­la e al­la mi­ni­stra dell’Istru­zio­ne Va­le­ria Fe­de­li, una do­cen­te di scuo­la ele­men­ta­re, Sil­via Sil­va­gni.

Se da un la­to, in­fat­ti, con l'ap­pro­va­zio­ne del de­cre­to le­gi­sla­ti­vo 62 del­lo scor­so apri­le i ge­ni­to­ri pos­so­no ti­ra­re un so­spi­ro di sol­lie­vo, dall'al­tro, so­no gli in­se­gnan­ti a non dor­mi­re son­ni tran­quil­li.

Co­me pre­ci­sa­to dal­la stes­sa mi­ni­stra Fe­de­li, la boc­cia­tu­ra non è esclu­sa dall'or­di­na­men­to at­tua­le, tut­ta­via vie­ne pre­sa in con­si­de­ra­zio­ne co­me ex­tre­ma ra­tio so­prat­tut­to al­le ele­men­ta­ri, poi­ché boc­cian­do si cer­ti­fi­ca l'in­ca­pa­ci­tà del­la scuo­la di so­ste­ne­re gli alun­ni più de­bo­li.

Fin qui l'as­sun­to.

Che pe­rò fa stor­ce­re il mu­so a più di un do­cen­te. Per la Sil­va­gni, pro­mo­tri­ce del­la pe­ti­zio­ne, l'am­mor­bi­di­men­to sul­le boc­cia­tu­re sa­reb­be "un sin­to­mo del de­gra­do del no­stro si­ste­ma sco­la­sti­co" ed "è con­tro l'in­te­res­se di ognu­no di noi". "Eli­mi­na­re la boc­cia­tu­ra nel­le clas­si ele­men­ta­ri e me­die – scri­ve la do­cen­te – non crea so­lu­zio­ni, ma ul­te­rio­ri pro­ble­mi. Per tut­ti co­lo­ro il cui im­pe­gno sco­la­sti­co è mo­ti­vo di or­go­glio si trat­ta di una di­mi­nu­zio­ne del­le lo­ro con­qui­ste. Per co­lo­ro che han­no avu­to pro­ble­mi con al­cu­ne ma­te­rie è mo­ti­vo di mag­gio­ri dif­fi­col­tà e una pre­clu­sio­ne al­la com­pren­sio­ne del­le stes­se. Per i do­cen­ti, un ul­te­rio­re osta­co­lo all'at­ti­vi­tà sco­la­sti­ca gior­na­lie­ra".

"La scuo­la – rin­ca­ra la do­se la mae­stra Sil­va­gni – non ha bi­so­gno di buo­ni­smo ma di mi­glio­ri strut­tu­re, mi­glio­ri stru­men­ti, do­cen­ti più re­mu­ne­ra­ti, più sti­mo­la­ti, più sup­por­ta­ti; la scuo­la ha bi­so­gno di più sol­di, non di un ul­te­rio­re ta­glio per­ché gli stu­den­ti me­ri­ta­no di sa­pe­re che al mon­do nul­la è re­ga­la­to, che tut­ti han­no il di­rit­to di es­se­re aiu­ta­ti nel ri­spet­to di chi ci met­te fon­di e im­pe­gno". La do­cen­te in­vi­ta a non to­glie­re "va­lo­re al­la scuo­la". "Ri­dia­mo­le di­gni­tà!" è il mot­to.

"Ma lo spi­ri­to del­la leg­ge è di­ver­so: stia­mo co­struen­do una scuo­la più in­clu­si­va", ha spie­ga­to, dal can­to suo, non più tar­di di una de­ci­na di gior­ni, fa la mi­ni­stra Fe­de­li.

"Il te­sto sul­la va­lu­ta­zio­ne ha uno spi­ri­to mol­to di­ver­so – spie­ga la ti­to­la­re dell'Istru­zio­ne – non cer­to vie­ta­re di boc­cia­re, ma lot­ta­re con­tro le po­ver­tà edu­ca­ti­ve, fa­vo­ri­re l'in­clu­sio­ne del­le alun­ne e de­gli alun­ni più de­bo­li".

In che mo­do? E' pre­sto det­to. E' la mi­ni­stra stes­sa a spie­ga­re co­me. "At­ti­van­do - sot­to­li­nea - ben pri­ma de­gli scru­ti­ni di fi­ne an­no o di de­ci­sio­ni im­por­tan­ti e im­pat­tan­ti co­me quel­la di non am­met­te­re al­la clas­se suc­ces­si­va, tut­te le mi­su­re di ac­com­pa­gna­men­to pos­si­bi­li per non la­scia­re in­die­tro nes­su­no. So­prat­tut­to chi ha più dif­fi­col­tà, ma­ga­ri per­ché vie­ne da un con­te­sto so­cio-eco­no­mi­co più svan­tag­gia­to, per­ché a ca­sa non può es­se­re se­gui­to co­me al­tre bam­bi­ne o bam­bi­ni, per­ché ha bi­so­gni edu­ca­ti­vi di­ver­si".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.