Un ita­lia­no su tre è un anal­fa­be­ta fun­zio­na­le: una (tri­ste) clas­si­fi­ca

La Gente d'Italia - - ATTUALITA’ -

“L’al­fa­be­tiz­za­zio­ne non con­si­ste so­lo nel sa­per leg­ge­re, scri­ve­re e fa­re di con­to, ma è un con­tri­bu­to all’eman­ci­pa­zio­ne di ogni es­se­re uma­no e al suo com­ple­to svi­lup­po. For­ni­sce gli stru­men­ti per ac­qui­si­re la ca­pa­ci­tà cri­ti­ca nei con­fron­ti del­la so­cie­tà in cui vi­via­mo, sti­mo­la l’ini­zia­ti­va per svi­lup­pa­re pro­get­ti che pos­sa­no agi­re sul mon­do e tra­sfor­mar­lo, e for­ni­sce le ca­pa­ci­tà per vi­ve­re le re­la­zio­ni uma­ne. L’al­fa­be­tiz­za­zio­ne non è fi­ne a se stes­sa, è un di­rit­to fon­da­men­ta­le dell’uo­mo”.

Lo di­ce la Di­chia­ra­zio­ne di Per­se­po­li, adot­ta­ta dall’UNESCO nel 1975 e pun­to di ri­fe­ri­men­to per la Gior­na­ta In­ter­na­zio­na­le dell’al­fa­be­tiz­za­zio­ne che vie­ne ce­le­bra­ta ogni an­no l’8 settembre dal 1966. In­te­sa co­me stru­men­to che con­tri­bui­sce a com­bat­te­re la po­ver­tà, la mor­ta­li­tà in­fan­ti­le e la di­su­gua­glian­za di ge­ne­re, l’al­fa­be­tiz­za­zio­ne rien­tra tra gli obiet­ti­vi del pro­gram­ma “Agen­da 2030 per lo Svi­lup­po So­ste­ni­bi­le” sot­to­scrit­to nel 2015 dai 193 Pae­si mem­bri dell’ONU.

Te­ma del­la gior­na­ta di que­st’an­no è sta­ta “l’al­fa­be­tiz­za­zio­ne in un mon­do di­gi­ta­le”: le tec­no­lo­gie di­gi­ta­li per­mea­no mol­te sfe­re del­la no­stra vi­ta e, se da un la­to han­no le po­ten­zia­li­tà di apri­re nuo­ve op­por­tu­ni­tà, dall’al­tro pos­so­no esclu­de­re da que­ste pro­spet­ti­ve tut­ti co­lo­ro che non so­no al­fa­be­tiz­za­ti. “Nel­la so­cie­tà di­gi­ta­le odier­na il con­cet­to di al­fa­be­tiz­za­zio­ne sta cam­bian­do”, spie­ga Iri­na Bo­ko­va, di­ret­to­re Ge­ne­ra­le dell’UNESCO nel mes­sag­gio lan­cia­to per l’oc­ca­sio­ne, “ma nel­lo stes­so tem­po la tec­no­lo­gia può mi­glio­ra­re lo svi­lup­po dell’al­fa­be­tiz­za­zio­ne”.

In tut­to il mon­do ci so­no an­co­ra 750 mi­lio­ni di adul­ti non al­fa­be­tiz­za­ti e 264 mi­lio­ni di bam­bi­ni che non han­no la pos­si­bi­li­tà di be­ne­fi­cia­re dell’istru­zio­ne sco­la­sti­ca. Inol­tre, all’in­ter­no del­la po­po­la­zio­ne al­fa­be­tiz­za­ta mol­te per­so­ne giovani e adul­te non pos­sie­do­no le com­pe­ten­ze ne­ces­sa­rie per vi­ve­re a pie­no nel­la so­cie­tà di­gi­ta­le e sul luo­go di la­vo­ro. “Di­mi­nui­re que­sto di­va­rio di com­pe­ten­ze è un im­pe­ra­ti­vo in ter­mi­ni sia edu­ca­ti­vi sia di svi­lup­po”, af­fer­ma Iri­na Bo­ko­va. Mi­lio­ni co­lo­ro che non san­no leg­ge­re e scri­ve­re

Gli ul­ti­mi da­ti rac­col­ti dall’Isti­tu­to di Sta­ti­sti­ca UNESCO (UIS) par­la­no di un’al­fa­be­tiz­za­zio­ne dell’86% del­la po­po­la­zio­ne adul­ta glo­ba­le (dai 15 an­ni in poi) e di una una dif­fe­ren­za del 7% tra i ge­ne­ri: l’83% del­la po­po­la­zio­ne adul­ta fem­mi­ni­le con­tro il 90% di quel­la ma­schi­le. Tra i giovani (15-24 an­ni) il tas­so di al­fa­be­tiz­za­zio­ne è più al­to (91%), e di­mi­nui­sce il gap tra ma­schi e fem­mi­ne

Dei 750 mi­lio­ni di per­so­ne non al­fa­be­tiz­za­te nel mon­do il 63% è co­sti­tui­to da don­ne. I nu­me­ri scen­do­no con­si­de­re­vol­men­te nel­la fa­scia dei giovani do­ve si as­sot­ti­glia an­che la dif­fe­ren­za di ge­ne­re. No­no­stan­te i nu­me­ri sia­no an­co­ra al­ti, il mi­glio­ra­men­to nel­la fa­scia di età com­pre­sa tra i 15 e i 24 an­ni è con­si­de­re­vo­le: se 50 an­ni fa il 25% di que­sta fa­scia di po­po­la­zio­ne non era al­fa­be­tiz­za­ta, al 2016 que­sta per­cen­tua­le è sce­sa al 10%, che cor­ri­spon­de a 102 mi­lio­ni di giovani. Per rag­giun­ge­re gli obiet­ti­vi del Pro­gram­ma per lo Svi­lup­po So­ste­ni­bi­le ser­vo­no ul­te­rio­ri sfor­zi al fi­ne di ga­ran­ti­re a tut­ti i giovani e a gran par­te del­la po­po­la­zio­ne adul­ta, sia ma­schi­le sia fem­mi­ni­le, tut­ti gli stru­men­ti per po­ter leg­ge­re, scri­ve­re e fa­re di con­to L’al­fa­be­tiz­za­zio­ne nel mon­do Nell’Asia me­ri­dio­na­le vi­ve cir­ca la me­tà del­la po­po­la­zio­ne glo­ba­le non al­fa­be­tiz­za­ta (49%). Que­sta per­cen­tua­le scen­de al 27% in Afri­ca sub­sa­ha­ria­na, al 10% in Sud-est asia­ti­co, al 9% in Nord Afri­ca e in Asia oc­ci­den­ta­le e in­tor­no al 4% nei Ca­rai­bi e in Ame­ri­ca La­ti­na. Me­no del 2% del to­ta­le so­no le per­so­ne anal­fa­be­te in Asia cen­tra­le, Eu­ro­pa, Nord Ame­ri­ca e Ocea­nia.

Si tro­va­no in Afri­ca Sub-sa­ha­ria­na e in Asia me­ri­dio­na­le i pae­si con un tas­so di al­fa­be­tiz­za­zio­ne in­fe­rio­re al 50%. Il Ni­ger, che è il pae­se con il tas­so di al­fa­be­tiz­za­zio­ne più bas­so, è sce­so dal 28,7% nel 2005 al 15,4% nel 2012, se­gui­to dal Ciad, che è pas­sa­to dal 26% al 22,3% tra il 2015 e il 2016, e dal Sud Su­dan (26,8% nel 2008). La si­tua­zio­ne è più in­co­rag­gian­te per quan­to ri­guar­da i li­vel­li di al­fa­be­tiz­za­zio­ne nei giovani (15-24 an­ni): il 91% con­tro l’86% del­la po­po­la­zio­ne adul­ta, da­to che ri­flet­te un in­cre­men­to del­la sco­la­riz­za­zio­ne nel­le nuo­ve generazioni. Ri­man­go­no co­mun­que bas­si i li­vel­li di al­fa­be­tiz­za­zio­ne in al­cu­ni pae­si dell’Afri­ca sub­sa­ha­ria­na do­ve per­si­sto­no pro­ble­mi di ac­ces­so al­le scuo­le, ab­ban­do­no pre­co­ce e qua­li­tà dell’edu­ca­zio­ne. Que­stio­ni di ge­ne­re

A li­vel­lo glo­ba­le, la dif­fe­ren­za di al­fa­be­tiz­za­zio­ne tra uo­mi­ni e don­ne è del 7% ne­gli adul­ti e del 3% nei giovani, co­me si ve­de nel pri­mo gra­fi­co. La di­spa­ri­tà è nul­la o mol­to pic­co­la in Asia cen­tra­le, Eu­ro­pa, Nord Ame­ri­ca, Sud-est asia­ti­co, Ca­rai­bi e La­ti­no Ame­ri­ca, ma è an­co­ra mol­to evi­den­te in Nord Afri­ca, Asia oc­ci­den­ta­le, Asia me­ri­dio­na­le e Afri­ca sub­sa­ha­ria­na. In que­ste re­gio­ni del mon­do la dif­fe­ren­za ar­ri­va an­che al 20%. L’in­di­ce di pa­ri­tà di ge­ne­re (GPI, Gen­der Pa­ri­ty In­dex), in­di­ca­to nel gra­fi­co, è sta­to cal­co­la­to di­vi­den­do il tas­so di al­fa­be­tiz­za­zio­ne fem­mi­ni­le per quel­lo ma­schi­le. Va­lo­ri mol­to mi­no­ri di 1 in­di­ca­no una for­te di­spa­ri­tà di ge­ne­re, men­tre va­lo­ri tra 0,97 e 1 in­di­ca­no pa­ri­tà di ge­ne­re in ter­mi­ni di al­fa­be­tiz­za­zio­ne.

Qual è la si­tua­zio­ne in Ita­lia? Se­con­do i da­ti dell’UNESCO, in Ita­lia, l’al­fa­be­tiz­za­zio­ne sfio­ra il 100%: nel 2011 il tas­so di al­fa­be­tiz­za­zio­ne nel­la po­po­la­zio­ne adul­ta cor­ri­spon­de­va al 98,8% e al 99,8% per i giovani tra i 15 e i 24 an­ni. La di­spa­ri­tà di ge­ne­re è nul­la o qua­si nul­la nel­le tre fa­sce di po­po­la­zio­ne. L’in­di­ce di pa­ri­tà di ge­ne­re (GPI) è pa­ri a 1 nei giovani, a 0,99 ne­gli adul­ti e a 0,98 nel­la po­po­la­zio­ne an­zia­na (dai 65 an­ni in poi). Se si pren­des­se al­la let­te­ra la de­fi­ni­zio­ne di al­fa­be­tiz­za­zio­ne con­te­nu­ta nel­la Di­chia­ra­zio­ne di Per­se­po­li (ri­por­ta­ta all’ini­zio dell’ar­ti­co­lo), l’al­fa­be­tiz­za­zio­ne non do­vreb­be li­mi­tar­si al­le ca­pa­ci­tà di leg­ge­re, scri­ve­re e fa­re di con­to, ma do­vreb­be rap­pre­sen­ta­re un qua­dro più com­ples­so con va­ri li­vel­li di com­pe­ten­za.

Per da­re l’idea di que­sta com­ples­si­tà e per de­fi­ni­re un pro­fi­lo in ba­se al­le ca­pa­ci­tà di por­ta­re a ter­mi­ne con suc­ces­so le at­ti­vi­tà del­la vi­ta quo­ti­dia­na, so­no sta­ti fis­sa­ti 6 li­vel­li: il li­vel­lo in­fe­rio­re a 1 e il li­vel­lo 1 (low skil­led) in­di­ca­no com­pe­ten­ze mo­de­stis­si­me, il li­vel­lo 3 è l’ele­men­to mi­ni­mo per un in­se­ri­men­to po­si­ti­vo nel­la so­cie­tà e nel la­vo­ro, e i li­vel­li 4 e 5 (hi­gh skil­led) in­di­ca­no una pie­na pa­dro­nan­za di com­pe­ten­ze.

Da un’in­da­gi­ne Oc­se-Piaac pub­bli­ca­ta nel 2016 ri­sul­ta che in Ita­lia il 28% del­le per­so­ne tra i 16 e i 65 an­ni ap­par­tie­ne ai pri­mi due li­vel­li: so­no i co­sid­det­ti anal­fa­be­ti fun­zio­na­li, ov­ve­ro adul­ti che san­no leg­ge­re e scri­ve­re, ma che non so­no in gra­do di usa­re que­ste ca­pa­ci­tà nel­la vi­ta quo­ti­dia­na e che spes­so non com­pren­do­no i lin­guag­gi del­le nuo­ve tec­no­lo­gie.

Gli anal­fa­be­ti fun­zio­na­li, per esem­pio, po­treb­be­ro non es­se­re in gra­do di ri­sa­li­re a un’in­for­ma­zio­ne di ba­se con­te­nu­ta in un si­to web, co­me il nu­me­ro di te­le­fo­no nel­la se­zio­ne “Con­tat­ta­ci”. Con il 28% di anal­fa­be­ti fun­zio­na­li, l’Ita­lia si col­lo­ca al pe­nul­ti­mo po­sto in Eu­ro­pa, in­sie­me al­la Spa­gna, e al quar­tul­ti­mo nel mon­do, ri­spet­to ai 33 pae­si ana­liz­za­ti.

In Ita­lia, l’anal­fa­be­ta fun­zio­na­le ha più di 55 an­ni an­ni, non è di­plo­ma­to ed è di­soc­cu­pa­to, op­pu­re è mol­to gio­va­ne non stu­dia né la­vo­ra, può ave­re ge­ni­to­ri con un ti­to­lo di stu­dio di se­con­da­ria in­fe­rio­re, e può aver pas­sa­to l’ado­le­scen­za in una fa­mi­glia con me­no di 25 li­bri. Il pro­fi­lo dei low skil­led au­men­ta con l’au­men­ta­re dell’età, men­tre quel­lo de­gli hi­gh skil­led è mol­to po­co rap­pre­sen­ta­to in tut­te le fa­sce di po­po­la­zio­ne. Co­me si leg­ge nel Rap­por­to na­zio­na­le sul­le com­pe­ten­ze de­gli adul­ti: “a par­te i pos­si­bi­li ef­fet­ti dell’in­vec­chia­men­to, il le­ga­me tra com­pe­ten­ze ed età è si­cu­ra­men­te in­fluen­za­to da di­ver­si fat­to­ri qua­li la car­rie­ra sco­la­sti­ca, la tran­si­zio­ne scuo­la-la­vo­ro, la car­rie­ra la­vo­ra­ti­va ol­tre­ché lo sti­le di vi­ta e le at­ti­vi­tà quo­ti­dia­ne”. “Ca­pi­re me­glio il ti­po di al­fa­be­tiz­za­zio­ne ri­chie­sto in un mon­do di­gi­ta­le, con lo sco­po di co­strui­re so­cie­tà più in­clu­si­ve, eque e so­ste­ni­bi­li, è il ful­cro del­la ri­fles­sio­ne odier­na”, com­men­ta il di­ret­to­re Ge­ne­ra­le dell’UNESCO Iri­na Bo­ko­va, “ognu­no do­vreb­be es­se­re in gra­do di sfrut­ta­re al me­glio i be­ne­fi­ci del­la nuo­va era di­gi­ta­le, in no­me dei di­rit­ti uma­ni, del dia­lo­go e di uno svi­lup­po più so­ste­ni­bi­le”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.