Nel Sud dell'Ita­lia so­no tut­ti paz­zi per la pa­sta

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Nel sud d'Ita­lia l'amo­re per la pa­sta è na­to nel Me­dioe­vo e non si di­scu­te nean­che ne­gli an­ni 2000. Nel Mez­zo­gior­no in­fat­ti tut­ti o qua­si man­gia­no la pa­sta (99%), in me­dia 4-5 vol­te la set­ti­ma­na e nel 2016 so­no sta­te ven­du­te ol­tre 378mi­la ton­nel­la­te di pa­sta, il 36% del to­ta­le. Il dop­pio ri­spet­to al Nord Est e un ter­zo in più ri­spet­to a Nord Ove­st e Cen­tro. Ciò vuol di­re che il con­su­mo di pa­sta è leg­ger­men­te su­pe­rio­re al­la me­dia na­zio­na­le, con cir­ca 25-26 chi­li pro-ca­pi­te all'an­no. E' quan­to sot­to­li­nea Ai­de­pi (As­so­cia­zio­ne del­le in­du­strie del dol­ce e del­la pa­sta ita­lia­ne) su ela­bo­ra­zio­ni di da­ti Iri. Per il 48% dei me­ri­dio­na­li, se­con­do una ri­cer­ca Do­xa-Ai­de­pi - la pa­sta è l'ali­men­to pre­fe­ri­to. La scel­go­no per ra­gio­ni di gu­sto o sa­lu­te.

La ti­po­lo­gia più ac­qui­sta­ta è la pa­sta sec­ca. Qua­si 4 pac­chi di pa­sta sec­ca su 10 to­ta­li so­no sta­ti ven­du­ti a sud di Ro­ma, men­tre il Nord Ove­st è lea­der per la pa­sta fre­sca.

Nel sol­co di que­sta tra­di­zio­ne, la no­vi­tà è il cre­scen­te gra­di­men­to per la pa­sta in­te­gra­le: qua­si la me­tà del cam­pio­ne (47%) di­chia­ra di ac­qui­star­la, men­tre 3 an­ni fa era­no so­lo il 14%.

Da Ro­ma (esclu­sa) in giù - evi­den­zia Ai­de­pi - la pa­sta­sciut­ta pia­ce li­scia. "Da noi nel Sud d'Ita­lia la pa­sta è quel­la li­scia per an­to­no­ma­sia - com­men­ta Giu­sep­pe Di Mar­ti­no, pa­sta­io di Ai­de­pi e pre­si­den­te del Con­sor­zio Pa­sta di Gra­gna­no IGP - e c'è una ra­gio­ne ben pre­ci­sa. Sto­ri­ca­men­te a Na­po­li, la pa­sta ri­ga­ta ve­ni­va pro­dot­ta so­lo per i mer­ca­ti del Nord. Era ven­du­ta dai Gra­gna­ne­si sul mer­ca­to di Ro­ma e chia­ma­ta per que­sto "uso Ro­ma", da cui i fa­mo­si Ri­ga­to­ni ro­ma­ni, ot­ti­mi con la pa­ja­ta. Ven­go­no in­ve­ce in­di­ca­te "uso Bo­lo­gna" le far­fal­le, un for­ma­to che ri­pro­du­ce la tra­di­zio­ne emi­lia­na del­la pa­sta sfo­glia. Sti­le "Na­po­li" so­no in­ve­ce Zi­ti e Ma­fal­di­ne in­sie­me a tut­te le va­ria­zio­ni di for­ma­ti li­sci". La ri­cer­ca sui con­su­mi e gu­sti di pa­sta nel Bel Pae­se è sta­ta re­sa no­ta in oc­ca­sio­ne di una cam­pa­gna di co­mu­ni­ca­zio­ne lan­cia­ta da Ai­de­pi per fe­steg­gia­re i 50 an­ni del­la co­sid­det­ta "leg­ge di pu­rez­za sul­la pa­sta" (L. 580 del 1967), "l'uni­ca nor­ma­ti­va del ge­ne­re vo­lu­ta dai pro­dut­to­ri - os­ser­va Ai­de­pi - che, fis­san­do­ne i li­mi­ti qua­li­ta­ti­vi, ga­ran­ti­sce al­la pa­sta ita­lia­na di es­se­re sem­pre la mi­glio­re al mon­do". "Vo­glia­mo ri­met­te­re al cen­tro del­la pa­sta la ma­no del pa­sta­io, ingrediente in­vi­si­bi­le e spes­so di­men­ti­ca­to del no­stro piat­to sim­bo­lo - spie­ga Ma­rio Pic­cia­lu­ti, di­ret­to­re di Ai­de­pi. Al­cu­ni vo­glio­no far cre­de­re che per fa­re una pa­sta buo­na ser­va­no so­lo ma­te­rie pri­me ec­cel­len­ti, ma c'è mol­to al­tro. È im­por­tan­te che gli ita­lia­ni ri­sco­pra­no la pas­sio­ne, la sto­ria, la ri­cer­ca, i te­st sen­so­ria­li e di la­bo­ra­to­rio, in­som­ma tut­to l'im­pe­gno dei pro­dut­to­ri die­tro una ot­ti­ma for­chet­ta­ta di pa­sta."

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.