GENTILONI con­fer­ma l'im­pe­gno sul­lo "ius so­li" Ap ri­ba­di­sce il suo no, la mag­gio­ran­za si spac­ca

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di STE­FA­NO GHIONNI

Il pre­si­den­te del Con­si­glio Pao­lo Gentiloni ri­ba­di­sce l'im­pe­gno del go­ver­no per l'ap­pro­va­zio­ne del­lo ius so­li, ma la mag­gio­ran­za si spac­ca con i mi­ni­stri di Ap che an­nun­cia­no di non es­se­re di­spo­sti a vo­ta­re l'even­tua­le fi­du­cia. E al Se­na­to, sen­za il par­ti­to di An­ge­li­no Al­fa­no, non ci so­no i nu­me­ri per far pas­sa­re il prov­ve­di­men­to che dun­que, al di là de­gli im­pe­gni uf­fi­cia­li, ri­schia se­ria­men­te di fi­ni­re sul binario mor­to. "L'im­pe­gno mio per­so­na­le e del go­ver­no per ap­pro­var­la in au­tun­no ri­ma­ne", ha det­to il pre­mier ie­ri ri­spon­den­do a una do­man­da a Cor­fù, do­ve è in cor­so il Ver­ti­ce in­ter­go­ver­na­ti­vo Ita­lia-Gre­cia. "Non de­vo ri­cor­da­re - ha ag­giun­to - quan­do co­min­cia e quan­do fi­ni­sce l'au­tun­no, più o me­no cre­do sia una con­sa­pe­vo­lez­za ac­qui­si­ta. Quin­di re­sto al­le pa­ro­le che ho det­to sull'ar­go­men­to alu­ne set­ti­ma­ne fa. Siamo in esta­te. L'im­pe­gno che al­cu­ne set­ti­ma­ne fa abbiamo de­scrit­to cer­ta­men­te ri­ma­ne: è un la­vo­ro da fa­re, non so­vrap­po­nia­mo il te­ma in mo­do au­to­ma­ti­co de­gli sbar­chi, dell'im­mi­gra­zio­ne al te­ma del­la cit­ta­di­nan­za.

Ci so­no pun­ti di con­tat­to pe­rò stia­mo par­lan­do an­che di ar­go­men­ti ab­ba­stan­za di­ver­si". L'in­ter­ven­to di Gentiloni ri­scal­da ul­te­rior­men­te una mag­gio­ran­za di go­ver­no già in fi­bril­la­zio­ne sul­lo ius so­li.

Do­po le cri­ti­che di ie­ri del mi­ni­stro Gra­zia­no Del­rio, che ave­va par­la­to di "pau­ra" per il rin­vio del­la leg­ge, ie­ri il pre­si­den­te Dem Mat­teo Or­fi­ni lo ha "rim­brot­ta­to" a mezzo stam­pa. Il rin­vio, ha scrit­to Or­fi­ni su Fa­ce­book, "non è un at­to di pau­ra ma di as­so­lu­to buon sen­so che ser­ve a non far nau­fra­ga­re la pos­si­bi­li­tà di ap­pro­var­la" e ai mi­ni­stri che "chie­do­no lo­de­vol­men­te di ac­ce­le­ra­re, sug­ge­ri­sco di la­vo­ra­re più ra­pi­da­men­te per scio­glie­re il no­do fi­du­cia". Fi­du­cia su cui, pe­rò, ar­ri­va lo stop pre­ven­ti­vo di Al­ter­na­ti­va po­po­la­re. "La ri­chie­sta di fi­du­cia - af­fer­ma Mau­ri­zio Lu­pi, ca­po­grup­po al­la Ca­me­ra - spet­ta al pre­si­den­te del Con­si­glio, e il Con­si­glio dei mi­ni­stri è un or­ga­no col­le­gia­le nel qua­le i mi­ni­stri di Al­ter­na­ti­va po­po­la­re non da­ran­no mai l'as­sen­so al­la fi­du­cia". E sen­za Ap, al Se­na­to, non ci so­no i nu­me­ri. "Il pro­ble­ma - spie­ga una fon­te Dem - è che al di là di un pos­si­bi­le ac­cor­do con Al­fa­no, il se­gre­ta­rio non con­trol­la più il grup­po al Se­na­to e so­lo una mi­ni­ma par­te dei suoi, 6-7 se­na­to­ri, sa­reb­be­ro di­spo­sti a vo­ta­re la fi­du­cia sul­lo ius so­li". Dun­que prima del­la leg­ge di Bi­lan­cio non è il ca­so di ri­schia­re nul­la. Tra fi­ne no­vem­bre e i pri­mi di di­cem­bre ci sa­reb­be poi una "fi­ne­stra" per por­ta­re il prov­ve­di­men­to nell'au­la di Pa­laz­zo Ma­da­ma. "Ma in que­ste con­di­zio­ni - sot­to­li­nea la fon­te - sa­reb­be un at­to da ka­mi­ka­ze".

La fi­du­cia la vo­te­reb­be­ro in­ve­ce i so­cia­li­sti, ma an­che, fuo­ri dal­la mag­gio­ran­za, Si­ni­stra ita­lia­na che, spie­ga il se­gre­ta­rio Ni­co­la Fra­to­ian­ni, "re­ste­rà all'op­po­si­zio­ne" ma è "di­spo­sta a da­re la fi­du­cia, una fi­du­cia di sco­po, per­ché sia­no ri­co­no­sciu­ti fi­nal­men­te i di­rit­ti di per­so­ne in carne ed ossa". Ma Pd e go­ver­no de­vo­no chiu­de­re una "igno­bi­le pan­to­mi­ma". Vi­sti i nu­me­ri del­la mag­gio­ran­za, pe­rò, sen­za Ap il sup­por­to di Si non sa­reb­be suf­fi­cien­te a far pas­sa­re il prov­ve­di­men­to. Una si­tua­zio­ne mol­to in­gar­bu­glia­ta e la "pa­ta­ta bol­len­te" è sta­ta la­scia­ta nel­le ma­ni di Gentiloni. "Pao­lo de­ci­de e noi lo sup­por­tia­mo", è la li­nea che vie­ne dai ver­ti­ci del Na­za­re­no.

In­tan­to at­tac­chi al Pd, da si­ni­stra, ven­go­no an­che da Mdp, se­con­do cui "non ap­pro­va­re lo ius so­li, ol­tre a es­se­re la cer­ti­fi­ca­zio­ne uf­fi­cia­le e so­len­ne del­la sal­da­tu­ra stra­te­gi­ca tra Pd e Al­fa­no, sa­reb­be una fi­ne tri­ste, tri­stis­si­ma di que­sta le­gi­sla­tu­ra". A fa­vo­re del­la leg­ge si pro­nun­cia an­che la pre­si­den­te del­la Ca­me­ra Lau­ra Bol­dri­ni. "Lo ius so­li - ha det­to - è un prov­ve­di­men­to per gio­va­ni che so­no cre­sciu­ti in Ita­lia, che van­no a scuo­la con i no­stri fi­gli, che so­no a tut­ti gli ef­fet­ti ita­lia­ni. Cre­do sia con­ve­nien­te per tut­ti far­ne dei buo­ni cit­ta­di­ni". Di ius so­li, in­ve­ce, non vuol più sen­tir par­la­re il cen­tro­de­stra. "È un prov­ve­di­men­to del go­ver­no di­vi­si­vo e lon­ta­no dal­la real­tà e dal Pae­se. Non sa­rà mai leg­ge del­lo Stato", as­si­cu­ra il ca­po­grup­po al­la Ca­me­ra di For­za Ita­lia Re­na­to Bru­net­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.