Be­be Vio 2016, a Rio de Ja­nei­ro è fio­ret­to d'oro Ed ora tut­ta Ita­lia adot­ta la nuo­va ico­na az­zur­ra

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di CLAU­DIO ARRIGONI

E’

sua l'im­ma­gi­ne sim­bo­lo del­lo sport ita­lia­no nell'an­no dei Gio­chi Olim­pi­ci e Pa­ra­lim­pi­ci.

Quell'esul­tan­za sul­la pe­da­na a Rio de Ja­nei­ro, via la ma­sche­ra e ur­la in­fi­ni­te, fa or­mai par­te dell'im­ma­gi­na­rio di mi­lio­ni di per­so­ne in un 2016 co­sì stu­pe­fa­cen­te e co­sì ve­ro per lei: "La prima gio­ia quel­la per la ma­tu­ri­tà, con l'esa­me un me­se prima del­la Pa­ra­lim­pia­de per stu­dia­re mi ero fat­ta un maz­zo co­sì". In mezzo ci so­no sta­ti ori e suc­ces­si mon­dia­li nel­lo sport, in­con­tri ed even­ti straor­di­na­ri nel­la vi­ta per­so­na­le.

Un an­no ma­gi­co per una ra­gaz­za ma­gi­ca, pa­tri­mo­nio mon­dia­le da Mo­glia­no Ve­ne­to, gem­ma del­lo sport az­zur­ro e non so­lo. Be­be Vio e la sta­gio­ne per­fet­ta. Nel­lo sport: prima è (ri)di­ven­ta­ta cam­pio­nes­sa eu­ro­pea, poi ha vin­to l'oro al­la Pa­ra­lim­pia­de per chiu­de­re con la con­qui­sta del­la Cop­pa del Mondo.

Nel­la vi­ta: la fa­mi­glia co­me fa­ro, mam­ma Te­re­sa e pa­pà Rug­ge­ro a in­di­car­le stra­de, i viag­gi con il fra­tel­lo Ni­co­lò e la so­rel­la Ma­ria So­le, la ca­sa di Mo­glia­no rifugio si­cu­ro e la spiag­gia di Ba­gna­ia all'El­ba luo­go del cuore.

E quel­lo che gi­ra in­tor­no fra la te­le­vi­sio­ne che la eleg­ge per­so­nag­gio e gli in­con­tri in scuo­le e azien­de: te­sti­mo­nial di una cam­pa­gna mon­dia­le sui vac­ci­ni con ses­sio­ne fo­to­gra­fi­ca da An­ne Ged­des a New York men­tre gi­ra per Ma­n­hat­tan con Jo­va­not­ti, ami­co e con­fi­den­te, poi le sfi­la­te al­la Fa­shion Week di Pa­ri­gi per Dior e an­co­ra pros­si­mo vol­to di uno dei mar­chi mon­dia­li di bel­lez­za e co­sme­si. In­tan­to, fa scat­ta­re l'ul­ti­mo (e pro­ba­bil­men­te il primo di sem­pre) sel­fie al­la Ca­sa Bian­ca da Pre­si­den­te de­gli Sta­tes a Ba­rack Oba­ma men­tre è ospi­te al­la ce­na uf­fi­cia­le Ita­lia-Usa con l’al­lo­ra pre­si­den­te del Con­si­glio, Mat­teo Ren­zi, scel­ta a rap­pre­sen­ta­re lo sport ita­lia­no. Po­treb­be ba­sta­re, ma per lei c’è al­tro: la prima vol­ta a Ro­ma, al­lo Sta­dio dei Mar­mi, dei "Gio­chi sen­za Bar­rie­re", na­ti a Mo­glia­no po­co do­po la sua ma­lat­tia per aiu­ta­re "art4­sport", as­so­cia­zio­ne che sup­por­ta gio­va­ni con di­sa­bi­li­tà a pra­ti­ca­re sport: "Il luo­go idea­le. Quel­li so­no i Gio­chi che amo di più".

Nel­la scher­ma pa­ra­lim­pi­ca è da anni la più for­te al mondo. I nu­me­ri non di­co­no tut­to. Cam­pio­nes­sa mon­dia­le e pa­ra­lim­pi­ca di fio­ret­to, si sta al­le­nan­do per di­fen­de­re il ti­to­lo in Ita­lia, ai pros­si­mi Mon­dia­li a Ro­ma (dal 6 al 12 no­vem­bre, con 300 atle­ti di 40 pae­si).

Il trion­fo del 2016 e la con­sa­cra­zio­ne as­so­lu­ta è la Pa­ra­lim­pia­de di Rio, la sua prima, con quell'oro in­di­vi­dua­le e il bron­zo a squa­dre con Lo­re­da­na Tri­gi­lia e An­dreea Mo­gos: "La gio­ia per l'oro fu gran­de, ma vin­ce­re con le mie com­pa­gne di Na­zio­na­le è sta­ta im­men­sa. Siamo più di un grup­po in Na­zio­na­le, co­me una fa­mi­glia".

Quel­la me­da­glia co­sì sof­fer­ta e ri­ma­sta nel lo­ro cuore l'han­no fe­steg­gia­ta in­sie­me nell'esta­te suc­ces­si­va, la Gre­cia te­sti­mo­ne po­chi gior­ni fa del­la gio­ia bel­lis­si­ma di tre ami­che gran­di. Per quel­lo che ha fat­to nel 2016 ha vin­to il Lau­reus Award, l'Oscar mon­dia­le del­lo sport, fra i pa­ra­lim­pi­ci: "So­no una Proud Pa­ra­lym­pian, co­me si di­ce: fie­ra di far par­te del mondo pa­ra­lim­pi­co". La ve­tri­na da do­ve è par­ti­to tut­to. Ciò che è ac­ca­du­to avreb­be schiac­cia­to un gi­gan­te, ma lo sa vi­ve­re con leg­ge­rez­za e se­re­ni­tà. Di­ce, stu­pen­do un po' tut­ti: "In un cer­to sen­so io de­vo rin­gra­zia­re la ma­lat­tia, mi ha fat­to sco­pri­re tut­to un nuo­vo mondo, quel­lo pa­ra­lim­pi­co. Mi pia­ce un sac­co, per me è la cosa più bel­la di tut­te".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.