La sin­to­nia tra il Papa e il Pd

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di ARTURO DIACONALE

I

l Papa cor­reg­ge la li­nea dell’ac­co­glien­za in­di­scri­mi­na­ta lo­dan­do il Go­ver­no Gentiloni che cer­ca di fre­na­re l’af­flus­so dei mi­gran­ti e il Par­ti­to De­mo­cra­ti­co ri­nun­cia al­la bat­ta­glia par­la­men­ta­re sul­lo Ius so­li ri­co­no­scen­do che su questo te­ma la mag­gio­ran­za è ine­si­sten­te.

For­se non c’è al­cun nes­so tra le pa­ro­le di Fran­ce­sco e la de­ci­sio­ne del par­ti­to di Mat­teo Ren­zi.

Ma la con­co­mi­tan­za tra i due av­ve­ni­men­ti im­po­ne di ri­le­va­re co­me il Pd ab­bia co­stan­te­men­te cer­ca­to di se­gui­re la li­nea te­nu­ta dal Papa fi­no al mo­men­to del ri­tor­no dal viaggio in Co­lom­bia e, an­che quan­do si è vi­sto co­stret­to a so­ste­ne­re la stra­te­gia del con­te­ni­men­to per­se­gui­ta dal mi­ni­stro dell’In­ter­no Mar­co Min­ni­ti per non ve­ni­re tra­vol­to dal­la ri­vol­ta dei pro­pri sin­da­ci, ha sem­pre cer­ca­to di bi­lan­cia­re il fre­no ai mi­gran­ti con la leg­ge sul­la cit­ta­di­nan­za so­ste­nu­ta e be­ne­det­ta dal­la Chie­sa.

Que­sta sin­to­nia non ca­sua­le ma as­so­lu­ta­men­te ri­cer­ca­ta co­sti­tui­sce una sor­ta di pie­tra mi­lia­re nel ten­ta­ti­vo di Ren­zi di col­lo­ca­re il suo par­ti­to al cen­tro del­la sce­na po­li­ti­ca ita­lia­na tra­sfor­man­do­lo in una sor­ta di rie­di­zio­ne del­la vec­chia De­mo­cra­zia Cri­stia­na. Il Pd ren­zia­no è dun­que il mo­der­no par­ti­to cat­to­li­co e co­me ta­le è de­sti­na­to ad es­se­re l’as­se cen­tra­le del si­ste­ma po­li­ti­co na­zio­na­le? Che Ren­zi per­se­gua questo obiet­ti­vo è fuor di dub­bio. Ma che l’ope­ra­zio­ne sia de­sti­na­ta ad ave­re suc­ces­so non è af­fat­to scon­ta­to. E non per­ché il lea­der del Pd ab­bia qual­che per­ples­si­tà nel­lo spo­sa­re sem­pre e co­mun­que la po­si­zio­ne di Papa Ber­go­glio sul­la que­stio­ne dei mi­gran­ti.

Ma per­ché è la po­si­zio­ne del Pon­te­fi­ce che non rap­pre­sen­ta la mag­gio­ran­za del mondo cat­to­li­co ita­lia­no ma so­lo una mi­no­ran­za che, co­me si è vi­sto dal ri­tor­no al rea­li­smo di Ber­go­glio do­po il viaggio in Co­lom­bia, si ren­de per­fet­ta­men­te con­to del­la pro­pria con­di­zio­ne mi­no­ri­ta­ria. Al mas­si­mo, quin­di, il Pd ren­zia­no si iden­ti­fi­ca so­lo con le com­po­nen­ti pro­gres­si­ste del vo­lon­ta­ria­to cat­to­li­co. Il re­sto del­la co­mu­ni­tà non sem­bra di­spo­sta a so­ste­ne­re il so­li­da­ri­smo ra­di­ca­le e ter­zo­mon­di­sta dei cat­to­li­ci più schie­ra­ti a si­ni­stra.

La con­clu­sio­ne, quin­di, è che il Pd non può es­se­re la nuo­va Dc e oc­cu­pa­re il cen­tro del­la sce­na po­li­ti­ca na­zio­na­le. Al mas­si­mo può ri­cor­da­re la sua com­po­nen­te dos­set­tia­na, che è sem­pre sta­ta mi­no­ri­ta­ria all’in­ter­no del­lo scu­do­cro­cia­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.