Il Par­la­men­to uru­gua­ia­no non ha an­co­ra ra­ti­fi­ca­to il trat­ta­to di estra­di­zio­ne con l’Ita­lia: Il boss del­la 'ndran­ghe­ta Mo­ra­bi­to po­treb­be evi­ta­re di com­pa­ri­re da­van­ti al­la giu­sti­zia ita­lia­na?

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - Di MAT­TEO FORCINITI

La no­ti­zia del suo ar­re­sto era sta­ta ac­col­ta con gran­de sod­di­sfa­zio­ne dal­le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne. La cat­tu­ra del boss Roc­co Mo­ra­bi­to av­ve­nu­ta a Mon­te­vi­deo lo scor­so 4 set­tem­bre ha rap­pre­sen­ta­to un du­ro col­po per la 'ndran­ghe­ta vi­sto il pro­fi­lo di pri­mo pia­no di co­lui che era sta­to ri­bat­tez­za­to co­me il "re del­la co­cai­na di Mi­la­no". In­se­ri­to nell'elen­co dei cin­que la­ti­tan­ti più pe­ri­co­lo­si d'Ita­lia, la fu­ga di Mo­ra­bi­to è du­ra­ta ben 23 an­ni dei qua­li 13 tra­scor­si in Uru­guay, vi­ven­do in una lus­suo­sa vil­la a Pun­ta del Este.

Du­ran­te la sua la­ti­tan­za, è sta­to condannato in con­tu­ma­cia dal­la giu­sti­zia ita­lia­na a trent'an­ni per rea­ti di as­so­cia­zio­ne a de­lin­que­re di stam­po ma­fio­so e traf­fi­co in­ter­na­zio­na­le di dro­ga. L'ar­re­sto di Mon­te­vi­deo è sta­to pos­si­bi­le gra­zie a un'ope­ra­zio­ne con­giun­ta tra le for­ze dell'or­di­ne dei due pae­si do­po "sei me­si di in­ten­se at­ti­vi­tà d'in­for­ma­zio­ne e in­tel­li­gen­ce". Ol­tre ai rea­ti di 'ndran­ghe­ta, l'im­pu­ta­to de­ve ades­so ri­spon­de­re an­che al­la giu­sti­zia uru­gua­ia­na per tre rea­ti com­mes­si nel pae­se che ri­guar­da­no fal­si­fi­ca­zio­ne di do­cu­men­to e fal­so ideo­lo­gi­co. Cri­mi­ni, chia­ra­men­te, mol­to in­fe­rio­ri ri­spet­to a quel­li di dro­ga ma che po­treb­be­ro ri­sul­ta­re de­ci­si­vi per la cau­sa. At­tual­men­te, il boss ca­la­bre­se si tro­va in un car­ce­re di Mon­te­vi­deo in at­te­sa di un pro­ces­so e di una pos­si­bi­le estra­di­zio­ne. Que­st'ul­ti­ma ipo­te­si, tut­ta­via, po­treb­be ave­re al­cu­ne dif­fi­col­tà no­no­stan­te le di­chia­ra­zio­ni trion­fan­ti del­la po­li­ti­ca e del­le au­to­ri­tà su­bi­to do­po la no­ti­zia. Il nuo­vo trat­ta­to di estra­di­zio­ne tra Ita­lia e Uru­guay è sta­to fir­ma­to lo scor­so 11 mag­gio du­ran­te la vi­si­ta uf­fi­cia­le del pre­si­den­te Mat­ta­rel­la a Mon­te­vi­deo. ma que­sto ac­cor­do non ha an­co­ra va­lo­re le­ga­le in Uru­guay per­ché è ne­ces­sa­ria la ra­ti­fi­ca del Par­la­men­to prima del­la sua en­tra­ta in vi­go­re.

Di con­se­guen­za si do­vran­no se­gui­re le in­di­ca­zio­ni sta­bi­li­te dal­la pre­ce­den­te con­ven­zio­ne per l'estra­di­zio­ne che ri­sa­le al 1879 e che ha del­le gros­se li­mi­ta­zio­ni co­me di­mo­stra­to in pas­sa­to.

La giu­sti­zia ita­lia­na ha 90 gior­ni di tem­po (a par­ti­re dal­la da­ta dell'ar­re­sto) per ri­chie­de­re l'estra­di­zio­ne pre­sen­tan­do tut­ta la do­cu­men­ta­zio­ne ne­ces­sa­ria al giu­di­ce Ma­ría He­le­na Mai­nard che de­ci­de­rà sul ca­so.

La sen­ten­za di pri­mo gra­do del giu­di­ce Mai­nard po­trà poi es­se­re im­pu­gna­ta in ap­pel­lo dal­le due par­ti: sia dall'ac­cu­sa (con il pub­bli­co mi­ni­ste­ro Luis Pa­che­co) che da­gli av­vo­ca­ti di­fen­so­ri Víc­tor Del­la Val­le e Ale­jan­dro Bal­bi. Se­con­do le spie­ga­zio­ni de­gli av­vo­ca­ti al­la stam­pa lo­ca­le, uf­fi­cial­men­te Mo­ra­bi­to è un im­pren­di­to­re at­ti­vo nel set­to­re dell'im­port-ex­port e nel­la col­ti­va­zio­ne in­ten­si­va di so­ia: "Dal 1994 ha una vi­ta nor­ma­le e non ha nul­la a che fa­re con at­ti­vi­tà de­lit­tuo­se o or­ga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li". La di­fe­sa cer­che­rà di di­mo­stra­re pro­prio que­st'ul­ti­mo pun­to per chie­de­re l'an­nul­la­men­to dell'ar­re­sto.

Di na­tu­ra di­ver­sa, invece, le di­chia­ra­zio­ni del ma­gi­stra­to Pa­che­co che ha av­ver­ti­to sul ri­schio di "un'even­tua­le scar­ce­ra­zio­ne e una de­ten­zio­ne do­mi­ci­lia­re" in at­te­sa de­gli svi­lup­pi del­la vi­cen­da. Prima di una pos­si­bi­le estra­di­zio­ne in Ita­lia, in ogni ca­so, Mo­ra­bi­to do­vrà re­sta­re in Uru­guay per il pro­ces­so che lo ve­de coin­vol­to nei rea­ti già ci­ta­ti: un fal­so do­cu­men­to bra­si­lia­no gli ha per­mes­so di ot­te­ne­re una re­go­la­re re­si­den­za nel pae­se e la car­ta d'iden­ti­tà. An­che in ca­so di con­dan­na, dun­que, la pe­na do­vrà es­se­re ese­gui­ta a Mon­te­vi­deo prima di un even­tua­le tra­sfe­ri­men­to.

Se nel Pai­si­to si ini­zia­no a sol­le­va­re dub­bi sul­la rea­le pos­si­bi­li­tà di estra­di­zio­ne, ol­treo­cea­no per il mo­men­to non sem­bra es­ser­ci lo stes­so cli­ma. Al­cu­ni gior­na­li ita­lia­ni nei gior­ni scor­si par­la­va­no di un "im­mi­nen­te tra­sfe­ri­men­to" nel car­ce­re di Sas­sa­ri per il boss del­la 'ndran­ghe­ta fi­du­cio­si di una ri­spo­sta po­si­ti­va al­la ri­chie­sta del Mi­ni­ste­ro del­la Giu­sti­zia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.