CHI­CO BUARQUE DE HOLLANDA, "Il fra­tel­lo te­de­sco"

La Gente d'Italia - - CULTURA - Di MAR­CO FER­RA­RI*

Ha se­gna­to un’epo­ca, ha scrit­to la co­lon­na so­no­ra di in­te­re ge­ne­ra­zio­ni, ha co­lo­ra­to di poe­sia la bos­sa no­va e can­ta­to con­tro ogni dit­ta­tu­ra: Chi­co Buarque de Hollanda ora è di­ven­ta­to uno scrit­to­re af­fer­ma­to, frut­to del­la sua pro­ver­bia­le sag­gez­za e del­la com­ple­ta ma­tu­ri­tà. Chi­co sem­bra eter­no ma non lo è poi­ché il tem­po cor­re per tut­ti e a 73 an­ni com­piu­ti ci ha re­ga­la­to un nuo­vo gioiello, que­sta vol­ta un ro­man­zo autobiografico, “Il fra­tel­lo te­de­sco” (O Ir­mao Ale­mao), pub­bli­ca­to in Bra­si­le da Com­pa­n­hia das Le­tras e in Ita­lia da Fel­tri­nel­li.

Nel suo oscil­la­re tra poe­ti­ca e iro­nia sull’esi­sten­za, tra so­gno e real­tà, Chi­co pe­sca nel­la sto­ria di fa­mi­glia, in cui si rac­con­ta che il pa­dre, Ser­gioBuar­que de Hollanda, avreb­be avu­to un fi­glio in Ger­ma­nia, an­cor pri­ma di spo­sar­si con la ma­dre del can­tan­te. Il rac­con­to si di­spie­ga tut­to sul cam­po dell’ipo­te­si con un uso del con­di­zio­na­le spes­so ec­ces­si­vo, ma di for­te ten­sio­ne emo­ti­va, vi­sto che il pa­dre non avreb­be con­tat­ta­to la sua ex com­pa­gna ap­pe­na avu­to il pic­co­lo. So­lo nel­la se­con­da guer­ra mon­dia­le si aprì uno spi­ra­glio sul­la vi­cen­da quan­do la don­na avreb­be scrit­to in Bra­si­le per ot­te­ne­re dei cer­ti­fi­ca­ti che pro­vas­se­ro l’ine­si­sten­za di una di­scen­den­za da ebrei e, quin­di, per po­ter sfug­gi­re al­la per­se­cu­zio­ne mes­sa in at­to dai na­zi­sti.

Tut­to pren­de l’av­vio quan­do il gio­va­ne Fran­ci­sco tro­va per ca­so una let­te­ra scrit­ta in te­de­sco tra le pa­gi­ne di uno dei li­bri del pa­dre, un eru­di­to stu­dio­so do­ta­to di una del­le bi­blio­te­che pri­va­te più ric­che del Bra­si­le. Da quel mo­men­to ini­zia un’in­da­gi­ne, spes­so con­dot­ta in mo­do stram­pa­la­to e ca­sua­le, per sco­pri­re qual­che no­ti­zia sul pre­sun­to fra­tel­la­stro na­to in ter­ra teu­to­ni­ca.

Nel suo in­ci­de­re ed in­ciam­pa­re sul­le or­me del pas­sa­to, si sco­pre che il pa­dre, quan­do vi­ve­va in Ger­ma­nia agli ini­zi de­gli an­ni ‘30 la­vo­ran­do co­me corrispondente di un gior­na­le, ave­va avu­to una re­la­zio­ne con una gio­va­ne te­de­sca, An­ne Ern­st. Ri­ma­sta in­cin­ta, la don­na non ave­va po­tu­to se­gui­re Ser­gio quan­do era sta­to ri­chia­ma­to in Bra­si­le dal gior­na­le. La di­stan­za atlan­ti­ca e la guer­ra ave­va­no fi­ni­to col de­ter­mi­na­re una frat­tu­ra to­ta­le tra i due si­no al pun­to in cui il bam­bi­no era sta­to da­to in ado­zio­ne. Dal Bra­si­le Ser­gio si era pu­re pro­di­ga­to per far tra­sfe­ri­re il bam­bi­no ol­treo­cea­no o per for­nir­gli un red­di­to, ma poi non se fe­ce nul­la.

Il cuo­re del­la sto­ria è la San Pao­lo de­gli an­ni ses­san­ta, il pe­rio­do peg­gio­re del­la dit­ta­tu­ra mi­li­ta­re con scon­tri di piaz­za, spa­ri­zio­ni di mas­sa, man­can­za di li­ber­tà po­li­ti­che. Una espe­rien­za che il can­tan­te ha vis­su­to in pri­ma per­so­na per­ché, co­me sap­pia­mo, fu ar­re­sta­to nel 1968 e spin­to all’esi­lio in Ita­lia l’an­no suc­ces­si­vo.

Nel ro­man­zo si as­si­ste al­la spa­ri­zio­ne del fra­tel­lo del pro­ta­go­ni­sta, Do­min­gos e del suo mi­glio­re ami­co, Ario­sto. Le ma­dri ini­zie­ran­no una di­spe­ra­ta ri­cer­ca dei fi­gli, pri­va­te via via di il­lu­sio­ni e spe­ran­za, men­tre il pa­dre Ser­gio mo­ri­rà su­bi­to do­po la scom­par­sa del fi­glio, non reg­gen­do la ter­ri­bi­le ten­sio­ne. In un fi­na­le a sor­pre­sa Fran­ci­sco si re­ca in Ger­ma­nia per chiu­de­re fi­nal­men­te i con­ti con il suo pas­sa­to e con il suo “fra­tel­lo te­de­sco”. Il rit­mo in­cal­zan­te del­la sto­ria la­scia spa­zio a vi­cen­de in­ti­mi­sti­che, men­tre il can­tan­te mo­stra i suoi li­mi­ti nel­la de­scri­zio­ne dei mo­men­ti to­pi­ci che qua­si ven­go­no fret­to­lo­sa­men­te su­pe­ra­ti con un cer­to di­stac­co e in­dif­fe­ren­za, la­scian­do il let­to­re con una se­rie di pun­ti in­ter­ro­ga­ti­vi stam­pa­ti in te­sta.

Di cer­to il Chi­co Buarque can­tau­to­re è me­glio del Chi­co Buarque scrit­to­re, ma an­che in que­sta ve­ste l’ar­ti­sta bra­si­lia­no più co­no­sciu­to al mon­do di­mo­stra una cer­ta ori­gi­na­li­tà, co­me già evi­den­zia­to nel­le pre­ce­den­ti ope­re, “Di­stur­bo” (Mon­da­do­ri, 1992), “Be­n­ja­min” (Oscar Mon­da­do­ri, 1999), “Bu­da­pe­st” (Fel­tri­nel­li, 2005), “Lat­te ver­sa­to” (Fel­tri­nel­li, 2010). Il pri­mo ha da­to vi­ta al film omo­ni­mo di Mo­ni­que Gar­den­berg (2003), men­tre il se­con­do, in bra­si­lia­no “Estor­vo” ha da­to lo spun­to a Ruy Guer­ra per la pel­li­co­la di suc­ces­so che ha par­te­ci­pa­to al­la 53ª edi­zio­ne del Fe­sti­val di Can­nes del 2000.

Per il lan­cio del suo ul­ti­mo libro Chi­co Buarque ha rea­liz­za­to un vi­deo con la let­tu­ra di un bra­no pre­sen­tan­do il per­so­nag­gio Ciccio (co­sì chia­ma­to poi­ché la ma­dre è di ori­gi­ne ita­lia­na) che ri­cor­da la sua in­fan­zia rac­con­tan­do il de­si­de­rio del pa­dre, no­to so­cio­lo­go e sto­ri­co, di scri­ve­re “il mi­glior libro del mon­do”. Nel­la ve­ri­tà dell’esi­sten­za Chi­co e i suoi nu­me­ro­si fra­tel­li, He­loí­sa Ma­ria (la can­tan­te Miú­cha), Sér­gio Fi­lho (Ser­gi­to), Ál­va­ro Au­gu­sto, Ma­ria do Car­mo (Pií), An­na de Hollanda (già mi­ni­stro del­la cul­tu­ra) e Cri­sti­na han­no cer­ca­to il lo­ro fra­tel­lo te­de­sco, ma sen­za esi­ti po­si­ti­vi.

Di cer­to il pe­rio­do tra­scor­so in Ger­ma­nia fu de­ter­mi­nan­te per il pa­dre che scris­se il libro “Ra­di­ci del Bra­si­le”, pub­bli­ca­to nel 1936, lo stes­so an­no in cui Sér­gio Buarque si spo­sò con Ma­ria Amé­lia, ma­dre di Chi­co Buarque e de­gli al­tri suoi fra­tel­li. L’ita­lia­ni­tà del pro­ta­go­ni­sta e del­la ma­dre rin­via in­ve­ce al pe­rio­do di esi­lio del can­tan­te. Du­ran­te la sua per­ma­nen­za in Ita­lia, Chi­co Buarque De Hollanda ha in­ci­so an­che due al­bum in lin­gua ita­lia­na: uno nel 1969, in­ti­to­la­to sem­pli­ce­men­te “Chi­co Buarque De Hollanda”, ri­stam­pa­to poi in Bra­si­le con il ti­to­lo “Chi­co Buarque na Itá­lia”, e il se­con­do in­ti­to­la­to “Per un pu­gno di sam­ba” nel 1970. Con te­sti tra­dot­ti da Ser­gio Bar­dot­ti, il se­con­do al­bum go­de de­gli ar­ran­gia­men­ti di En­nio Mor­ri­co­ne men­tre tra le co­ri­ste fi­gu­ra­no le due gio­va­ni so­rel­le Mia Mar­ti­ni e Lo­re­da­na Ber­tè. Co­sì Chi­co è par­te in­te­gran­te del­la sto­ria mu­si­ca­le ita­lia­na, ol­tre che bra­si­lia

Mar­co Fer­ra­ri ***************************

Ri­pren­de da og­gi la col­la­bo­ra­zio­ne a Gen­te d’Ita­lia di Mar­co Fer­ra­ri, gior­na­li­sta, scrit­to­re e au to­re te­le­vi­si­vo ita­lia­no. Lau­rea­to­si in Geo­gra­fia pres­so l'Uni­ver­si­tà di Fi­ren­ze, ha svol­to l'at­ti­vi­tà di gior­na­li­sta a par­ti­re dal 1975 per il quo­ti­dia­no L'Uni­tà, pri­ma pres­so la redazione di Fi­ren­ze e quin­di co­me inviato spe­cia­le. È sta­to al­tre­sì re­dat­to­re dell'in­ser­to li­bri de L'Uni­tà. È sta­to col­la­bo­ra­to­re di Ri­na­sci­ta, di Li­be­rE­tàe del Dia­rio e con­su­len­te edi­to­ria­le del­la ca­sa edi­tri­ce Fra­tel­li Ali­na­ri. . Il suo pri­mo ro­man­zo, Tir­re­no (Edi­to­ri Riu­ni­ti), ri­sa­le al 1988. Suc­ces­si­va­men­te ha pub­bli­ca­to I so­gni di Tri­stan (1994), Al­la Ri­vo­lu­zio­ne sul­la Due Ca­val­li (1995), Grand Ho­tel Ocea­no (1996) e Ti ri­cor­di Glau­ber (1999) con Sel­le­rio edi­to­re e, in­sie­me ad Ales­san­dro Ben­ve­nu­ti, La ve­ra sto­ria del mi­ti­co un­di­ci (1998) con Pon­te alle Gra­zie-Lon­ga­ne­si. Il re­gi­sta Mau­ri­zio Sciar­ra ha trat­to dal suo ro­man­zo Al­la ri­vo­lu­zio­ne sul­la due ca­val­li l'omo­ni­mo film, di cui Mar­co Fer­ra­ri ha scrit­to la sce­neg­gia­tu­ra, vin­ci­to­re nel set­tem­bre 2001 del Par­do d'Oro al Fe­sti­val del film Lo­car­no. Ha poi pub­bli­ca­to Cuo­re Atlan­ti­co (2004) e Mo­ri­re a Clip­per­ton (2009) per Ugo Mur­sia edi­to­re. Dal 1999 al 2009 ha ri­co­per­to l'in­ca­ri­co di presidente dell'Isti­tu­zio­ne per i Ser­vi­zi Cul­tu­ra­li del Co­mu­ne del­la Spe­zia. Sot­to la sua pre­si­den­za so­no sta­ti inau­gu­ra­ti il Museo del Si­gil­lo, il Cen­tro Ar­te Mo­der­na e Con­tem­po­ra­nea, il Museo Dio­ce­sa­no-Et­no­gra­fi­co, il cen­tro gio­va­ni­le e mul­ti­me­dia­le "Dial­ma Rug­gie­ro". È sta­to l'idea­to­re del Pre­mio Exo­dus. È sta­to presidente del­la Me­dia­te­ca re­gio­na­le li­gu­re dal 2008 al 2015. Nel 2012 ha pub­bli­ca­to Le Nu­vo­le di Ti­mor per Ca­val­lo di Fer­ro a cui so­no se­gui­ti Si­re­na­te (2013) per Il me­lan­go­lo e Ma­re ver­ti­ca­le: Dal­le Cin­que Ter­re a Boc­ca di Ma­gra (2014) per Edi­to­ri La­ter­za. Nel 2016 ha pub­bli­ca­to Ho spa­ra­to a Ga­ri­bal­di per Mon­da­do­ri (ca­sa edi­tri­ce) con Arrigo Pe­tac­co. È au­to­re inol­tre di al­cu­ni te­sti de­di­ca­ti al­la cul­tu­ra li­gu­re: Li­gu­ria: il ma­re e la sua ter­ra (2004), Mestieri di una vol­ta (2007), Una sto­ria di­pin­ta: La Spe­zia, il por­to, i bor­ghi (2007), Il sen­so del Gol­fo (2008) e Il por­to di Exo­dus (2009). Ha ri­ce­vu­to, nel 1995, il pre­mio let­te­ra­rio Le­ri­ciGol­fo dei Poe­ti da At­ti­lio Ber­to­luc­ci, è sta­to mem­bro del­la giu­ria del Pre­mio Le­ri­ciPea e si è oc­cu­pa­to dell'or­ga­niz­za­zio­ne del pre­mio Mon­ta­le Fuo­ri di Ca­sa per con­to del Par­co Let­te­ra­rio Eu­ge­nio Mon­ta­le. È sta­to au­to­re di al­cu­ne tra­smis­sio­ni te­le­vi­si­ve co­me Emi­lio (Re­te 4) e Sul­la cre­sta dell'on­da (Rai) e di di­ver­se tra­smis­sio­ni ra­dio­fo­ni­che di Rai Ra­dio 3. È col­la­bo­ra­to­re del gior­na­le la Re­pub­bli­ca (se­de di Ge­no­va) e de L'Uni­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.