Il ca­so del­la pa­gi­na web del Co­mi­tes di Mon­te­vi­deo: é "abu­so d'uf­fi­cio" del­la con­si­glie­ra Fio­rel­la Faz­zi­ni?

La Gente d'Italia - - URUGUAY - DI MAT­TEO FORCINITI

“I

l Co­mi­tes non ha una pa­gi­na web. Il si­to era sta­to pa­ga­to 20mi­la pe­sos ma non ha mai fun­zio­na­to".

A de­nun­cia­re que­sta si­tua­zio­ne -nel cor­so dell'ul­ti­ma se­du­ta del co­mi­ta­to che si è svol­ta la set­ti­ma­na scor­sa- è sta­to il nuo­vo ese­cu­ti­vo gui­da­to da Ales­san­dro Mag­gi.

La que­stio­ne re­la­ti­va al si­to web ri­schia di tra­sfor­mar­si in un ul­te­rio­re ter­re­no di scon­tro, dun­que, tra le di­ver­se fa­zio­ni in lot­ta tra lo­ro do­po le ul­ti­me vi­cen­de che han­no por­ta­to al cam­bio di gui­da all'in­ter­no dell'or­ga­ni­smo che rap­pre­sen­ta la col­let­ti­vi­tà ita­lia­na.

In realtà il si­to www.Co­mi­tes.uy esi­ste ed è re­go­lar­men­te on li­ne da un an­no e mez­zo. In­cre­di­bi­le pe­rò è la vi­cen­da che ha por­ta­to al­la sua rin­no­va­zio­ne e che chia­ma in cau­sa il pre­ce­den­te ese­cu­ti­vo di Clau­dio Mel­lo­ni e Al­do La­mor­te con un com­por­ta­men­to eti­ca­men­te mol­to di­scu­ti­bi­le. Ve­dia­mo in­sie­me il per­ché.

Do­po cir­ca un an­no di pro­mes­se, all'ini­zio del 2016 l'al­lo­ra Co­mi­tes rin­no­va­va fi­nal­men­te la pa­gi­na isti­tu­zio­na­le do­po di­ver­si an­nun­ci: un di­se­gno cer­ta­men­te più mo­der­no e più bel­lo ri­spet­to a quel­lo pre­ce­den­te che era or­mai ab­ba­stan­za an­ti­co. Ol­tre all'aspet­to este­ti­co in­no­va­ti­vo pe­rò, co­me al­cu­ni con­si­glie­ri ave­va­no fat­to no­ta­re in pas­sa­to, al­cu­ne co­se ab­ba­stan­za im­por­tan­ti era­no an­da­te per­du­te.

A co­min­cia­re dai ver­ba­li del­le riu­nio­ni, qual­co­sa di as­so­lu­ta­men­te fon­da­men­ta­le per un or­ga­ni­smo pub­bli­co, aper­to e tra­spa­ren­te co­me do­vreb­be es­se­re. Eb­be­ne, gli uni­ci ver­ba­li di­spo­ni­bi­li so­no quel­li re­la­ti­vi al 2014 e al 2015 (nel mag­gio di quell'an­no si in­se­diò il nuo­vo or­ga­ni­smo). Vie­ne pre­sen­ta­to an­che il 2016 -o al­me­no que­sto è quel­lo che di­ce il ti­to­lo- ma in realtà si trat­ta di due riu­nio­ni del 2015. In­som­ma, è sta­ta can­cel­la­ta la me­mo­ria sto­ri­ca e so­no scom­par­si tut­ti gli at­ti di qua­si un de­cen­nio a par­ti­re dal 2006 a cui si ag­giun­go­no, chia­ra­men­te, an­che quel­li de­gli ul­ti­mi due an­ni.

Do­ve so­no fi­ni­ti que­sti ver­ba­li? Per­ché so­no sta­ti can­cel­la­ti? Co­me può un or­ga­ni­smo che do­vreb­be es­se­re aper­to ri­muo­ve­re d'im­prov­vi­so le te­sti­mo­nian­ze del pas­sa­to co­me se nien­te fos­se? Non si trat­ta di un qual­co­sa di prov­vi­so­rio: è la realtà da un an­no e mez­zo. Il pun­to più in­cre­di­bi­le del­la vi­cen­da è pe­rò un al­tro ed è an­co­ra più gra­ve. Sa­reb­be sta­ta la con­si­glie­re Fio­rel­la Faz­zi­ni a in­ta­sca­re 20mi­la pe­sos (qua­si 700 dol­la­ri) per il la­vo­ro ef­fet­tua­to co­me con­fer­ma­to dal­la se­gre­te­ria del Co­mi­tes a Gen­te d'Ita­lia.

Il tut­to è fa­cil­men­te ri­scon­tra­bi­le an­che in fon­do al­la pa­gi­na do­ve c'è una no­ta che re­ci­ta: "Co­py­right © 2016 Skiz­ze Di­seño".

Ba­sta clic­ca­re su www.skiz­ze.com.uy per tro­va­re nel­la se­zio­ne "no­so­tras" la pre­sen­ta­zio­ne di Fio­rel­la Faz­zi­ni in­sie­me a un'al­tra per­so­na.

Det­to in al­tri ter­mi­ni: la Faz­zi­ni (all'in­ter­no dell'ese­cu­ti­vo di al­lo­ra del Co­mi­tes) avreb­be de­ci­so (au­to­no­ma­men­te?) e sen­za in­for­ma­re gli al­tri con­si­glie­ri di af­fi­da­re un la­vo­ro di pri­mo pia­no a sè stes­sa in si­len­zio e qua­si di na­sco­sto.

Lei stes­sa quin­di avreb­be de­ci­so dun­que di far­si pa­ga­re per que­sto 20mi­la pe­sos che, ri­cor­dia­mo, pro­ven­go­no dai sol­di pub­bli­ci che man­da il Mi­ni­ste­ro de­gli Este­ri per il fun­zio­na­men­to del Co­mi­tes. Se con­fer­ma­to dall’in­chie­sta in at­to del­la am­ba­scia­ta ita­lia­na si trat­te­reb­be di abu­so d'uf­fi­cio.

Se a com­met­ter­lo poi sa­reb­be sta­to il mem­bro più gio­va­ne di quell'ese­cu­ti­vo do­vreb­be far ul­te­rior­men­te ri­flet­te­re: cer­to, non stia­mo par­lan­do di ci­fre mi­lio­na­rie ma è pur sem­pre qual­co­sa di estre­ma­men­te gra­ve: dov'è fi­ni­ta l'eti­ca?

E la tra­spa­ren­za di cui tan­to si sen­ti­va par­la­re in cam­pa­gna elet­to­ra­le?

Nel­la fo­to Fio­rel­la Faz­zi­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.