Il Na­za­re­no e’ mor­to

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI LUCIA ANNUNZIATA

Se

la Si­ci­lia è, dav­ve­ro, il la­bo­ra­to­rio di cui tan­to si par­la, il suo vo­to ci di­ce che la gran­de coa­li­zio­ne, il Na­za­re­no, o co­me vo­le­te chia­mar­la, in­som­ma l'ac­cor­do­ne fra la de­stra e il Pd è sta­to uc­ci­so pri­ma an­co­ra di na­sce­re nel­le ur­ne del­la Tri­na­cria.

La for­ma, i mo­di e i nu­me­ri del­la vit­to­ria del cen­tro­de­stra dell'Iso­la, let­ti in­sie­me a quel­li del di­sa­stro Pd pro­va­no in­fat­ti che Ren­zi po­treb­be es­se­re par­te di una gran­de coa­li­zio­ne con Sil­vio so­lo co­me ju­nior part­ner: una po­si­zio­ne de­fi­ni­ti­va­men­te im­pos­si­bi­le da ac­cet­ta­re da par­te del se­gre­ta­rio del Pd, o da chiun­que al­tro nei suoi pan­ni.

Guar­dia­mo ai nu­me­ri. Nel cen­tro­de­stra ci so­no sta­ti tre ca­na­li di rac­col­ta del vo­to. Vin­ce col 16 per cen­to Sil­vio Ber­lu­sco­ni – pro­va di una im­pe­ri­tu­ra fe­del­tà di una par­te dell'elet­to­ra­le ita­lia­no a que­sto lea­der, che vie­ne mes­so da que­sto ri­sul­ta­to in una po­si­zio­ne in­di­scus­sa a ca­po del­la sua area. Il nu­me­ro che sal­da la vit­to­ria del cen­tro­de­stra vie­ne dun­que dal­la li­sta Mu­su­me­ci che pren­de il 7 per cen­to dei fa­vo­ri de­gli elet­to­ri.

Buo­na par­te di que­sto con­sen­so vie­ne dal ser­ba­to­io di Fra­tel­li d'Ita­lia - co­me è na­tu­ra­le che fos­se vi­sto che si trat­ta do­po­tut­to del­la stes­sa fa­ri­na. Non so­no esal­tan­ti i ri­sul­ta­ti di Me­lo­ni e Sal­vi­ni, che fa­ti­ca­no sul­la so­glia del 5 per cen­to per en­tra­re nel Con­si­glio Re­gio­na­le, an­che se il va­lo­re di que­sto ri­sul­ta­to per Fra­tel­li d'Ita­lia è che si fon­de con quel­lo di Mu­su­me­ci che vie­ne dal­la stes­sa area.

Quel 5 per cen­to ri­ma­ne pe­rò la pro­va che la se­du­zio­ne so­vra­ni­sta, o an­ti­si­ste­ma che sia, agi­ta­ta dai due par­ti­ti, non par­la mol­to al­la ba­se del cen­tro­de­stra, al­me­no al Sud. Né fa me­ra­vi­glia que­sta fred­dez­za. L'Iso­la che ha un Sta­tu­to spe­cia­le, ha 5 vol­te il nu­me­ro di im­pie­ga­ti pub­bli­ci del­la Re­gio­ne Lom­bar­dia, e trat­tie­ne il 100 per cen­to del­le pro­prie tas­se, non è esat­ta­men­te il ter­re­no più fer­ti­le per spin­te ra­di­ca­li an­ti­sta­ta­li o an­ti­eu­ro­pee.

La let­tu­ra fi­na­le di que­sti da­ti è che il cen­tro­de­stra che ha vin­to in Si­ci­lia si pre­sen­ta og­gi sul­la sce­na po­li­ti­ca in una ver­sio­ne in par­te ine­di­ta.

È un bloc­co ab­ba­stan­za com­pat­to, a di­spet­to di quel che si di­ce­va pri­ma del vo­to, quan­do in­quie­ta­va la te­nu­ta del­la coa­li­zio­ne; ma que­sta com­pat­tez­za tro­va­ta as­sor­ben­do vo­ti del­la Le­ga e di Fra­tel­li d'Ita­lia dà al bloc­co mo­de­ra­to che la com­po­ne una in­cli­na­zio­ne mol­to con­ser­va­tri­ce, una for­te ve­na­tu­ra iden­ti­ta­ria.

An­che i 5 Stel­le esco­no dal vo­to con una sor­te di nuo­va pel­le. Han­no per­so, ma so­no il pri­mo par­ti­to per­ché il lo­ro vo­to è qua­si du­pli­ca­to, e que­sto gra­zie al­la gran­de at­tra­zio­ne che han­no eser­ci­ta­to sul vo­to del­la si­ni­stra: il cen­tro­si­ni­stra per­de 10 pun­ti ma, an­che se la mi­su­ra non è si­cu­ra, ne gua­da­gna ot­to Can­cel­le­ri.

Il Pd si ri­tro­va a que­sto pun­to in una si­tua­zio­ne in cui con i suoi vo­ti non è più cen­tra­le né nu­me­ri­ca­men­te né cul­tu­ral­men­te nell'even­tua­le sche­ma del Na­za­re­no.

La coa­li­zio­ne per­met­te in­fat­ti una qua­si au­to­suf­fi­cien­za al cen­tro­de­stra e la sua

ca­ra­tu­ra ideo­lo­gi­ca mo­de­ra­ta, ma spo­sta­ta a de­stra, non in­clu­de i mo­de­ra­ti del Pd. L'uni­co ruo­lo pos­si­bi­le al Par­ti­to de­mo­cra­ti­co po­treb­be es­ser quel­lo del ju­nior part­ner, ap­pun­to; una sor­ta di ap­pog­gio ester­no/in­ter­no a un go­ver­no di cen­tro­de­stra.

Un sui­ci­dio per Ren­zi che nel­la sua vi­ta po­li­ti­ca ha sa­pu­to fa­re spes­so pat­ti, ma non è mai sta­to in­cli­ne ad ac­cet­ta­re con­di­zio­ni di ser­vi­tù.

In­som­ma, la Si­ci­lia do­ve­va ri­sta­bi­li­re per il fu­tu­ro dell'Ita­lia uno sche­ma bi­na­rio: Go­ver­no di Gran­de coa­li­zio­ne na­za­re­ni­ca, con il mo­vi­men­to pen­ta­stel­la­to te­nu­to fi­nal­men­te fuo­ri.

La de­ba­cle del Pd, che di fat­to di­ven­ta ir­ri­le­van­te con il suo ser­ba­to­io di vo­ti, ci ri­con­se­gna al so­li­to sche­ma che ha dan­na­to la po­li­ti­ca di que­sti ul­ti­mi cin­que an­ni: il tri­par­ti­to di fat­to.

Se do­ves­si­mo og­gi guar­da­re al fu­tu­ro po­li­ti­co dell'Ita­lia at­tra­ver­so la len­te si­ci­lia­na, in Ita­lia nel pros­si­mo fu­tu­ro si po­treb­be ma­te­ria­liz­za­re un go­ver­no di cen­tro­de­stra, so­li­do a suf­fi­cien­za da ga­ran­tir­si la pos­si­bi­li­tà di go­ver­na­re – ma­ga­ri con aper­tu­ra ad al­cu­ni ap­por­ti "tec­ni­ci".

All'op­po­si­zio­ne ci sa­reb­be M5S che a quel pun­to pe­rò do­vreb­be pren­de­re mar­ca­ta­men­te le di­stan­ze dal­la sua com­po­nen­te in­ter­na di de­stra. E un Pd, es­so stes­so all'op­po­si­zio­ne del cen­tro­de­stra. Con la con­se­guen­za che fra M5S e Pd si eser­ci­te­rà una nuo­va com­pe­ti­zio­ne – sull'uni­co pos­si­bi­le ter­re­no di op­po­si­zio­ne: l'at­tac­co al si­ste­ma. Sce­na­rio che del re­sto si è già ma­te­ria­liz­za­to in que­sti ul­ti­mi me­si, su mol­te pro­po­ste di leg­ge e so­cia­li in­cro­cia­te­si fra Pd e pen­ta­stel­la­ti. Con una pic­co­la, ma non in­si­gni­fi­can­te, in­ver­sio­ne di ruo­li. Il Pd che fi­no­ra era al go­ver­no, in que­sta ipo­te­si, è il ter­zo par­ti­to, di­ven­tan­do la ruo­ta di scor­ta di una op­po­si­zio­ne al­la de­stra in cui M5S fa la par­te del leo­ne.

Tut­to que­sto, ov­via­men­te, co­me si di­ce­va, a pat­to che la Si­ci­lia sia un la­bo­ra­to­rio na­zio­na­le. E pro­ba­bil­men­te non è co­sì. Trop­pe uni­ci­tà nell'Iso­la e trop­pe ec­ce­zio­ni di ca­pi­ba­sto­ne, flus­si elet­to­ra­li, e leg­gi am­mi­ni­stra­ti­ve.

Ma le sug­ge­stio­ni che ri­la­scia­no nell'aria al­la lo­ro aper­tu­re que­ste ur­ne si­ci­lia­ne, non san­no, co­mun­que, esat­ta­men­te, di za­ga­re. Per il Pd in par­ti­co­la­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.