É ve­ro, ca­ro Pro­di, l'Ita­lia é un di­sa­stro

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI ELIDE ROS­SI E AL­FRE­DO MO­SCA

Con Ro­ma­no Pro­di, non ab­bia­mo mai con­di­vi­so nien­te o qua­si, ma sta­vol­ta gli dia­mo ra­gio­ne quan­do par­la dell’Ita­lia co­me un “di­sa­stro”.

Per la ve­ri­tà non è chia­ris­si­mo a co­sa e a chi si ri­fe­ris­se il “pro­fes­so­re” con le sue bat­tu­te, ma al di là del­le ipo­te­si ne co­glia­mo il sen­so com­ples­si­vo. Re­sta pe­rò il fat­to che le col­pe ge­ne­ra­li e par­ti­co­la­ri di que­sta tra­ge­dia ita­lia­na non pos­sa­no che sta­re in ca­po a quel­li che al­me­no da ven­ti, trent’an­ni so­no sta­ti al co­man­do.

Si trat­ta ov­via­men­te di una mol­ti­tu­di­ne di per­so­nag­gi po­li­ti­ci, si trat­ta di go­ver­ni e mag­gio­ran­ze, si trat­ta di un mon­do che in un ver­so o nell’al­tro ha con­ta­to e con­ta an­co­ra. In­som­ma, per far­la bre­ve, qua­le che sia il sen­so del di­sa­stro ita­lia­no di cui par­la l’ex Pre­mier, cer­ta­men­te lui non se ne può chia­ma­re fuo­ri.

An­zi a dir­la tut­ta un bell’esa­me di co­scien­za su­gli sba­gli, sul­le can­to­na­te, sui pro­get­ti di­fet­to­si e sul­la man­can­za di chia­rez­za nei con­fron­ti dei cit­ta­di­ni, il pro­fes­sor Pro­di do­vreb­be far­se­lo ec­co­me in­sie­me a tan­ti al­tri del suo par­ti­to.

Sia chia­ro, nes­su­no vuo­le met­te­re in cro­ce nes­su­no, ma sul te­ma le cer­tez­za è una so­la: i ci­re­nei so­no sta­ti so­lo i cit­ta­di­ni. Dun­que al net­to di tut­to la ve­ri­tà è che l’Ita­lia non è so­la­men­te un di­sa­stro, ma ora­mai un Pae­se al li­mi­te del­la sop­por­ta­zio­ne. Cer­ca­re, in­fat­ti, co­me sta fa­cen­do l’at­tua­le Go­ver­no, di il­lu­de­re la gen­te spin­gen­do­la a cre­de­re che tut­to va­da be­ne ma­da­ma la mar­che­sa, è inu­ti­le e con­tro­pro­du­cen­te. Del re­sto co­sa se ne fan­no i cit­ta­di­ni di un po’di cre­sci­ta, ol­tre­tut­to con­giun­tu­ra­le, se nel Pae­se non fun­zio­na nien­te?

La cre­sci­ta non può es­se­re, in­fat­ti, un da­to fi­ne a se stes­so, un nu­me­ro che per quan­to po­si­ti­vo non sia ac­com­pa­gna­to da mi­glio­ra­men­ti tan­gi­bi­li e frui­bi­li dal­la gen­te. La cre­sci­ta as­su­me un sen­so com­piu­to quan­do tor­na nel­le ta­sche e nel­la vi­ta di tut­ti in ter­mi­ni po­si­ti­vi, sul fi­sco, sul­la sa­ni­tà, sul­la giu­sti­zia, sul la­vo­ro sta­bi­le, sui ser­vi­zi in ge­ne­ra­le. In Ita­lia, in­ve­ce, am­mes­so e non con­ces­so che da un pa­io di an­ni vi sia ri­pre­sa, nes­su­no se ne è ac­cor­to. L’in­fer­no bu­ro­cra­ti­co re­sta ta­le e qua­le, l’os­ses­sio­ne e la com­pli­ca­zio­ne fi­sca­le pu­re, per non di­re del li­vel­lo dei ser­vi­zi pub­bli­ci, a par­ti­re dal­la sa­ni­tà. In­som­ma, i cit­ta­di­ni so­no ab­ban­do­na­ti a se stes­si e si muo­vo­no quo­ti­dia­na­men­te in una sor­ta di com­bat­ti­men­to con­tro il mal­fun­zio­na­men­to di tut­to. La giu­sti­zia nei tem­pi e nei mo­di non rie­sce più a da­re fi­du­cia e ristoro al­le vit­ti­me, l’ap­pa­ra­to pub­bli­co an­zi­ché aiu­ta­re e semplificare la vi­ta la com­pli­ca ed esa­spe­ra, il la­vo­ro sta­bi­le è sem­pre più dif­fi­ci­le a tro­var­si. Co­me se non bastasse, i cit­ta­di­ni as­si­sto­no ogni gior­no a epi­so­di di ma­laf­fa­re, ma­la ge­stio­ne, dis­si­pa­zio­ne di ri­sor­se col­let­ti­ve e il de­gra­do del­le cit­tà e dei ter­ri­to­ri so­mi­glia sem­pre più a quel­lo del­le peg­gio­ri fa­ve­las.

Ol­tre­tut­to le ri­sor­se col­let­ti­ve che so­no sem­pre più scar­se quan­do si trat­ta di aiu­ta­re lo svi­lup­po, l’oc­cu­pa­zio­ne, l’equi­tà so­cia­le e la ri­du­zio­ne fi­sca­le, si tro­va­no in­ve­ce per pen­sio­ni d’oro, sti­pen­di da na­bab­bo di ma­na­ger, bu­ro­cra­ti, per sal­va­re le ban­che. In­som­ma, que­sto è il di­sa­stro che noi vi­via­mo e ve­dia­mo e an­che se il pro­fes­sor Pro­di si ri­fe­ri­va ad al­tro, il ri­sul­ta­to non mu­ta.

È ne­ces­sa­rio un cam­bia­men­to ra­di­ca­le, e oc­cor­re su­bi­to, pri­ma che la gen­te si stan­chi del tut­to, per­ché or­mai la di­stan­za tra il di­sa­stro e l’esplo­sio­ne del­la pro­te­sta più for­te è ve­ra­men­te bre­ve.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.