Ita­lia fuori dai Mon­dia­li

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Ita­lia fuori dai Mon­dia­li, chi non ha al­me­no 70 an­ni non l’ha mai vi­sto. An­zi nes­su­no ha mai vi­sto da ca­sa un Mon­dia­le di cal­cio sen­za la na­zio­na­le ita­lia­na. Quan­do fu, l’altra vol­ta che fum­mo eli­mi­na­ti, la te­le­vi­sio­ne non c’era. Era il 1958, ci but­tò fuori un’Ir­lan­da. E per aver­lo in qual­che mo­do sa­pu­to e vis­su­to bi­so­gna­va al­lo­ra ave­re di­cia­mo al­me­no die­ci an­ni, es­ser na­ti al­me­no dal­le par­ti del 1945/1948. Quin­di chi non ha al­me­no 70 an­ni un Mon­dia­le sen­za l’Ita­lia non l’ha mai vi­sto. Ita­lia fuori dai mon­dia­li si­gni­fi­ca an­che un po’di sol­di che non en­tra­no e non gi­ra­no. Sol­di non so­lo lo­ro, lo­ro di quel­li del cal­cio, al­le­na­to­ri, gio­ca­to­ri, di­ri­gen­ti… Non en­tra­no i sol­di e non gi­ra­no se sei fuori dai Mon­dia­li i sol­di dei pre­mi, dei di­rit­ti te­le­vi­si­vi, de­gli spon­sor. Ad oc­chio al­me­no un cen­ti­na­io di mi­lio­ni gi­re­ran­no in me­no nell’eco­no­mia ita­lia­na. E in più una quo­ta di non cal­co­la­bi­le in­dot­to. In­som­ma sa­rà uno ze­ro vir­go­la qual­co­sa in me­no del Pil Ita­lia 2.018. Un graf­fio mi­ni­mo al Pil, ma pur sem­pre un graf­fio. Ita­lia fuori dai Mon­dia­li, una co­sa mai vi­sta e pu­re qual­che sol­do in me­no che gi­ra. Co­me è successo? Co­me suc­ce­de che un al­le­na­to­re, Giam­pie­ro Ventura, pa­ga­to 1,5 mi­lio­ni di eu­ro l’an­no, non rie­sca a met­te­re in pie­di e in­sie­me una squa­dra? E co­me suc­ce­de che una ven­ti­na ab­bon­dan­te di gio­ca­to­ri di se­rie A non rie­sca­no ad es­se­re una squa­dra? E co­me suc­ce­de che un’in­te­ro pae­se vi­va a lun­go nel­la fal­sa per­ce­zio­ne di ave­re una squa­dra da Mon­dia­li e an­che di più? E co­me suc­ce­de che a but­tar­ci fuori dai Mon­dia­li so­no gli sve­de­si del cal­cio, cioè una squa­dra che con il cal­cio gio­ca­to non ha gran­de con­fi­den­za, in­som­ma una squa­dra, per dir­la in ma­nie­ra più pe­de­stre, con i pie­di fu­ci­la­ti? Per ave­re un’idea di co­me suc­ce­de, par­ti­re dall’ul­ti­mo at­to del­lo spet­ta­co­lo, l’Ita­lia-Sve­zia di lu­ne­dì se­ra a San Si­ro. Spet­ta­co­lo tri­ste, pre­sun­tuo­so e le­tal… La re­to­ri­ca bo­rio­sa e ca­ra­mel­lo­sa del­la cro­na­ca Rai tut­ta in­far­ci­ta di inu­ti­li e pa­te­ti­che “pel­le d’oca” e “non ho pa­ro­le” (so­no pa­ga­ti per ri­pe­te­re “che di­re” e “non ho pa­ro­le” i com­men­ta­to­ri, si fa per di­re, ex gio­ca­to­ri?).

I fi­schi di po­po­lo all’in­no na­zio­na­le sve­de­se, tan­to per se­gna­la­re il tas­so al­tis­si­mo di…na­zio­na­li­smo? La su­per­sti­zio­ne di­scre­ta­men­te idio­ta del se­gna­la­re co­me buon au­spi­cio lo scen­de­re in cam­po tra i bam­bi­ni ma­no in ma­no coi gio­ca­to­ri del ni­po­te di Gia­cin­to Fac­chet­ti. Poi, su­bi­to do­po la con­sue­ta in­ver­sio­ne dei pro­no­mi (l’in­te­ra co­mu­ni­ca­zio­ne cal­ci­sti­ca igno­ra esi­sta il “suo” e sem­pre e so­lo usa il “pro­prio”) ec­co do­po 40 se­con­di la te­le­cro­na­ca la­men­ta la “pro­vo­ca­zio­ne de­gli sve­de­si” e in­vo­ca un ri­go­re do­po ot­to mi­nu­ti nean­che… Spet­ta­co­lo tri­ste e pre­sun­tuo­so quel­lo di un al­le­na­to­re che ha man­da­to in cam­po una squa­dra grot­te­sca e im­pro­ba­bi­le nei ruo­li e po­si­zio­ni, che ci fa Flo­ren­zi là a cen­tro cam­po più o me­no? E chi lo sa. E che de­ve fa­re Gab­bia­di­ni? E chi lo sa… E chi mai può sa­pe­re per­ché In­si­gne non gio­ca ed El Shaa­rawy en­tra so­lo nei mi­nu­ti di­spe­ra­ti? L’uni­ca co­sa che si sa è che Ventura ave­va se­con­do co­stu­me na­zio­na­le as­si­cu­ra­to che tut­to era a po­sto, che la vit­to­ria era cer­ta e che l’uni­ca co­sa che di­stur­ba­va era, an­zi era­no i sa­bo­ta­to­ri in­ter­ni e gli ar­bi­tri in­ter­na­zio­na­li. Spet­ta­co­lo tri­ste e pre­sun­tuo­so. E le­tal…le­ta­le per­ché to­glie a mi­lio­ni di italiani la pros­si­ma esta­te il pia­ce­re del­le par­ti­te ai Mon­dia­li con la squa­dra ita­lia­na (sce­glie­te­vi cia­scu­no altra cui ti­fa­re). Tri­ste per­ché fa del 2.018 un an­no in fi­lo più me­sto per mi­lio­ni di italiani, un’esta­te sen­za i Mon­dia­li ab­bas­sa l’umore pub­bli­co e non è un sen­ti­men­to da ul­tras, è una cir­co­stan­za ve­ri­fi­ca­ta an­che sul pia­no dei con­su­mi e dei com­por­ta­men­ti pub­bli­ci. E so­prat­tut­to è successo (que­sto il ter­ri­bi­le e in­con­fes­sa­bi­le so­spet­to) che l’Ita­lia del cal­cio sia fuori dai Mon­dia­li an­che per­ché l’Ita­lia tut­ta è sem­pre più co­me si di­ce “fuori co­me un bal­co­ne”. Fuori co­me un bal­co­ne nel suo per­ce­pir­si scip­pa­ta e tra­di­ta men­tre è as­si­sti­ta e pro­tet­ta an­che quan­do e do­ve non si do­vreb­be as­si­ste­re e pro­teg­ge­re. Fuori co­me un bal­co­ne quan­do im­ma­gi­na se stes­sa l’Ita­lia co­me abi­ta­ta da clas­si, ce­ti e ca­ste di­ri­gen­ti. Clas­si, ce­ti e ca­ste ci so­no ma non di­ri­go­no un bel nul­la, so­no pro­prio co­me la Na­zio­na­le in cam­po. Fuori co­me un bal­co­ne l’Ita­lia quan­do pen­sa che fur­bi­zia e pre­da­zio­ne sia­no di­rit­ti ac­qui­si­ti e ina­lie­na­bi­li. Fuori l’Ita­lia dai Mon­dia­li e l’Ita­lia fuori co­me un bal­co­ne quan­do, ad esem­pio (ma è so­lo uno dei tan­ti esem­pi pur­trop­po pos­si­bi­li) Mat­teo Sal­vi­ni com­men­ta l’eli­mi­na­zio­ne co­sì: “Trop­pi stra­nie­ri mez­ze pip­pe nel cam­pio­na­to ita­lia­no”. No, le mez­ze pip­pe sia­mo noi, non gli stra­nie­ri. Sul cam­po di cal­cio, sui cam­pi dell’eco­no­mia, su quel­li del­la vi­ta as­so­cia­ta, per non di­re dei cam­pac­ci del­la po­li­ti­ca. Le mez­ze pip­pe sia­no noi e Ita­lia fuori dai Mon­dia­li di cal­cio 2.018 ri­schia gros­so di es­se­re pre­sa­gio di Ita­lia fuori co­me un bal­co­ne al­le ele­zio­ni po­li­ti­che 2.018.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.