New York: Pi­sto­let­to ha fat­to ro­to­la­re la 'Sfe­ra'

La Gente d'Italia - - ITALIANI IN NORD AMERICA -

E’una del­le scul­tu­re più em­ble­ma­ti­che del mondo dell'ar­te: 'Sfe­ra di gior­na­li', dell'ar­ti­sta ita­lia­no Mi­che­lan­ge­lo Pi­sto­let­to che l'ha por­ta­ta ne­gli Sta­ti Uni­ti, per una esi­bi­zio­ne sen­za pre­ce­den­ti, vo­lu­ta da 'Ma­gaz­zi­no' il nuo­vo spa­zio ar­ti­sti­co, non pia­ce chia­mar­lo mu­seo, crea­to a Cold Spring da Nan­cy Ol­nick e il ma­ri­to, ita­lia­no, Gior­gio Spa­nu. Si è trat­ta­to di una rie­la­bo­ra- zio­ne di una del­le per­for­man­ce più co­no­sciu­te di Pi­sto­let­to, che nel 1967, fe­ce ro­to­la­re la sua 'Sfe­ra' dal­la gal­le­ria Stein al­la gal­le­ria Spe­ro­ne. La 'Sfe­ra' di Pi­sto­let­to che l'altra set­ti­ma­na è ro­to­la­ta ne­gli Sta­ti Uni­ti è sta­ta poi do­na­ta al 'Ma­gaz­zi­no' e fa­rà par­te del­le ope­re per­ma­nen­ti. La nuo­va 'Sfe­ra' di Pi­sto­let­to è com­po­sta dal­le pa­gi­ne di tre gior­na­li de­gli Sta­ti Uni­ti che, per la pri­ma vol­ta nell'au­tun­no dell'an­no scor­so, an­nun­cia­ro­no la na­sci­ta di Ma­gaz­zi­no Ita­lian Art', che si de­di­ca, dal­la sua inaugurazione, l'esta­te scor­sa, so­prat­tut­to all'Ar­te po­ve­ra. Co­sì nel­la sfe­ra di Pi­sto­let­to so­no fi­ni­ti il 'New York Ti­mes', 'The Hi­ghland Cur­rent' e 'The Put­nam Coun­ty News and Re­cor­der'. A bor­do di una Fiat ca­brio del 1961 la 'Sfe­ra' ha fat­to la sua ap­pa­ri­zio­ne a Cold Spring, do­ve il pub­bli­co si è uni­to all'ar­ti­sta e agli in­ven­to­ri del 'Ma­gaz­zi­no', poi è sta­ta fat­ta ro­to­la­re lun­go la via prin­ci­pa­le del­la cit­ta­di­na del­lo sta­to di New York, che si tro­va a un pa­io d'ore dal­la 'Big Ap­ple'. Dal gior­no del­la sua usci­ta a To­ri­no, la 'Sfe­ra di gior­na­li', in mez­zo se­co­lo, è sta­ta fat­ta ro­to­la­re di­ver­se vol­te, in par­ti­co­la­re tra il 1965 e il 1968. Pi­sto­let­to, uno de­gli espo­nen­ti di pun­ta del mo­vi­men­to Ar­te po­ve­ra, è na­to a Biel­la il 25 giu­gno 1933 e la sua at­ti­vi­tà ar­ti­sti­ca l'ha co­min­cia­ta fa­cen­do l'ap­pren­di­sta nel­la bot­te­ga di re­stau­ra­to­re del pa­dre con il qua­le ha col­la­bo­ra­to fi­no al 1958. Ma già in que­gli an­ni la sua at­ti­vi­tà crea­ti­va ri­sal­ta­va in ope­re pit­to­ri­che. È co­no­sciu­to an­che per l'uso de­gli spec­chi.

Una Fiat del 1961 per la scul­tu­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.