Di Ma­io a Sal­vi­ni:"Nien­te go­ver­no se c'é Ber­lu­sco­ni" ma il le­ghi­sta non ci sta: "Mi in­te­res­si me­no di ze­ro"

Il ca­po po­li­ti­co di M5s fre­na l'ot­ti­mi­smo del lea­der del Car­roc­cio che ave­va as­se­gna­to il 51% di pos­si­bi­li­tà all'in­te­sa: "Non vo­glia­mo am­muc­chia­te". La re­pli­ca del nu­me­ro 1 del Car­roc­cio: “Dia­lo­go ve­ro o si tor­na al voto"

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI STE­FA­NO GHIONNI

No. La set­ti­ma­na po­li­ti­ca che ha pre­so il via ie­ri non ha di cer­to fat­to chia­rez­za sul fu­tu­ro dell’ese­cu­ti­vo ita­lia­no. An­zi. Ie­ri tra Mat­teo Sal­vi­ni e Lui­gi Di Ma­io so­no vo­la­ti in so­stan­za gli strac­ci: a og­gi è dav­ve­ro im­pos­si­bi­le ipo­tiz­za­re un ac­cor­do che por­ti al­la for­ma­zio­ne di un go­ver­no.

In­som­ma, la pau­sa di ri­fles­sio­ne chie­sta dal pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Ser­gio Mat­ta­rel­la all'in­ter­no del per­cor­so per ar­ri­va­re a una mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re non ha por­ta­to a gran­di ri­sul­ta­ti, al­la vi­gi­lia di nuo­ve con­sul­ta­zio­ni.

Ep­pu­re nel­la mat­ti­na­ta di ie­ri il lea­der del Car­roc­cio ha ten­ta­to in qual­che mo­do di met­ter­si nei pan­ni del “me­dia­to­re”, ma do­po es­ser­si bec­ca­to in pra­ti­ca dal pen­ta­stel­la­to un bel vai al dia­vo­lo, ha ri­spo­sto in una ma­nie­ra ine­qui­vo­ca­bi­le: “Di Ma­io per me con­ta ze­ro”.

Ma an­dia­mo con or­di­ne, quan­do Sal­vi­ni, dal Friu­li per la cam­pa­gna elet­to­ra­le di Mas­si­mi­lia­no Fe­dri­ga per le re­gio­na­li del 29 apri­le, ha cer­ca­to di man­da­re un mes­sag­gio al Mo­Vi­men­to: "E' ov­vio che per dia­lo­ga­re con uno, que­sto de­ve aver vo­glia di ascol­ta­re e ri­spon­de­re. Se que­sto mi di­ce il pre­si­den­te del Con­si­glio lo fac­cio io, la squa­dra è mia, il pro­gram­ma è mio, co­man­do io, quel­lo là non mi pia­ce, par­lo con chi ho vo­gli', ca­pi­te che non è esat­ta­men­te il mo­do mi­glio­re per dia­lo­ga­re".

"Per go­ver­na­re una fa­mi­glia, un'azien­da, oc­cor­ro­no umil­tà, buon­sen­so, vo­glia di ascol­ta­re e spi­ri­to di sa­cri­fi­cio. A no­me del­la coa­li­zio­ne che ha pre­so più vo­ti al­le ele­zio­ni io so­no pron­to a dia­lo­ga­re con tut­ti. Ma se mi ren­des­si con­to che dall'al­tra par­te c'è gen­te che non vuo­le dia­lo­ga­re e ha vo­glia so­lo di di­re no, no e no per man­te­ne­re la pol­tro­na, piut­to­sto che ti­ra­re a cam­pa­re sen­za com­bi­na­re nien­te - ha ri­mar­ca­to il se­gre­ta­rio le­ghi­sta - tor­nia­mo da­gli ita­lia­ni e chie­dia­mo un man­da­to per go­ver­na­re da so­li sen­za star lì a per­de­re tem­po.

Io pos­so so­lo di­re che gli ul­ti­mi governi Mon­ti, Let­ta, Ren­zi e Gen­ti­lo­ni so­no sta­ti governi che non han­no rap­pre­sen­ta­to il voto dei cit­ta­di­ni ita­lia­ni e io vo­glio in­ve­ce che il voto de­gli ita­lia­ni del 4 mar­zo sia sa­cro e que­sto voto ha det­to che la coa­li­zio­ne che ha pre­so più vo­ti è il cen­tro­de­stra e la Le­ga è sta­ta quel­la più pre­mia­ta".

Il nu­me­ro uno di via Bel­le­rio, ie­ri, co­mun­que si è mo­stra­to ab­ba­stan­za fi­du­cio­so: “Ci so­no co­mun­que il 51% di pos­si­bi­li­tà di fa­re go­ver­no tra cen­tro­de­stra e Cin­que­stel­le".

Mol­to me­no fi­du­cio­so, in­ve­ce, Di Ma­io, che tra­mi­te so­cial gli ha chie­sto, in pra­ti­ca di de­ci­de­re da che par­te sta­re: "C'è lo 0% di pos­si­bi­li­tà che il Mo­vi­men­to 5 Stel­le va­da al go­ver­no con Ber­lu­sco­ni e con l'am­muc­chia­ta di cen­tro­de­stra", il pen­sie­ro del pen­ta­stel­la­to che su que­sto ar­go­men­to, quin­di, non ne vuo­le pro­prio sa­pe­re. Pa­ro­le, que­ste, che pe­rò han­no fat­to ar­rab­bia­re non po­co Sal­vi­ni: "Di Ma­io, in que­sto mo­men­to, mi in­te­res­sa me­no di ze­ro".

E tra tan­ti nu­me­ri, a man­ca­re so­no pro­prio quel­li che con­sen­ti­reb­be­ro di dar vi­ta a un nuo­vo ese­cu­ti­vo. Tan­to che all'ipo­te­si di un pre­mier ter­zo ri­spet­to a Sal­vi­ni o Di Ma­io, il nu­me­ro uno del­la Le­ga ha ri­bat­tu­to: "Ter­zo, quar­to, quin­to o do­di­ce­si­mo. Ma chi lo vo­ta? I vo­ti in Par­la­men­to da do­ve ar­ri­va­no? Dal cen­tro­de­stra e dal Cin­que Stel­le, im­ma­gi­no. Sem­pre che il M5s vo­glia ra­gio­na­re se­ria­men­te. Se la ri­spo­sta è no, i nu­me­ri so­no nu­me­ri e si ri­tor­na al voto".

Ma la ma­te­ma­ti­ca ap­pli­ca­ta al­la po­li­ti­ca non sem­pre por­ta al ri­sul­ta­to che ci si at­ten­de e l'ipo­te­si di un ri­tor­no al­le ur­ne in tem­pi bre­vi ri­sul­ta es­se­re la me­no gra­di­ta al Col­le.

A com­ple­ta­re un qua­dro già com­pli­ca­to c’è poi il con­fron­to in­ter­no al cen­tro­de­stra: il "caf­fé di Ar­co­re" tra Gior­gia Ma­lo­ni, Ber­lu­sco­ni e lo stes­so Sal­vi­ni, an­zi­ché fa­re chia­rez­za sul­la stra­te­gia del­la coa­li­zio­ne, ha pro­dot­to nuo­ve fri­zio­ni. La Le­ga pun­ta an­co­ra al dia­lo­go con i 5Stel­le, men­tre For­za Ita­lia e FdI vo­glio­no evi­ta­re la stra­da pen­ta­stel­la­ta. Per Ber­lu­sco­ni non è mai tra­mon­ta­ta l'ipo­te­si di dia­lo­ga­re con il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co. Gli az­zur­ri non han­no in men­te un'al­lean­za or­ga­ni­ca: si può pen­sa­re a un go­ver­no di mi­no­ran­za, che po­treb­be ave­re il via li­be­ra in Par­la­men­to gra­zie a una non op­po­si­zio­ne dei dem. L'even­tua­li­tà, pe­rò, è boc­cia­ta con fer­mez­za dal lea­der le­ghi­sta. "Da so­li non ce la fac­cia­mo ha com­men­ta­to Sal­vi­ni - o dia­lo­go con il M5S o con il Pd e la si­ni­stra, e io con il Pd di Ren­zi, Ser­rac­chia­ni e Bo­schi non vo­glio ave­re nien­te a che fa­re: dia­lo­go con chi ri­ma­ne. Non mi met­to a cer­ca­re vo­ti co­me si cer­ca­no i fun­ghi", le pa­ro­le uti­liz­za­te da Sal­vi­ni".

Da For­za Ita­lia, in­fi­ne è sta­to An­to­nio Ta­ja­ni a cri­ti­ca­re il Mo­vi­men­to: "Non esi­ste es­se­re con­si­de­ra­ti co­me del­le per­so­ne da na­scon­de­re. Non sia­mo im­pre­sen­ta­bi­li ma elet­ti dal po­po­lo, e ri­cor­do che al Se­na­to il grup­po più con­si­sten­te di cen­tro­de­stra è quel­lo di For­za Ita­lia".

"Un go­ver­no Cen­tro­de­stra-M5S? Se il M5S fa mar­cia in­die­tro e si scu­sa per quan­to det­to nei no­stri con­fron­ti, ve­dre­mo – ha pro­se­gui­to il pre­si­den­te del Par­la­men­to Ue - Non si trat­ta di ran­co­re, non dob­bia­mo fa­re le va­can­ze in­sie­me ma dob­bia­mo da­re ri­spo­ste ai cit­ta­di­ni, il re­sto so­no chiac­chie­re e for­mu­let­te. Quan­to a Sal­vi­ni – ha ter­mi­na­to - non pen­so si sfi­li dal­la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.