Un Pd mol­to di­vi­so ver­so l'As­sem­blea

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

L’obiet­ti­vo dei ren­zia­ni, in vi­sta dell’As­sem­blea del 21 apri­le, è chia­ro: far con­vo­ca­re il con­gres­so del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co nel pros­si­mo au­tun­no, al mas­si­mo en­tro feb­bra­io del 2019.

Se co­sì sa­rà de­ci­so, il pre­si­den­te re­ste­rà Mat­teo Or­fi­ni da sta­tu­to. In ca­so con­tra­rio, l’idea è quel­la di sce­glie­re un se­gre­ta­rio pron­to a im­pe­gnar­si per con­vo­ca­re le pri­ma­rie pri­ma del­le Eu­ro­pee. Il se­gre­ta­rio reg­gen­te Mau­ri­zio Mar­ti­na ti­fa in­ve­ce per la so­lu­zio­ne in­ter­na all'as­sem­blea: un se­gre­ta­rio (lui stes­so re­sta can­di­da­to) nel pie­no dei pro­pri po­te­ri elet­to dal par­la­men­ti­no che si riu­ni­rà ap­pun­to il 21 apri­le.

"Al Pd non ser­ve un pas­sa­car­te o un ca­po so­li­ta­rio. Io cre­do che ab­bia­mo bi­so­gno di pun­ti fer­mi e di ri­co­stru­zio­ne. Pen­so che la scel­ta più op­por­tu­na sia di sce­glie­re un se­gre­ta­rio in as­sem­blea e di ri­par­ti­re. Non pos­sia­mo per­met­ter­ci di­vi­sio­ni. Io cre­do mol­to nel­la ne­ces­si­tà che il par­ti­to de­mo­cra­ti­co tut­to in­sie­me la­vo­ri per ri­co­strui­re il suo pro­get­to", ha det­to Mar­ti­na.

Per lui e l'ala che riu­ni­sce la mi­no­ran­za e i non ren­zia­ni si trat­te­reb­be di una po­liz­za as­si­cu­ra­ti­va an­che sui pros­si­mi pas­sag­gi par­la­men­ta­ri, a co­min­cia­re dal­la fi­du­cia al nuo­vo go­ver­no. Nel­la squa­dra del se­gre­ta­rio su­bi­to, in­fat­ti, si col­lo­ca­no an­che mol­ti di co­lo­ro che au­spi­ca­no un cam­bia­men­to di rot­ta ri­spet­to al­la li­nea dell'op­po­si­zio­ne a ol­tran­za se­gui­ta dal par­ti­to fi­no a que­sto mo­men­to, an­che se non tut­ti so­no con­vin­ti che un se­gre­ta­rio elet­to dall'as­sem­blea deb­ba ar­ri­va­re a sca­den­za na­tu­ra­le, cioé al 2021.

Da­rio Fran­ce­schi­ni mar­te­dì è sta­to chia­ro: non si può ri­ma­ne­re a guar­da­re pas­si­va­men­te, oc­cor­re che il Pd agi­sca. Il mi­ni­stro del­la Cul­tu­ra non ha chie­sto di an­da­re al go­ver­no con i Cin­que Stel­le, ma di scon­giu­ra­re l'ipo­te­si di un ese­cu­ti­vo che ve­da in­sie­me Di Ma­io e Sal­vi­ni. Una ipo­te­si che av­vi­ci­ne­reb­be l'Ita­lia all'Un­ghe­ria di Or­ban più che al­la Fran­cia di Ma­cron, ha det­to. Al­la pro­po­sta di Fran­ce­schi­ni, tut­ta­via, il fron­te ren­zia­no ha op­po­sto un mu­ro di ri­ser­ve. A co­min­cia­re da Gra­zia­no Del­rio, ca­po­grup­po al­la Ca­me­ra con­si­de­ra­to un mo­de­ra­to fra le trup­pe dell'ex pre­si­den­te del Con­si­glio. Per Del­rio l'of­fer­ta fat­ta per­ve­ni­re da par­te di Luigi Di Ma­io non è una ini­zia­ti­va po­li­ti­ca, ma "tra­sfor­mi­sti­ca" e, tra M5s e Pd, "la di­stan­za è tal­men­te pro­fon­da che non ba­sta un ap­pel­lo al­la buo­na vo­lon­tà". Non una spac­ca­tu­ra, ha te­nu­to a pre­ci­sa­re Fran­ce­schi­ni, ma l'ini­zio di quel con­fron­to in­ter­no che per trop­po tem­po è man­ca­to. Ep­pu­re il fron­te dei dia­lo­gan­ti nel Pd in­ten­de an­da­re avan­ti e pro­va­re a scio­glie­re le re­si­sten­ze del re­sto del par­ti­to. Lo stru­men­to da uti­liz­za­re è la le­va'del vo­to an­ti­ci­pa­to, pro­spet­ti­va avan­za­ta da An­drea Or­lan­do e che po­treb­be con­vin­ce­re mol­ti neo par­la­men­ta­ri a ri­ve­de­re le pro­prie po­si­zio­ni in me­ri­to al­la li­nea da se­gui­re. Un ten­ta­ti­vo che pas­sa, an­co­ra una vol­ta, per l'as­sem­blea del 21. La so­lu­zio­ne ren­zia­na, vie­ne spie­ga­to da fon­ti par­la­men­ta­ri, pre­ve­de due stra­de: o Mar­ti­na si fa rie­leg­ge­re met­ten­do in chia­ro che si trat­ta di un in­ca­ri­co a tem­po, con sca­den­za in au­tun­no; op­pu­re si con­vo­ca di­ret­ta­men­te il con­gres­so, non si eleg­ge il se­gre­ta­rio in as­sem­blea e Mat­teo Or­fi­ni, da pre­si­den­te Pd, as­su­me i po­te­ri del reg­gen­te fi­no al­le pri­ma­rie e all'ele­zio­ne del nuo­vo se­gre­ta­rio. Una stra­te­gia che con­sen­ti­reb­be ai ren­zia­ni di pren­de­re il tem­po ne­ces­sa­rio per in­di­vi­dua­re un can­di­da­to, che al mo­men­to man­ca. I no­mi in cam­po so­no quel­li di De­bo­ra Ser­rac­chia­ni e Mat­teo Ri­chet­ti, men­tre Gra­zia­no Del­rio ha fat­to sa­pe­re di non es­se­re di­spo­ni­bi­le. Ie­ri in­tan­to il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co è sta­to scos­so an­che da un ap­pel­lo sot­to­scrit­to da 450 don­ne, im­pe­gna­te a di­ver­si li­vel­li nel Pd, na­to per de­nun­cia­re la scar­sa rap­pre­sen­tan­za fem­mi­ni­le nei grup­pi usci­ti dal vo­to del 4 mar­zo e tor­na­re ad es­se­re "pro­ta­go­ni­ste del­la ne­ces­sa­ria fa­se co­sti­tuen­te del Par­ti­to De­mo­cra­ti­co a co­min­cia­re dall'ef­fet­ti­va rap­pre­sen­tan­za pa­ri­ta­ria a ogni li­vel­lo, ispi­ra­ta a me­ri­to, com­pe­ten­ze e rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà po­li­ti­ca ter­ri­to­ria­le, piut­to­sto che a lo­gi­che di fe­del­tà po­li­ti­ca". L'ap­pel­lo è sta­to promosso da Fran­ce­sca Pu­gli­si, già pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne con­tro il Fem­mi­ni­ci­dio al Se­na­to. "Per la pri­ma vol­ta il Par­ti­to De­mo­cra­ti­co è so­vra­sta­to nel­la rap­pre­sen­tan­za fem­mi­ni­le par­la­men­ta­re dal Mo­vi­men­to 5 Stel­le e dal­la De­stra e men­tre chi ha vin­to le ele­zio­ni affida la lea­der­ship dei grup­pi par­la­men­ta­ri e le ca­ri­che isti­tu­zio­na­li al­le elet­te, nel Pd un grup­po di­ri­gen­te sem­pre più chiu­so e mu­to si trin­ce­ra in de­le­ga­zio­ni e trat­ta­ti­ve di so­li uo­mi­ni", si è let­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.