Non ci sa­rá un ter­zo gi­ro di con­sul­ta­zio­ni

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Quan­do og­gi i lea­der dei par­ti­ti en­tre­ran­no al Qui­ri­na­le per il se­con­do gi­ro di con­sul­ta­zio­ni, sa­pran­no che le por­te del pa­laz­zo non si apri­ran­no per lo­ro una ter­za vol­ta, se non di­ran­no al Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca pa­ro­le nuove ri­spet­to a quel­le dette la scor­sa set­ti­ma­na.

Stan­do a quan­to ri­fe­ri­to da chi fre­quen­ta as­si­dua­men­te il Colle, in­fat­ti, il ca­po del­lo Sta­to non fa­rà un ter­zo gi­ro di con­sul­ta­zio­ni per sen­tir­si snoc­cio­la­re di nuo­vo la se­rie di ve­ti e con­tro­ve­ti già am­pia­men­te spie­ga­ti in que­sti gior­ni dai par­ti­ti.

E al­tret­tan­to im­pro­ba­bi­le pa­re l'idea di un pre­in­ca­ri­co al ter­mi­ne di un se­con­do gi­ro di col­lo­qui an­da­to a vuoto.

C'è pe­rò da re­gi­stra­re che a due gior­ni dall'av­vio del se­con­do gi­ro di con­sul­ta­zio­ni già tut­ti pen­sa­no a co­sa suc­ce­de­reb­be in ca­so di un nuo­vo nul­la di fat­to e lo sce­na­rio di un go­ver­no del pre­si­den­te è pre­so se­ria­men­te in con­si­de­ra­zio­ne dai par­ti­ti.

Non al­tret­tan­to dal di­ret­to in­te­res­sa­to, e cioè il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca.

Che pri­ma di ar­ri­va­re a un esi­to co­sì estre­mo, vuo­le ve­ri­fi­ca­re tut­ti i pas­sag­gi in­ter­me­di, nel­la spe­ran­za che le for­ze po­li­ti­che ri­spon­da­no po­si­ti­va­men­te all'ap­pel­lo al­la re­spon­sa­bi­li­tà lan­cia­to al ter­mi­ne del pri­mo gi­ro di con­sul­ta­zio­ni. In­nan­zi­tut­to, dun­que, Ser­gio Mat­ta­rel­la vuo­le che i lea­der sal­ga­no di nuo­vo al Colle per spie­gar­gli se dav­ve­ro non han­no fat­to pas­si avan­ti sul­la stra­da del dia­lo­go e per­chè.

No­no­stan­te le di­chia­ra­zio­ni ro­boan­ti, in­fat­ti, ti­mi­di se­gna­li di en­ten­te cor­dia­le tra Le­ga e M5s ci so­no, a co­min­cia­re dal ter­re­no par­la­men­ta­re. Se in­ve­ce non si do­ves­se re­gi­stra­re nes­sun cam­bia­men­to nel cli­ma di ve­ti re­ci­pro­ci che ha ani­ma­to que­ste set­ti­ma­ne, il Pre­si­den­te più pro­ba­bil­men­te fa­reb­be un nuo­vo e più espli­ci­to ap­pel­lo ai par­ti­ti.

Cer­to, il Ca­po del­lo Sta­to sa che Le­ga e M5s at­ten­do­no le ele­zio­ni re­gio­na­li di Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia e Mo­li­se, ma fa­rà ca­pi­re che il go­ver­no del Pae­se non può at­ten­de­re ogni con­sul­ta­zio­ne am­mi­ni­stra­ti­va.

Di cer­to sa­reb­be as­sai dif­fi­ci­le che il pre­si­den­te con­vo­cas­se un ter­zo gi­ro di con­sul­ta­zio­ni. La co­sa più pro­ba­bi­le sa­reb­be, do­po un ap­pel­lo al­la re­spon­sa­bi­li­tà, l'in­di­ca­zio­ne ai par­ti­ti di ri­far­si vi­vi so­lo in ca­so di no­vi­tà.

Sen­za le qua­li, do­po po­chi gior­ni, po­treb­be as­su­me­re lui stes­so una ini­zia­ti­va. Ini­zia­ti­va che pe­rò non è an­co­ra sta­ta de­li­nea­ta per­chè di­pen­de­reb­be dal­la si­tua­zio­ne che si ver­reb­be a tro­va­re da­van­ti.

C'è chi si at­ten­de un pre­in­ca­ri­co, al­tri ipo­tiz­za­no un in­ca­ri­co a un no­me isti­tu­zio­na­le per un go­ver­no che va­da al­le Ca­me­re e cer­chi in au­la i vo­ti. Mat­ta­rel­la non cor­re co­sì tan­to, di cer­to non man­de­rà un pre­mier al­lo sba­ra­glio co­me pri­mo ten­ta­ti­vo, sem­mai cer­che­rà di ca­pi­re se esi­ste la pos­si­bi­li­tà che Mat­teo Sal­vi­ni o Luigi Di Ma­io ac­cet­ti­no un pre­in­ca­ri­co, ma l'im­pres­sio­ne è che op­por­reb­be­ro un ri­fiu­to vi­sto che te­mo­no di es­se­re bru­cia­ti.

Si fa stra­da quin­di, se lo stal­lo pro­se­guis­se an­co­ra a lun­go, l'idea di un pre­in­ca­ri­co a una fi­gu­ra isti­tu­zio­na­le, che son­di il ter­re­no, dia tem­po ai par­ti­ti di pro­se­gui­re il con­fron­to e poi ri­fe­ri­sca al Colle. Di cer­to, pri­ma dell'esta­te, in par­ti­co­la­re pri­ma del ver­ti­ce eu­ro­peo di fi­ne giu­gno, ci sa­rà un ten­ta­ti­vo con­cre­to di da­re un go­ver­no al Pae­se. Sa­pen­do pe­rò che il ri­schio è che ta­le ten­ta­ti­vo non va­da a buon fi­ne, ipo­te­si che vie­ne con­si­de­ra­ta il 'wor­st ca­se' in as­so­lu­to.

Ma tut­te que­ste ipo­te­si so­no as­sai fu­tu­ri­bi­li. Il pri­mo pas­sag­gio da ce­le­bra­re, fi­no in fon­do, per Mat­ta­rel­la è il se­con­do gi­ro di con­sul­ta­zio­ni. So­lo dal­la pros­si­ma set­ti­ma­na si va­lu­te­ran­no le con­se­guen­ze di un even­tua­le nuo­vo gi­ro a vuoto dei lea­der al Qui­ri­na­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.