Sal­vi­ni e Di Ma­io, ec­co il riav­vi­ci­na­men­to: “Ren­dia­mo su­bi­to ope­ra­ti­vo il Par­la­men­to”

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI STE­FA­NO GHIONNI

Te­le­fo­na­ta e no­ta con­giun­ta dei lea­der di Le­ga e M5S: si an­nun­cia l'ac­cor­do sul le­ghi­sta Mol­te­ni al­la pre­si­den­za del­la Com­mis­sio­ne spe­cia­le di Mon­te­ci­to­rio. Mar­ti­na: “Si spar­ti­sco­no le ca­ri­che”. Og­gi se­con­da tor­na­ta di con­sul­ta­zio­ni al Qui­ri­na­le. Di Bat­ti­sta, che at­tac­co a Ber­lu­sco­ni

La no­ti­zia di ie­ri è che Mat­teo Sal­vi­ni e Luigi Di Ma­io si so­no riav­vi­ci­na­ti.

Un pic­co­lo pas­so in avan­ti è sta­to di cer­to fat­to con­si­de­ran­do an­che il fat­to che il se­gre­ta­rio reg­gen­te del Pd Mau­ri­zio Mar­ti­na non ha pre­so il tut­to con gran­de en­tu­sia­smo. Ma an­dia­mo con or­di­ne.

Il lea­der del­la Le­ga e quel­lo del Mo­Vi­men­to 5 Stel­le in una no­ta con­giun­ta han­no spie­ga­to che "si so­no sen­ti­ti og­gi (ie­ri, ndr) al te­le­fo­no e con spi­ri­to di col­la­bo­ra­zio­ne per ren­de­re ope­ra­ti­vo il Par­la­men­to al più pre­sto e han­no con­cor­da­to di vo­ta­re do­ma­ni (og­gi, ndr) il de­pu­ta­to del­la Le­ga Ni­co­la Mol­te­ni” .

In pra­ti­ca, una de­ci­sio­ne che ha cer­ti­fi­ca­to e rin­sal­da­ti quell'as­se tra 5 stel­le e Car­roc­cio che sem­bra­va in al­to ma­re e che in­ve­ce è tor­na­ta in pri­mo pia­no, non a ca­so al­la vi­gi­lia del se­con­do round di con­sul­ta­zio­ni al Qui­ri­na­le che ini­zia­no og­gi per con­clu­der­si do­ma­ni. Il no­me di Mol­te­ni è ar­ri­va­to a sor­pre­sa dal mo­men­to che fi­no a po­che ore pri­ma il fa­vo­ri­to sem­bra­va es­se­re Gian­car­lo Gior­get­ti, co­lui al qua­le Sal­vi­ni ha af­fi­da­to la trat­ta­ti­va per la de­li­ca­ta par­ti­ta con i 5 stel­le e che co­sì di fat­to re­ste­reb­be li­be­ro per even­tua­li in­ca­ri­chi go­ver­na­ti­vi qua­lo­ra l'im­pas­se con­ti­nuas­se.

Mol­te­ni rap­pre­sen­ta co­mun­que una no­vi­tà po­li­ti­ca si­gni­fi­ca­ti­va e, se­con­do quan­to vie­ne sot­to­li­nea­to in am­bien­ti par­la­men­ta­ri, dar­gli quell'in­ca­ri­co non sa­reb­be ca­sua­le: di Mol­te­ni era la pro­po­sta di leg­ge sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa e sua la bat­ta­glia con­tro lo scon­to di pe­na per i rea­ti più gra­vi.

Ma que­ste mi­su­re fu­ro­no af­fos­sa­te da For­za Ita­lia. Un mo­do per far va­cil­la­re an­co­ra di più l'al­lean­za di cen­tro­de­stra? Per­ché la sen­sa­zio­ne che si ha è quel­la che ol­tre ai pen­ta­stel­la­ti ci sia l’in­ten­zio­ne an­che da par­te di al­cu­ni rap­pre­sen­tan­ti di via Bel­le­rio di por­ta­re il nu­me­ro di For­za Ita­lia a fa­re un pas­so in­die­tro per apri­re a un go­ver­no tra Le­ga e il mon­do gril­li­no. Cer­to, la par­ti­ta a scacchi con­ti­nua ed en­tra for­se nel­la sua fa­se più com­pli­ca­ta: Di Ma­io non vuo­le ese­cu­ti­vi tec­ni­ci e vuo­le for­ma­re un go­ver­no a ogni co­sto. An­che se FI re­stas­se den­tro? Nel­le ul­ti­me ore an­che que­sta ipo­te­si non sa­reb­be del tut­to esclu­sa. Di cer­to, fan­no sa­pe­re da M5s, Di Ma­io non vuo­le ri­schia­re di re­sta­re fuo­ri dai gio­chi. Ma tor­nia­mo al­la no­ta con­giun­ta che ha in­fa­sti­di­to Mar­ti­na che ha co­sì bol­la­to il tut­to: "La re­to­ri­ca del M5S è dia­lo­ghia­mo. La pra­ti­ca è sta­ta un'al­tra: la si­ste­ma­ti­ca co­stru­zio­ne di in­te­se con il cen­tro­de­stra per oc­cu­pa­re tut­ti gli spa­zi ope­ra­ti­vi del­le isti­tu­zio­ni. An­che in que­ste ore una te­le­fo­na­ta tra di Ma­io e Sal­vi­ni blin­da an­che la pre­si­den­za del­la com­mis­sio­ne Spe­cia­le del­la Ca­me­ra. Noi non ci sia­mo ti­ra­ti fuo­ri, ab­bia­mo par­te­ci­pa­to a più ri­pre­se a que­sti con­fron­ti, dal­le pre­si­den­ze di Ca­me­re e Se­na­to al­le com­mis­sio­ni Spe­cia­li di Ca­me­ra e Se­na­to. Ci sia­mo sem­pre se­du­ti a di­scu­te­re con M5s e Le­ga per tro­va­re uno spa­zio, non è mai ac­ca­du­to. La ve­ri­tà è che c’è una re­to­ri­ca, una pro­pa­gan­da, e poi ci so­no del­le scel­te po­li­ti­che". Da se­gna­la­re in­fi­ne un du­ris­si­mo at­tac­co dell’ex de­pu­ta­to gril­li­no Ales­san­dro Di Bat­ti­sta che tra­mi­te Fa­ce­book ha mes­so nel mi­ri­no l’ex pre­mier ed ex pre­si­den­te del Mi­lan, de­fi­nen­do­lo "il ma­le as­so­lu­to del no­stro Pae­se". "Non tol­le­ro – ha sot­to­li­nea­to - che una Re­pub­bli­ca fon­da­ta sul la­vo­ro sia sta­ta tra­sfor­ma­ta in una Re­pub­bli­ca fon­da­ta sul ri­cat­to po­li­ti­co. Co­me può un uo­mo co­me Ber­lu­sco­ni det­ta­re an­co­ra leg­ge? Che ar­mi ha in ma­no per far tut­to ciò ol­tre al­le te­le­vi­sio­ni? Co­me può Sal­vi­ni par­la­re di le­ga­li­tà e an­da­re a brac­cet­to con un uo­mo dal­la na­tu­ra­le ca­pa­ci­tà a de­lin­que­re (pa­ro­le del Tri­bu­na­le di Milano) co­me Ber­lu­sco­ni? Di co­sa han­no pau­ra cer­ti le­ghi­sti? Di qual­che dos­sier in ma­no al Tin­to bass di Ar­co­re o del­la fi­ne di qual­che pos­si­bi­le fi­nan­zia­men­to?". "La si­tua­zio­ne è com­ples­sa, sa­pe­va­mo che que­sta leg­ge elet­to­ra­le era pes­si­ma, or­ga­niz­zam­mo ma­ni­fe­sta­zio­ni di piaz­za con­tro l'en­ne­si­ma leg­ge elet­to­ra­le scrit­ta per no­mi­na­re i par­la­men­ta­ri (e non per far­li eleg­ge­re) per poi con­trol­lar­li e quin­di ri­cat­tar­li po­li­ti­ca­men­te", ha det­to il pen­ta­stel­la­to. "Io – ha scrit­to Di Bat­ti­sta - con­si­de­ro da 25 an­ni Ber­lu­sco­ni e an­cor di più il ber­lu­sco­ni­smo con tut­te le sue ma­ni­fe­sta­zio­ni suc­ces­si­ve (il ren­zi­smo ne è una del­le tan­te) il ma­le as­so­lu­to del no­stro Pae­se. Per­ché fi­no a che lui, da una vil­la in Sar­de­gna o da un pa­laz­zo ro­ma­no, po­trà por­re ve­ti o ri­cat­ta­re al­tre for­za po­li­ti­che quel­le leg­gi che cree­reb­be­ro giu­sti­zia so­cia­le, la­vo­ro e le­ga­li­tà non ve­dran­no mai lu­ce. Io non tol­le­ro tut­to que­sto e cre­do che og­gi la con­di­zio­ne ne­ces­sa­ria per ti­ra­re su il no­stro Pae­se sia far fuo­ri, de­fi­ni­ti­va­men­te, il ber­lu­sco­ni­smo". "Lo de­ve far fuo­ri la Le­ga che an­co­ra ne è per­mea­ta, lo de­ve far fuo­ri il PD che si è la­scia­to con­ta­mi­na­re ir­re­spon­sa­bil­men­te. Lo dob­bia­mo far fuo­ri un po' tut­ti noi quan­do pen­sia­mo che es­ser fur­bi sia me­glio che es­ser bra­vi", ha con­clu­so l'espo­nen­te M5S.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.