Mar­ti­na:"Non re­stia­mo in­dif­fe­ren­ti, ma il M5s é mol­to lon­ta­no da noi .... "

MEN­TRE MI­CHE­LE EMI­LIA­NO GLI CHIE­DE DI FA­RE UN PAS­SO VER­SO DI MA­IO

La Gente d'Italia - - POLITICA -

“La lo­gi­ca pro­po­sta dal lea­der del Mo­vi­men­to cin­que stel­le Luigi Di Ma­io è ir­ri­ce­vi­bi­le. Par­ti­to de­mo­cra­ti­co e Le­ga non so­no in­ter­scam­bia­bi­li". Pa­ro­le chia­re quel­le del se­gre­ta­rio reg­gen­te del Pd Mau­ri­zio Mar­ti­na nel cor­so dell’as­sem­blea dem che si è te­nu­tai al Na­za­re­no. "De­nun­cia­re que­sto pe­rò - ha pro­se­gui­to- non si­gni­fi­ca sta­re al­la fi­ne­stra. Ma, do­po il giu­di­zio se­ve­ro del vo­to del 4 mar­zo non sia­mo nel­le con­di­zio­ni di po­ter avan­za­re noi una pro­po­sta in ra­gio­ne dell'esi­to elet­to­ra­le. Ci ri­te­nia­mo re­spon­sa­bi­li ver­so l'Ita­lia an­che da po­si­zio­ni di mi­no­ran­za. Non ri­nun­cia­mo all'am­bi­zio­ne di di­re la no­stra sui gran­di te­mi". In­som­ma, tie­ne la li­nea ren­zia­na: il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co non am­bi­sce ad al­tro ruo­lo che non sia l’op­po­si­zio­ne. "Ab­bia­mo ri­chia­ma­to tut­ti a 4 gran­di que­stio­ni prio­ri­ta­rie per il Pae­se: la que­stio­ne so­cia­le, in par­ti­co­la­re oc­cu­pa­zio­ne e la­vo­ro, per i ce­ti più de­bo­li. Il raf­for­za­men­to del red­di­to di in­clu­sio­ne con­tro la po­ver­tà. Co­strui­re­mo da su­bi­to una ini­zia­ti­va con­cre­ta per raf­for­za­re que­sti stru­men­ti", ha pro­se­gui­to Mar­ti­na. E poi "ri­sa­na­men­to dei con­ti pub­bli­ci e fi­nan­za pub­bli­ca. Non pos­sia­mo tor­na­re in­die­tro ri­spet­to agli sfor­zi fat­ti in que­sti an­ni". Quin­di l'im­mi­gra­zio­ne: "Que­stio­ne com­ples­sa sul qua­le ab­bia­mo ot­te­nu­to ri­sul­ta­ti, un la­vo­ro che va pro­se­gui­to". In­fi­ne l'Eu­ro­pa : "Co­me l'Ita­lia af­fron­ta l'agen­da eu­ro­pea, il nuo­vo cor­so pos­si­bi­le che si è aper­to in Eu­ro­pa do­po quel­lo che è suc­ces­so in Fran­cia e in Ger­ma­nia".

Ma se Mar­ti­na ha chiu­so a ogni even­tua­le ac­cor­do con Mo­Vi­men­to 5 Stel­le o Le­ga, d’in­ver­so il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Pu­glia e nu­me­ro uno di Fron­te de­mo­cra­ti­co Mi­che­le Emi­lia­no ha con­ti­nua­to a chie­de­re un pas­so del se­gre­ta­rio reg­gen­te ver­so Luigi Di Ma­io: "Po­treb­be es­se­re che il Pd de­ci­da di man­da­re il Pae­se in stal­lo, tor­na­re al vo­to, e li­qui­da­re se stes­so e tra­sfor­mar­si in un'al­tra co­sa, fa­cen­do fuo­ri tut­to quel po­co che ri­ma­ne di vi­va­ci­tà po­li­ti­ca den­tro il par­ti­to. An­che que­sto è un di­se­gno fol­le dal mio pun­to di vi­sta e va as­so­lu­ta­men­te fer­ma­to. Ades­so bi­so­gna che Mar­ti­na in­con­tri Di Ma­io, sta­bi­li­sca­no i pun­ti di go­ver­no e fac­cia­no il go­ver­no. È mol­to sem­pli­ce. Lo de­vo­no fa­re, non c’è nes­su­na al­ter­na­ti­va". "Ov­via­men­te - ha ag­giun­to Emi­lia­no Mar­ti­na de­ve sa­pe­re che ci so­no mol­tis­si­mi mi­li­tan­ti del Pd che va­lu­te­ran­no il fu­tu­ro sul­la ba­se di que­sta ca­pa­ci­tà che il Pd avrà o non avrà co­strui­re il nuo­vo go­ver­no. E quin­di ognu­no si re­go­le­rà".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.