Og­gi è il World Kiss Day

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

“Se

per ba­ciar­ti do­ves­si poi an­da­re all’in­fer­no, lo fa­rei. Co­sì po­trò poi van­tar­mi con i dia­vo­li di aver vi­sto il pa­ra­di­so sen­za mai en­trar­ci."

WIL­LIAM SHA­KE­SPEA­RE

Og­gi 13 apri­le si ce­le­bra il World Kiss Day, ov­ve­ro la Giornata mon­dia­le dei ba­cio. Una ri­cor­ren­za che tra­su­da po­ten­zia­le re­to­ri­ca da qual­sia­si punto di vi­sta la si guar­di, e che ogni an­no pro­du­ce de­ci­ne di ar­ti­co­li do­ve è pos­si­bi­le leg­ge­re luo­ghi co­mu­ni co­me “Gli ita­lia­ni so­no tra i più as­si­dui ba­cia­to­ri al mon­do”.

In­som­ma, sui so­cial net­work sa­rà una giornata dif­fi­ci­le, non du­bi­ta­te­ne.

Ma poi che cos'è un ba­cio? Un giu­ra­men­to fat­to po­co più da pres­so, un più pre­ci­so pat­to, una con­fes­sio­ne che si­gil­lar si vuo­le, un apo­stro­fo ro­sa mes­so tra le pa­ro­le "T'amo"; un se­gre­to det­to sul­la boc­ca, un istan­te d'in­fi­ni­to che ha il fru­scio d'un'ape tra le pian­te, una co­mu­nio­ne che ha gu­sto di fio­re, un mez­zo di po­ter­si re­spi­ra­re un po' il cuo­re e as­sa­po­rar­si l'ani­ma a fior di lab­bra. » Pas­sio­na­le, tor­ri­do, ro­man­ti­co, dol­ce. Op­pu­re fin­to, ipo­cri­ta. Ad­di­rit­tu­ra tra­di­to­re. Die­tro un ba­cio non c’è so­lo il la­vo­ro di 35 mu­sco­li fac­cia­li, ma an­che mol­ta sto­ria del­la let­te­ra­tu­ra e del ci­ne­ma. Non si po­te­va, dun­que, che ce­le­bra­re que­sto straor­di­na­rio scam­bio di sen­ti­men­ti, mi­cro­bi e fe­ror­mo­ni tra es­se­ri uma­ni, de­di­can­do­gli il world kiss day. Ba­cia­re fa be­ne, ri­du­ce l’an­sia e mi­glio­ra il son­no. Pa­ro­la di scien­zia­ti. Nel­la sa­li­va, in­fat­ti, ci so­no cir­ca 60 mi­lio­ni di bat­te­ri, vi­rus e fun­ghi at­ti­va­no e rin­for­za­no il si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio, agi­sco­no po­si­ti­va­men­te sull’umo­re ab­bas­san­do i li­vel­li di cor­ti­so­lo. Det­to co­sì, è dav­ve­ro po­co ro­man­ti­co. Me­glio, al­lo­ra, pen­sa­re ai gran­di ba­ci pas­sa­ti al­la Sto­ria, co­me i ba­sia tra Ca­tul­lo e l’ama­ta Le­sbia.

O ai ba­ci che han­no fat­to gran­de la let­te­ra­tu­ra (quel­lo “in­fer­na­le” tra Pao­lo e Fran­ce­sca di dan­te­sca me­mo­ria) e il ci­ne­ma: quel­lo ap­pas­sio­na­to tra quel­lo Clark Ga­ble e Vi­vien Lei­gh in Via col ven­to (1939) o quel­lo tra Pa­trick Sway­ze e Jen­ni­fer Grey nel film cult Dir­ty Dan­cing – Bal­li proi­bi­ti (1987).

Esi­sto­no di­ver­se opi­nio­ni e teo­rie ri­guar­do al­le pos­si­bi­li fun­zio­ni del ba­cio e ai suoi le­ga­mi con la sfe­ra emo­ti­va e so­cia­le uma­na, an­che in se­gui­to all'os­ser­va­zio­ne di com­por­ta­men­ti si­mi­li di al­tre spe­cie ani­ma­li. At­tual­men­te si ri­tie­ne che il ba­cio ab­bia an­che la fun­zio­ne di cer­ca­re part­ner con si­ste­ma im­mu­ni­ta­rio di­ver­so dal pro­prio, al fi­ne, in ter­mi­ni evo­lu­ti­vi di fa­vo­ri­re il rias­sor­ti­men­to ge­ni­co e au­men­ta­re le pro­ba­bi­li­tà di so­prav­vi­ven­za del­la pro­le. In oc­ca­sio­ne, og­gi, Ve­ner­dì 13 apri­le, delll'In­ter­na­tio­nal Kis­sing Day , Bab­bel ha sti­la­to una lista del­le abi­tu­di­ni nei va­ri pae­si del mon­do da os­ser­va­re du­ran­te un pri­mo ap­pun­ta­men­to.

In Ita­lia, co­sì co­me in Spa­gna, è abi­tu­di­ne sa­lu­ta­re l’al­tra per­so­na con due ba­ci sul­le guan­ce. Lo stes­so va­le per la Fran­cia, do­ve pe­rò il nu­me­ro di ba­ci va­ria a se­con­da del­la re­gio­ne, e in Bra­si­le, in cui que­sta for­ma di sa­lu­to è ge­ne­ral­men­te più ap­prez­za­ta di una stret­ta di ma­no che può es­se­re con­si­de­ra­ta un ge­sto ma­le­du­ca­to. In Ger­ma­nia, Po­lo­nia, Ca­na­da e Sta­ti Uni­ti è abi­tu­di­ne sa­lu­tar­si con un ab­brac­cio, e que­sto è va­li­do an­che per Sve­zia, Nor­ve­gia e Da­ni­mar­ca, ma so­lo nel ca­so in cui si co­no­sca un mi­ni­mo l’al­tra per­so­na, al­tri­men­ti si pre­fe­ri­sce un sa­lu­to ver­ba­le. Al­tra sto­ria in Rus­sia: di so­li­to chi ha chie­sto all’al­tra per­so­na di usci­re do­vreb­be es­se­re il pri­mo a sa­lu­ta­re. Di so­li­to non ci si ba­cia, ma a se­con­da dell’oc­ca­sio­ne l’uo­mo, se lo ri­tie­ne ap­pro­pria­to, può az­zar­da­re un ba­cia­ma­no.

Una vol­ta su­pe­ra­to l’im­ba­raz­zo ini­zia­le si entra nel vi­vo dell’ap­pun­ta­men­to che può con­si­ste­re in un drink in­sie­me o in una ce­na al ri­sto­ran­te per i più au­da­ci. Fan­no ec­ce­zio­ne Sve­zia, Nor­ve­gia e Da­ni­mar­ca, do­ve si pre­fe­ri­sce una scel­ta me­no im­pe­gna­ti­va co­me ad esem­pio un caf­fè.

Il me­to­do mi­glio­re per rom­pe­re il ghiac­cio è si­cu­ra­men­te or­di­na­re qual­co­sa da be­re: in Fran­cia, Spa­gna e Rus­sia di so­li­to si di­vi­de una bot­ti­glia di vi­no men­tre in Po­lo­nia e in Bra­si­le si op­ta per un bic­chie­re a te­sta. Ita­lia, Ger­ma­nia, Ca­na­da e Olan­da sem­bra­no es­se­re più spon­ta­nei, in­fat­ti non ci so­no pre­fe­ren­ze par­ti­co­la­ri e ognu­no sce­glie co­sa or­di­na­re a se­con­da del­la si­tua­zio­ne, men­tre gli Sta­ti Uni­ti so­no una vo­ce fuo­ri dal co­ro, pre­fe­ren­do or­di­na­re una bir­ra a te­sta piut­to­sto che un bic­chie­re di vi­no.

In Au­stra­lia, dal mo­men­to che si ama mol­to pas­sa­re tem­po all’aria aper­ta e fa­re sport i po­sti do­ve an­da­re per un pri­mo ap­pun­ta­men­to so­no mol­to più ori­gi­na­li ri­spet­to a un ri­sto­ran­te o a un bar: non sor­pren­de­te­vi trop­po di ri­ce­ve­re un in­vi­to per un pic nic o per una cor­sa nel par­co!

Mol­to più dif­fi­ci­le è la scel­ta de­gli ar­go­men­ti di con­ver­sa­zio­ne, che pos­so­no es­se­re de­ci­si­vi per la buo­na riu­sci­ta dell’ap­pun­ta­men­to. In tut­ti i pae­si par­la­re di re­la­zio­ni pas­sa­te è as­so­lu­ta­men­te of­fli­mi­ts. An­che di­scu­te­re di sol­di, po­li­ti­ca e re­li­gio­ne non è mol­to ap­prez­za­to, so­prat­tut­to in Ger­ma­nia, Spa­gna, Ita­lia e Po­lo­nia. Que­sti ul­ti­mi, in­sie­me al­la Ger­ma­nia gra­di­sco­no po­co an­che le con­ver­sa­zio­ni che ruo­ta­no at­tor­no a que­stio­ni per­so­na­li, co­me ad esem­pio pro­ble­mi di sa­lu­te o di la­vo­ro.

Più tol­le­ran­ti, in­ve­ce, so­no Rus­sia e Au­stra­lia, che non sem­bra­no di­sde­gna­re al­cun ti­po di ar­go­men­to e che ge­sti­sco­no la con­ver­sa­zio­ne a se­con­da dell’ap­pun­ta­men­to. In Rus­sia la pre­oc­cu­pa­zio­ne prin­ci­pa­le non è le­ga­ta al­le pa­ro­le, ma piut­to­sto ad as­si­cu­rar­si che la per­so­na che ha ri­ce­vu­to l’in­vi­to ar­ri­vi a de­sti­na­zio­ne sen­za pro­ble­mi: è buon uso ac­com­pa­gnar­lo/a fi­no a ca­sa o chia­ma­re un ta­xi.

E al­cu­ne cu­rio­si­tà: se i fran­ce­si di­chia­ra­no di non se­gui­re nes­su­na re­go­la in ter­mi­ni di ba­cio e al­tro, non la pen­sa­no nel­lo stes­so mo­do i Bra­si­lia­ni i qua­li di­chia­ra­no che se un uo­mo non ba­cia una don­na al pri­mo ap­pun­ta­men­to si­cu­ra­men­te la don­na pen­se­rà che non ci sa­rà un al­tro in­con­tro.

Di tutt’al­tro av­vi­so so­no gli spa­gno­li che di­chia­ra­no di pre­fe­ri­re aspet­ta­re al­me­no do­po il pri­mo ap­pun­ta­men­to.

Per i te­de­schi bi­so­gna fa­re at­ten­zio­ne a non aspet­ta­re trop­po per il pri­mo ba­cio: in­fat­ti se non ca­pi­ta en­tro il ter­zo ap­pun­ta­men­to pro­ba­bil­men­te si­gni­fi­ca che non è scoc­ca­ta la scin­til­la.

Gli ita­lia­ni sem­bra­no non espri­mer­si trop­po a ri­guar­do, di­pen­de dall’in­con­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.