SAL­VI­NI:"Mai con il Pd, e se vin­cia­mo le Re­gio­na­li in Mo­li­se e Friu­li il go­ver­no lo fac­cia­mo il 15 mi­nu­ti"

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI STE­FA­NO GHIONNI

Con­ti­nua­no le fri­zio­ni con Di Ma­io: “Lui­gi de­ve ri­spet­ta­re il vo­to de­gli ita­lia­ni”. Il le­ghi­sta boc­cia poi l'aper­tu­ra del mi­ni­stro per lo Svi­lup­po eco­no­mi­co Car­lo Ca­len­da per un ese­cu­ti­vo di tran­si­zio­ne con tut­te le for­ze po­li­ti­che

Ha man­da­to due mes­sag­gi. Il pri­mo in­di­riz­za­to al Pd, il se­con­do al Mo­Vi­men­to 5 Stel­le.

Chia­ri e du­ri, tut­to som­ma­to a fa­vo­re dell’uni­tà del Cen­tro­de­stra.

In­som­ma, ie­ri il gran­de protagonista in ter­mi­ni di di­chia­ra­zio­ni è sta­to Mat­teo Sal­vi­ni, in “tra­sfer­ta” in Mo­li­se per le re­gio­na­li di do­me­ni­ca pros­si­ma.

Pa­ro­le che con­fer­ma­no lo stal­lo po­li­ti­co at­tua­le e che cer­ti­fi­ca­no una gran­de dif­fi­col­tà da par­te di tut­te le for­ze per la crea­zio­ne di un nuo­vo ese­cu­ti­vo.

Ma an­dia­mo con cal­ma e par­tia­mo dal­la “mis­si­va” in­via­ta da Sal­vi­ni al Par­ti­to de­mo­cra­ti­co che ha con­fer­ma­to il suo fer­mo no a una ipo­te­ti­ca col­la­bo­ra­zio­ne con i gran­di scon­fit­ti del 4 mar­zo:

"So­no pron­to ad an­da­re al Go­ver­no an­che do­ma­ni, l'uni­ca co­sa che per coe­ren­za non pos­so fa­re è an­da­re al go­ver­no con il Pd che go­ver­na da sei an­ni. Io vo­glio fa­re l'esat­to con­tra­rio di quel­lo che han­no fat­to. Se vo­glio cam­bia­re la Leg­ge For­ne­ro, le leg­gi sul­la scuo­la, sul­la si­cu­rez­za, non pos­so far­lo con chi le ha ap­pro­va­te". Sal­vi­ni lo sa be­ne che per po­ter go­ver­na­re in que­sto mo­men­to l’uni­ca so­lu­zio­ne è ave­re un’am­pia mag­gio­ran­za con l’unio­ne del Cen­tro­de­stra e i gril­li­ni: "Ma se Di Ma­io e Ber­lu­sco­ni con­ti­nua­no a di­re io sì, tu no non ne uscia­mo”.

In­som­ma, il se­gre­ta­rio del Car­roc­cio è l’uni­co che cer­ca di me­dia­re in at­te­sa che qual­co­sa, o qual­cu­no, si sbloc­chi dal­le pro­prie po­si­zio­ni di chiu­su­ra: "Se tut­ti aves­se­ro la no­stra di­spo­ni­bi­li­tà a co­min­cia­re a la­vo­ra­re, il go­ver­no sa­reb­be già in ca­ri­ca. Pur­trop­po ci so­no da qua­si tut­te le par­ti ve­ti, bi­stic­ci, po­le­mi­che, li­ti­gi, esclu­sio­ni, pre­clu­sio­ni... co­sa che noi non fac­cia­mo". Al ca­po po­li­ti­co 5 Stel­le Di Ma­io - che ave­va bol­la­to il cen­tro­de­stra uni­to co­me "un dan­no per il Pae­se" - Sal­vi­ni ha re­pli­ca­to chie­den­do "ri­spet­to" per il vo­to espres­so da­gli elet­to­ri il 4 mar­zo: "Se in de­mo­cra­zia il vo­to va­le qual­co­sa, io ri­spet­to il vo­to de­gli al­tri, e di­co che non ci so­no elet­to­ri ed elet­ti pe­ri­co­lo­si".

Ma l’af­fon­do più du­ro nei con­fron­ti del mon­do pen­ta­stel­la­to è ar­ri­va­to quan­do ha det­to che “non ven­go a Ter­mo­li (per pro­muo­ve­re la Le­ga per le re­gio­na­li di do­me­ni­ca) a pren­de­re un mi­cro­fo­no per di­re: se vin­cia­mo da lu­ne­dì da­rò mil­le eu­ro al me­se a tut­ti quel­li che se ne stan­no a ca­sa, a guar­da­re la te­le­vi­sio­ne. Le ca .... te le la­scio di­re agli al­tri. Non ho fu­mo da ven­de­re".

Il fu fi­gliol pro­di­go di Bos­si, in­som­ma, ha con­ti­nua­to a man­da­re mes­sag­gi ai suoi mag­gio­ri in­ter­lo­cu­to­ri, si­cu­ro che è im­pos­si­bi­le a que­sto pun­to fa­re a me­no del­la Le­ga, an­che per­ché con­vin­to di vin­ce­re le re­gio­na­li sia in Mo­li­se (in pro­gram­ma ap­pun­to do­me­ni­ca pros­si­ma) che in Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia (in pro­gram­ma do­me­ni­ca 29): "Se il 22 e il 29 si vin­ce il go­ver­no lo fac­cia­mo in un quar­to d'ora". Sal­vi­ni ha ri­spo­sto poi al­la pro­po­sta lan­cia­ta dal mi­ni­stro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co Car­lo Ca­len­da di un go­ver­no di tran­si­zio­ne con tut­te le for­ze po­li­ti­che: "Sen­to che qual­cu­no vuo­le ri­met­te­re in pie­di un go­ver­no al­la Ma­rio Mon­ti, tut­ti den­tro, per ti­ra­re a cam­pa­re per spen­na­re gli ita­lia­ni, per con­ti­nua­re a es­se­re ser­vi di Bru­xel­les e dei bom­bar­da­to­ri e lan­cia­to­ri di mis­si­li.

No – ha af­fer­ma­to il can­di­da­to pre­mier del cen­tro­de­stra - noi vo­glia­mo ri­spet­ta­re gli im­pe­gni pre­si, non esi­sto­no unio­ni al­lean­ze che pos­sa­no pre­ve­de­re il fat­to che i van­tag­gi sia­no di al­tri e i pro­ble­mi sia­no de­gli ita­lia­ni". Co­me fa­ci­le im­ma­gi­na­re, non so­no man­ca­te le ri­spo­ste al­lo show mo­li­sa­no del le­ghi­sta, a par­ti­re dal se­gre­ta­rio reg­gen­te del Pd Mau­ri­zio Mar­ti­na che gli ha chie­sto, tra­mi­te un tweet, più se­rie­tà: "Ca­ro Sal­vi­ni il Pae­se ha già vo­ta­to. Ora chie­de ri­spo­ste, non al­tra pro­pa­gan­da. Gli elet­to­ri di Mo­li­se e Friu­li van­no ri­spet­ta­ti, non uti­liz­za­ti". Sul­la stes­sa lun­ghez­za d’on­da il vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra, Et­to­re Ro­sa­to: "Non è que­stio­ne di tem­po, quel­lo è nel­le ma­ni del Pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca, e nem­me­no di co­sa ac­ca­de nel Pae­se, per for­tu­na a Pa­laz­zo Chi­gi c’è an­co­ra Gen­ti­lo­ni. È un pro­ble­ma di ar­ro­gan­za, di chi for­te del suo 17% pen­sa sia di­ven­ta­to il 100% e pre­ten­de di fa­re del­le isti­tu­zio­ni quel­lo che vuo­le – ha det­to -. Me­glio che Sal­vi­ni esca dal­la modalità cam­pa­gna elet­to­ra­le e ci di­ca con chi vuo­le go­ver­na­re e so­prat­tut­to co­sa vuo­le fa­re. Tut­to il re­sto è so­lo pren­de­re in gi­ro gli ita­lia­ni".

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.