Me­no ma­le che c'é Mat­ta­rel­la ....

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - DI OTTORINO GURGO

An­che i più ac­ca­ni­ti so­ste­ni­to­ri del duo Salvini-Di Ma­io non po­tran­no non ri­co­no­sce­re che la lo­ro “pre­sa di po­te­re” rap­pre­sen­ta, se non un sal­to nel buio (qua­le noi - det­to in tut­ta fran­chez­za e au­gu­ran­do­ci di sba­glia­re - lo ri­te­nia­mo) quan­to me­no un'av­ven­tu­ra gra­vi­da di ri­schi.

A pre­scin­de­re dal "ca­so Con­te" e dal cur­ri­cu­lum ta­roc­ca­to del pre­si­den­te del Con­si­glio in pec­to­re che ha oc­cu­pa­to, per mol­te ore, le cro­na­che po­li­ti­che e dai dub­bi sul­la com­po­si­zio­ne del­la squa­dra di go­ver­no mes­sa a pun­to dai lea­der dei Cin­que­stel­le e del­la Le­ga, so­no al­me­no tre gli in­ter­ro­ga­ti­vi che que­sta "av­ven­tu­ra" pro­po­ne.

Pren­den­do a pre­sti­to il ti­to­lo di un vec­chio film di Et­to­re Sco­la, non pos­sia­mo fa­re a me­no di chie­der­ci se i no­stri "eroi" riu­sci­ran­no a man­te­ne­re l'Ita­lia nell'am­bi­to eu­ro­peo, a far sì che l'eco­no­mia non pre­ci­pi­ti nel­la vo­ra­gi­ne di un ir­re­pa­ra­bi­le di­sa­stro, a evi­ta­re che ven­ga­no al­te­ra­ti i con­no­ta­ti del­la no­stra de­mo­cra­zia par­la­men­ta­re. So­no dub­bi an­go­scio­si ed an­go­scian­ti che chiun­que ab­bia un mi­ni­mo di buon­sen­so e ab­bia a cuo­re le sor­ti dell'Ita­lia non può non por­si, non foss'al­tro in con­si­de­ra­zio­ne del fat­to che, pri­va di ogni espe­rien­za di go­ver­no, l'ac­cop­pia­ta Le­gaCin­que­stel­le rap­pre­sen­ta un ine­di­to as­so­lu­to. Quel che, nel dub­bio e nel­la pre­oc­cu­pa­zio­ne per quan­to po­trà ac­ca­de­re, ci con­for­ta è la pre­sen­za, al Qui­ri­na­le, di Ser­gio Mat­ta­rel­la. Scu­san­do­ci con i let­to­ri per que­sto ri­fe­ri­men­to di ca­rat­te­re per­so­na­le (al qua­le, se­con­do l'eti­chet­ta gior­na­li­sti­ca, non bi­so­gne­reb­be mai la­sciar­si an­da­re), dob­bia­mo fa­re una con­fes­sio­ne. Quan­do Mat­ta­rel­la fu elet­to al­la pre­si­den­za del­la Re­pub­bli­ca, nu­trim­mo qual­che per­ples­si­tà sul­la sua "te­nu­ta".

L'uo­mo è di no­te­vo­le li­vel­lo e lo sa­pe­va­mo. Ma ci sem­brò che il suo ca­rat­te­re non fos­se com­ple­ta­men­te at­trez­za­to per fron­teg­gia­re le dif­fi­col­tà di un si­ste­ma po­li­ti­co in cri­si.

Ci sba­glia­va­mo e fac­cia­mo per que­sto pub­bli­ca am­men­da.

Mat­ta­rel­la ha sin qui af­fron­ta­to in mo­do esem­pla­re, aven­do a che fa­re con in­ter­lo­cu­to­ri tutt'al­tro che fa­ci­li, l'emer­gen­za del post­vo­to. Al­le pre­se con una coa­li­zio­ne (quel­la di le­ghi­sti e pen­ta­stel­la­ti) a dir po­co biz­zar­ra e cer­ta­men­te all'oscu­ro di co­me si go­ver­ni un pae­se, il ca­po del­lo Sta­to - e lo ha det­to espli­ci­ta­men­te - ha di­mo­stra­to di non vo­ler eser­ci­ta­re il pro­prio man­da­to in mo­do pret­ta­men­te no­ta­ri­le.

Ha po­sto ai suoi in­ter­lo­cu­to­ri una se­rie di "pa­let­ti", la­scian­do chia­ra­men­te in­ten­de­re che con­trol­le­rà con gran­de at­ten­zio­ne il man­te­ni­men­to dei vin­co­li eu­ro­pei, l’os­ser­van­za dei pa­ra­me­tri eco­no­mi­ci, il ri­spet­to del­le re­go­le de­mo­cra­ti­che. E ha det­to sen­za in­fin­gi­men­ti a Di Ma­io e a Salvini che non cre­da­no di po­ter eser­ci­ta­re, die­tro le quin­te, il ruo­lo dei bu­rat­ti­nai fa­cen­do del pro­fes­sor Con­te un "uo­mo im­ma­gi­ne" da pi­lo­ta­re a pro­prio pia­ci­men­to.

Il pre­si­den­te del Con­si­glio, in­fat­ti, non può es­se­re l'acri­ti­co ese­cu­to­re del­le lo­ro de­ci­sio­ni, ma - stan­te quan­to pre­ve­de l'ar­ti­co­lo 95 del­la Co­sti­tu­zio­ne - "di­ri­ge la po­li­ti­ca ge­ne­ra­le del go­ver­no e ne è re­spon­sa­bi­le; man­tie­ne l'uni­tà di in­di­riz­zo po­li­ti­co e am­mi­ni­stra­ti­vo, pro­muo­ven­do e coor­di­nan­do l'at­ti­vi­tà dei mi­ni­stri".

In­som­ma, se Salvini e Di Ma­io pen­sa­no di po­ter in­se­dia­re a Pa­laz­zo Chi­gi uno "yes man" da pi­lo­ta­re a lo­ro pia­ci­men­to, fa­ran­no be­ne a to­glier­se­lo dal­la te­sta poi­ché Mat­ta­rel­la sta­rà lì a con­trol­la­re, da au­ten­ti­co con­vi­ta­to di pie­tra, che ciò non av­ven­ga.

E al­lo­ra, nel­la pre­oc­cu­pa­zio­ne che po­trà com­por­ta­re il nuo­vo cor­so del­la po­li­ti­ca ita­lia­na, può es­se­re di con­for­to sa­pe­re che, al Qui­ri­na­le, c'è un in­qui­li­no vi­gi­le e af­fi­da­bi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.