Go­ver­no Con­te: non c’è an­co­ra ma ci è già co­sta­to 2 mi­la eu­ro a te­sta

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Non è sta­to fat­to nem­me­no un de­cre­to, ma ab­bia­mo già per­so 200 mi­liar­di.

Col­pa del­le sbruf­fo­na­te di Salvini e di Di Ma­io, Mol­ti so­spet­ta­no, e con ra­gio­ne, che Salvini ab­bia so­lo vo­glia di an­da­re a nuo­ve ele­zio­ni, con­vin­to di ave­re un gran­de suc­ces­so.

Pur­trop­po per lui, ha vo­ta­to NO al re­fe­ren­dum di Ren­zi e quin­di si ri­tro­ve­rà sem­pre da­van­ti al­lo stes­so pro­ble­ma: al Qui­ri­na­le c’è Mat­ta­rel­la e Mat­ta­rel­la, in ba­se al­la Co­sti­tu­zio­ne, gli può boc­cia­re i mi­ni­stri e gli può non fir­ma­re le leg­gi più fol­li. Que­sti qua­si tre me­si di ti­ra e mol­la, so­no ser­vi­ti, pe­rò, per ca­pi­re un po’di più con che raz­za di gen­te ab­bia­mo a che fa­re: pa­ro­lai, chiac­chie­re e di­stin­ti­vo.

1- Uno dei man­tra di Salvini e di Di Ma­io è che bi­so­gna an­da­re in Eu­ro­pa e ri­di­scu­te­re i trat­ta­ti.

Nes­su­na af­fer­ma­zio­ne è più idio­ta di que­sta: l’Ita­lia in Eu­ro­pa non con­ta nien­te (e que­sto va­le an­che per Ren­zi…). Ze­ro.

Non ha un so­lo al­lea­to sul­la piat­ta­for­ma Sal­vi­niDi Ma­io. Nel ten­ta­ti­vo di sol­le­va­re un po’di or­go­glio pa­trio se la pren­do­no con la Ger­ma­nia. In real­tà, con­tro le idee di Le­ga e 5 stel­le c’è tut­ta l’Eu­ro­pa. Quin­di non si ca­pi­sce con chi si vo­glia­no di­scu­te­re e ri­for­ma­re i trat­ta­ti.

Il so­spet­to è che vo­glia­no so­lo fa­re ca­si­no, per pren­de­re vo­ti.

2- Fa un po’ri­de­re, poi que­sto in­si­ste­re sul vo­ler spie­ga­re al­la Ger­ma­nia che co­sa de­ve fa­re. L’Ita­lia, il pae­se più scas­sa­to d’Eu­ro­pa, vuo­le ar­ro­gar­si il di­rit­to di spie­ga­re all’eco­no­mia più for­te quel­lo che de­ve fa­re e co­me lo de­ve fa­re. Non c’è più al­cun sen­so del­le pro­por­zio­ni.

3- Fa ri­de­re an­che il fat­to che il “go­ver­no del cam­bia­men­to”, an­ti-Ka­sta, al­la fi­ne si sia ri­dot­to a far­si pre­sie­de­re da un non emi­nen­te espo­nen­te di quel­la stes­sa Ka­sta (il Con­te, pro­fes­so­re uni­ver­si­ta­rio), ri­dot­to pe­ral­tro a sem­pli­ce por­ta­vo­ce. E a gio­car­si tut­to sul­la no­mi­na di Sa­vo­na all’eco­no­mia: uno, di si­cu­ro in­tel­li­gen­te e com­pe­ten­te, ma che den­tro la Ka­sta ha fat­to tut­ta la sua car­rie­ra e ha pas­sa­to tut­ta la sua vi­ta, e che so­lo in tar­da età si è mes­so a fa­re il Gian Bur­ra­sca, so­ste­nen­do po­si­zio­ni (quel­le le­ghi­ste) fran­ca­men­te un po’ma­ni­co­mia­li.

Ma poi c’è la so­stan­za ve­ra: i sol­di. Se­con­do i cal­co­li del “Cor­rie­re del­la Se­ra” que­sti ti­ra e mol­la e que­ste scioc­chez­ze so­no già co­sta­te all’Ita­lia cir­ca due mi­la eu­ro per ogni cit­ta­di­no. Si som­ma tut­to: spread, crol­lo del­le azio­ni, del­le ob­bli­ga­zio­ni, ecc.

E la co­sa cu­rio­sa è che an­co­ra non è sta­to fat­to nien­te. Non una leg­ge, non un de­cre­to. Non c’è nem­me­no un go­ver­no. Per­si­no gli odia­ti vi­ta­li­zi (quel­li vec­chi) con­ti­nua­no a es­se­re ero­ga­ti. E al­lo­ra che co­sa è suc­ces­so? Le pa­ro­le. Le­ga e 5 stel­le so­no schiavi del­la lo­ro stes­sa sto­ria.

Per rac­cat­ta­re vo­ti han­no usa­to un lin­guag­gio ce­lo­du­ri­sta, un mi­sto di mi­nac­ce e di pro­mes­se mi­ra­bo­lan­ti.

E que­sta ro­ba ha fat­to una cer­ta im­pres­sio­ne pres­so i ce­ti me­no ab­bien­ti e me­no con­sa­pe­vo­li. Ma non ai mer­ca­ti.

I mer­ca­ti, che ci han­no già pre­sta­to 2.300 mi­liar­di e che ce ne de­vo­no da­re 400 cir­ca all’an­no (al­tri­men­ti non si pa­ga­no gli sti­pen­di e le pen­sio­ni), non ama­no la gen­te che ur­la che non pa­ghe­ran­no i de­bi­ti e che se ne sbat­to­no di lo­ro.

Nel­le oste­rie del­la val Brem­ba­na e nei bas­si di Na­po­li il lin­guag­gio di Salvini e Di Ma­io pia­ce, sui mer­ca­ti no.

I ra­gaz­zi con pre­sti­gio­si ma­ster del­le mi­glio­ri uni­ver­si­tà mon­dia­li che stan­no da­van­ti ai lo­ro com­pu­ter (da Au­stin, Te­xas, a Hong Kong) e che ogni mi­nu­to se­con­do de­vo­no de­ci­de­re da­van­ti ai ti­to­li del de­bi­to ita­lia­no se fa­re “sell” o “buy”, quan­do sen­to­no una nuo­va sbruf­fo­na­ta di uno di que­sti due, di­gi­ta­no ine­so­ra­bil­men­te “sell”.

E lo spread sa­le.

I due, poi, se la ca­va­no di­cen­do che lo spread non con­ta nien­te e che co­mun­que so­no i po­te­ri for­ti de­mo­plu­to­giu­dai­ci (che lo­ro ab­bat­te­ran­no). In real­tà, a far sa­li­re lo spread so­no mi­glia­ia di ope­ra­to­ri che non si fi­da­no di lo­ro.

Non c’è nes­sun com­plot­to: stan­no so­lo cer­can­do di non far­si bi­do­na­re da due ir­re­spon­sa­bi­li. E’ sta­to cal­co­la­to che un’ap­pli­ca­zio­ne in­te­gra­le del fa­mo­so, de­men­zia­le “con­trat­to di go­ver­no” por­te­reb­be il di­sa­van­zo ita­lia­no al 6-7 per cen­to (do­vreb­be es­se­re in­ve­ce po­co so­pra l’1 per cen­to).

So­no si­cu­ro che, an­che se do­ves­se na­sce­re dav­ve­ro un go­ver­no, al­la fi­ne non se ne fa­rà nien­te. Sa­reb­be la Gre­cia nel gi­ro di due ore: ban­co­mat chiu­si, ospe­da­li sen­za me­di­ci­na­li es­sen­zia­li, pen­sio­ni e sa­la­ri ta­glia­ti o sem­pli­ce­men­te non pa­ga­ti, di­soc­cu­pa­zio­ne in cre­sci­ta.

Con un fi­na­le ti­po Ve­ne­zue­la o Ar­gen­ti­na. Con Di Ma­io e Salvini in fu­ga in Val­tel­li­na, co­me Mus­so­li­ni.

Ma non fa­ran­no nien­te. So­no dei pa­ro­lai. Han­no ca­pi­to che ur­lan­do con­tro i ne­gher e con­tro l’Eu­ro­pa si pren­do­no vo­ti, e que­sto fan­no. Con le leg­gi e gli at­ti di go­ver­no ci an­dreb­be­ro pe­rò pia­no, pia­nis­si­mo.

Re­sta­no le pa­ro­le. La lo­ro sto­ria li con­dan­na a di­re sce­men­ze, a ur­la­re ogni tre mi­nu­ti la sa­cra “so­vra­ni­tà” dell’Ita­lia (sì, con 2.300 mi­liar­do di de­bi­ti), la lo­ro de­ter­mi­na­zio­ne a fa­re a bot­te con tut­ti.

Tut­ta ro­ba fat­ta ap­po­sta per spa­ven­ta­re i mer­ca­ti,sell, sell, sell.

E l’Ita­lia spro­fon­da sot­to que­sto tor­ren­te di pa­ro­le da bul­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.