M5S, Le­ga e FdI ora mi­nac­cia­no Mat­ta­rel­la: è cam­pa­gna elet­to­ra­le? No, è qual­co­sa di più

La Gente d'Italia - - ATTUALITA -

Im­pea­ch­ment

per Al­to Tra­di­men­to. M5S, Le­ga e Fra­tel­li d’Ita­lia fan­no sa­pe­re che stan­no stu­dian­do di met­te­re in sta­to di ac­cu­sa il Ca­po del­lo Sta­to. L’Al­to Tra­di­men­to sta­reb­be nell’aver im­pe­di­to che chi ha la mag­gio­ran­za in Par­la­men­to si fac­cia il go­ver­no co­me e con chi gli pa­re. L’Al­to Tra­di­men­to sta­reb­be nel non aver ot­tem­pe­ra­to all’uni­ca e su­pre­ma leg­ge: quel­la del cor­po elet­to­ra­le. Dun­que i par­ti­ti più vo­ta­ti la leg­ge, il Ca­po del­lo Sta­to che fa osta­co­lo al­la ve­ra le­git­ti­mi­tà. Una le­git­ti­mi­tà su­pe­rio­re a quan­to scrit­to in Co­sti­tu­zio­ne do­ve è scrit­to che è il Ca­po del­lo Sta­to la ga­ran­zia di tut­to il cor­po po­li­ti­co e so­cia­le, del­la Na­zio­ne tut­ta. Co­sti­tu­zio­ne do­ve è scrit­to che il Ca­po del­lo Sta­to ha la re­spon­sa­bi­li­tà del­la no­mi­na dei mi­ni­stri e so­prat­tut­to la re­spon­sa­bi­li­tà dell’evi­ta­re dan­no al pae­se e al­la col­let­ti­vi­tà.

Se fan­no dav­ve­ro que­sta mos­sa, ma già aver­la ipo­tiz­za­ta e pub­bli­ciz­za­ta ba­sta e avan­za, M5S, Le­ga e Fra­tel­li d’Ita­lia var­ca­no un con­fi­ne, an­zi un pos­si­bi­le, pro­ba­bi­le pun­to di non ri­tor­no. Per­ché o il Ca­po del­lo Sta­to ac­cu­sa­to di Al­to Tra­di­men­to, quin­di di so­stan­zia­le se­di­zio­ne di fron­te al­la leg­ge e al cor­po del­lo Sta­to, è col­pe­vo­le op­pu­re di so­stan­zia­le se­di­zio­ne di fron­te al­la leg­ge e al cor­po del­lo Sta­to so­no col­pe­vo­li lo­ro. O la de­mo­cra­zia è il vo­le­re as­so­lu­to del cor­po elet­to­ra­le, as­so­lu­to, cioè sen­za li­mi­ti co­sti­tu­zio­na­li. O la ve­ra de­mo­cra­zia è la vo­lon­tà po­po­la­re sen­za “li­mi­ti det­ta­ti dal­la Co­sti­tu­zio­ne”. E quin­di sot­to ac­cu­sa va mes­so chi in que­sti li­mi­ti la vuol man­te­ne­re.

O la de­mo­cra­zia è la vo­lon­tà po­po­la­re non on­ni­po­ten­te, la vo­lon­tà po­po­la­re den­tro i li­mi­ti che la co­mu­ni­tà si è da­ta in Co­sti­tu­zio­ne per ga­ran­zia e sa­lu­te col­let­ti­va. E al­lo­ra gli ever­so­ri e i tra­di­to­ri del­la leg­ge e Co­sti­tu­zio­ne so­no co­lo­ro che lan­cia­no l’ac­cu­sa di im­pea­ch­ment con­tro un Ca­po del­lo Sta­to che nel­la leg­ge è sta­to e sta.

La mi­nac­cia di im­pea­ch­ment è cer­ta­men­te gri­do e gri­da da cam­pa­gna elet­to­ra­le. Ma è qual­co­sa di più. Io la leg­ge, tu il tra­di­to­re, voi i tra­di­to­ri...

Que­sta è già pro­sa e umo­re da guer­ra ci­vi­le. Di Ma­io che di­ce: “al­lo­ra ce lo di­ca­no... che vo­tia­mo a fa­re?”. E’ cer­ta­men­te già cam­pa­gna elet­to­ra­le per le pros­si­me ele­zio­ni.

Ma è an­che qual­co­sa di più: è la nar­ra­zio­ne di una vit­to­ria mu­ti­la­ta dai tra­di­to­ri, la nar­ra­zio­ne del ne­mi­co in­ter­no ai co­man­di e al sol­do del­lo stra­nie­ro. E’il mu­ni­zio­na­men­to ideo­lo­gi­co di una guer­ra ci­vi­le e non so­lo l’ar­chi­tet­tu­ra di una pro­pa­gan­da elet­to­ra­le. E al­me­no e di cer­to in un aspet­to es­sen­zia­le il vo­to del 4 mar­zo vie­ne ri­spet­ta­to dai fat­ti: si vo­le­va che il si­ste­ma crol­las­se, si è vo­ta­to a mag­gio­ran­za con­tro il si­ste­ma? Ec­co, esi­to elet­to­ra­le ri­spet­ta­to: il si­ste­ma sta crol­lan­do.

Per dav­ve­ro. Non so­lo nei co­sid­det­ti Pa­laz­zi.

La ca­du­ta del si­ste­ma pre­sto ar­ri­ve­rà, già sta ar­ri­van­do nei por­ta­fo­gli pub­bli­ci e pri­va­ti, nel­le azien­de, nel­le ban­che.

E poi sa­rà ne­gli uf­fi­ci, nel­le ca­se, nel­le fab­bri­che, nel­le stra­de. Mez­za Ita­lia e for­se più con­ta, spe­ra e con­fi­da e cre­de che dal crol­lo del si­ste­ma usci­rà in­den­ne e an­zi fa­vo­ri­ta dai li­be­ra­to­ri. Mez­za Ita­lia for­se me­no te­me che sa­rà la ro­vi­na ge­ne­ra­le cau­sa­ta e vo­lu­ta da­gli in­co­scien­ti.

Di cer­to qual­cu­no ci re­sta sot­to quan­do crol­la­no i si­ste­mi.

E mai, mai è suc­ces­so che a re­star­ci sot­to sia­no in po­chi. Spes­so sot­to ci re­sta­no an­che quel­li che la ca­du­ta del si­ste­ma l’han­no vo­lu­ta e vo­ta­ta, in pie­na e li­be­ra vo­lon­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.