STE­FA­NO GHIONNI - SEGUE DAL­LA PRI­MA

La Gente d'Italia - - POLITICA -

Per chiu­de­re all'ese­cu­ti­vo Cot­ta­rel­li che stan­do ai nu­me­ri po­treb­be non ot­te­ne­re al­cun vo­to al mo­men­to del­la fi­du­cia in Par­la­men­to. Una del­le ipo­te­si è quel­la del pas­so in­die­tro di Sa­vo­na, ma Sal­vi­ni an­che ie­ri ha in­si­sti­to sul no­me dell'eco­no­mi­sta, "lo ri­pro­por­rò quan­do sa­rò al go­ver­no", ha spie­ga­to. Al mo­men­to il lea­der del Car­roc­cio non sa­reb­be pro­pen­so a con­si­de­ra­re la pro­po­sta dell'ex vi­ce pre­si­den­te del­la Ca­me­ra ma la stra­da sa­reb­be quel­la di far par­ti­re il go­ver­no tec­ni­co di Cot­ta­rel­li in mo­do che si ar­ri­vi a ste­ri­liz­za­re l'au­men­to dell'Iva e si ar­ri­vi al vo­to a me­tà set­tem­bre.

Non ad ago­sto, pe­rò. "Non vor­rei rom­pe­re le sca­to­le agli ita­lia­ni", ha sot­to­li­nea­to Sal­vi­ni. C'è an­che chi ha par­la­to an­che un con­tat­to tra il pre­mier in­ca­ri­ca­to e i lea­der di M5S e Le­ga che avreb­be­ro de­ci­so di ab­bas­sa­re i to­ni nei con­fron­ti del Qui­ri­na­le an­che per evi­ta­re - su sol­le­ci­ta­zio­ne dell'ex com­mis­sa­rio del­la Spen­ding re­view - ul­te­rio­ri spe­cu­la­zio­ni sui mer­ca­ti.

Si, per­ché nel frat­tem­po lo spread non vuo­le sa­per­ne di fer­ma­re la pro­pria cor­sa. Dai pa­laz­zi del­la po­li­ti­ca, in­fat­ti, so­no ar­ri­va­te no­ti­zie di una mag­gio­ran­za di for­ze par­la­men­ta­ri pron­te a chie­de­re il vo­to il 29 lu­glio, men­tre dai ter­mi­na­li del­le bor­se e dei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri con­ti­nua­va ad ar­ri­va­re l'eco di un cre­scen­do del­lo spread. Le pa­ro­le di Igna­zio Vi­sco, governatore di Bankitalia, non so­no ser­vi­te a im­pe­di­re una fi­bril­la­zio­ne che ha se­gna­to il cul­mi­ne nel pri­mo po­me­rig­gio. E ve­nia­mo al­la cro­na­ca. Il pre­mier in­ca­ri­ca­to è sa­li­to al Col­le a me­tà po­me­rig­gio ed è en­tra­to nel­lo stu­dio al­la Ve­tra­ta per par­la­re con il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca quan­do l'oro­lo­gio se­gna­va le 16,30. Sul ta­vo­lo una li­sta snel­la di mi­ni­stri, con so­pra i no­mi di per­so­na­li­tà "tec­ni­che". Un con­fron­to, quel­lo tra Mat­ta­rel­la e Cot­ta­rel­li, du­ra­to so­lo mezz'ora. Poi sen­za di­re nul­la, il pre­si­den­te de­si­gna­to ha la­scia­to il Col­le ed è tor­na­to al­la Ca­me­ra. Po­chi mi­nu­ti do­po il di­ret­to­re del­la co­mu­ni­ca­zio­ne del Col­le ha spie­ga­to ai gior­na­li­sti, at­to­ni­ti, che Cot­ta­rel­li ave­va in­for­ma­to il pre­si­den­te e che sa­reb­be tor­na­to do­ma­ni (og­gi, ndr). Ov­via­men­te la rid­da di ipo­te­si ha fat­to prd­sto ad im­paz­za­re e non si è fer­ma­ta nem­me­no da­van­ti al­la ras­si­cu­ra­zio­ne di mister spen­ding re­view: "So­no ot­ti­mi­sta. Sto la­vo­ran­do al­la li­sta dei mi­ni­stri". Sì, per­ché nel­le stes­se ore tra Mon­te­ci­to­rio e pa­laz­zo Ma­da­ma so­no rim­bal­za­ti mil­le sce­na­ri. Il più "leg­ge­ro" par­la di una in­di­spo­ni­bi­li­tà di mol­ti can­di­da­ti a di­ven­ta­re mi­ni­stri di un go­ver­no che, se si vo­tas­se a fi­ne lu­glio, du­re­reb­be lo spa­zio di un mat­ti­no. Il più to­sto par­la di una pos­si­bi­le ri­nun­cia di Cot­ta­rel­li, a fron­te di una in­cer­tez­za an­co­ra più for­te del­la cer­ta man­can­za di fi­du­cia del Par­la­men­to, e di un con­se­guen­te scio­gli­men­to im­me­dia­to del­le Ca­me­re da par­te di Mat­ta­rel­la. L'idea fol­le del Pd, che ha scel­to di non vo­ta­re la fi­du­cia ma si aster­rà, un vo­to a lu­glio è la clas­si­ca pie­tra nel­lo sta­gno.

La pos­si­bi­li­tà, che per mol­ti al di là del­le di­chia­ra­zio­ni uf­fi­cia­li vie­ne con­si­de­ra­ta una mi­nac­cia, spa­ri­glia le car­te. A se­ra l'an­nun­cia­to im­pea­ch­ment a Mat­ta­rel­la vie­ne tol­to dal ta­vo­lo dal M5S, Mat­teo Sal­vi­ni chie­de il vo­to al più pre­sto ma non ad ago­sto, tor­na ad­di­rit­tu­ra in au­ge l'idea di una mag­gio­ran­za gial­lo-ver­de ma sen­za la pre­sen­za di Pao­lo Sa­vo­na co­me mi­ni­stro dell'Eco­no­mia.

Dal Col­le non tra­pe­la nul­la, tran­ne la smen­ti­ta che il Ca­po del­lo Sta­to pos­sa ac­cet­ta­re la no­mi­na di Sa­vo­na ri­fiu­ta­ta non più tar­di di do­me­ni­ca. Ora la pal­la tor­na al Col­le. Uf­fi­cial­men­te c'è so­lo l'in­ca­ri­co a Cot­ta­rel­li, che si è ri­ser­va­to di ac­cet­ta­re e og­gi, si as­si­cu­ra dal Qui­ri­na­le, tor­ne­rà nel­lo stu­dio al­la Ve­tra­ta per scio­glie­re la ri­ser­va e pre­sen­ta­re la sua li­sta dei mi­ni­stri. Su­bi­to do­po è pre­vi­sto il giu­ra­men­to del­la sua com­pa­gi­ne, che nei pros­si­mi gior­ni si pre­sen­te­reb­be in Par­la­men­to, do­ve non ot­ter­reb­be la fi­du­cia ma re­ste­reb­be in ca­ri­ca per gli af­fa­ri cor­ren­ti. Mat­ta­rel­la po­treb­be scio­glie­re le Ca­me­re per vo­ta­re in una da­ta con­cor­da­ta con le for­ze po­li­ti­che che do­vreb­be­ro, lo­ro que­sta vol­ta, as­su­mer­si la re­spon­sa­bi­li­tà di in­di­ca­re il mo­men­to del vo­to.

Ma sep­pu­re in­for­mal­men­te M5s e Le­ga sem­bra­no aver avan­za­to di nuo­vo la pro­po­sta di as­su­mer­si la re­spon­sa­bi­li­tà' di go­ver­no. I col­pi di sce­na so­no sem­pre die­tro l'an­go­lo, in que­sta lun­ga cri­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.