Le me­ta­mor­fo­si di Di Ma­io

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Go­ver­no del cam­bia­men­to e cam­bia­men­to ra­pi­do di opi­nio­ni.

Lui­gi Di Ma­io spiaz­za an­co­ra una vol­ta l'oriz­zon­te po­li­ti­co met­ten­do la pa­ro­la fi­ne al­la ri­chie­sta di 'im­pea­ch­ment' con­tro il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Ser­gio Mat­ta­rel­la.

"Non è più sul ta­vo­lo", ha det­to ie­ri il lea­der pen­ta­stel­la­to tor­nan­do sui suoi pas­si e ria­pren­do di fat­to all'ipo­te­si di un ese­cu­ti­vo gial­lo­ver­de, con­fer­man­do­si inol­tre pron­to "a col­la­bo­ra­re con Mat­ta­rel­la".

Un'ina­spet­ta­ta svol­ta che so­lo 48 ore fa sem­bra­va im­pen­sa­bi­le, pre­so com'era il M5S (spal­leg­gia­to da Me­lo­ni) ad at­tac­ca­re il Col­le e l'al­lea­to - de­fi­ni­to "cuor di leo­ne" - Mat­teo Sal­vi­ni, che dal­la mes­sa in sta­to d'ac­cu­sa del pre­si­den­te si era in­ve­ce sfi­la­to.

Ma le 'me­ta­mor­fo­si' di Di Ma­io non ini­zia­no cer­to da ie­ri: il pri­mo si­gni­fi­ca­ti­vo e re­pen­ti­no cam­bio di rot­ta era in­fat­ti ar­ri­va­to su­bi­to do­po il 4 mar­zo, quan­do do­po il vo­to il M5S ave­va ten­ta­to i pri­mi ap­proc­ci - ini­zial­men­te fal­li­ti - con quel­la Le­ga con la qua­le, si af­fan­na­va­no ad as­si­cu­ra­re ver­ti­ci e lea­der del Mo­vi­men­to so­lo po­chi gior­ni pri­ma, non ci sa­reb­be mai sta­to un ac­cor­do.

Al pri­mo gi­ro di trat­ta­ti­ve sal­ta­to, era poi sta­ta la vol­ta dell'odia­to Pd, con il qua­le il M5S ha ten­ta­to in­va­no di dia­lo­ga­re per la for­ma­zio­ne di un go­ver­no ap­pel­lan­do­si al­la "re­spon­sa­bi­li­tà". Tor­na­to an­co­ra una vol­ta sui suoi pas­si, Di Ma­io ha quin­di im­me­dia­ta­men­te ria­per­to al­la Le­ga, ar­ri­van­do poi a si­gla­re in­sie­me a Sal­vi­ni l'or­mai fa­mi­ge­ra­to Con­trat­to di go­ver­no.

Il 23 mag­gio scor­so, in pie­ne con­sul­ta­zio­ni con il pre­si­den­te Mat­ta­rel­la, ec­co ar­ri­va­re il no­do di­ca­ste­ri.

A chi gli chie­de­va se l'im­pian­to del­la li­sta dei mi­ni­stri, com­pre­so Sa­vo­na al Mef, aves­se ret­to al giu­di­zio del Col­le, Di Ma­io ri­ba­di­va: "Non c'è nes­su­na di­scus­sio­ne in at­to per­ché i mi­ni­stri li sce­glie il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca".

Una po­si­zio­ne net­ta, co­me pre­vi­sto da Co­sti­tu­zio­ne, ri­bal­ta­ta pe­rò ap­pe­na quat­tro gior­ni do­po.

Il 27 mag­gio ar­ri­va in­fat­ti il 'no' di Mat­ta­rel­la a Sa­vo­na e con lui la ri­chie­sta di im­pea­ch­ment per il pre­si­den­te da par­te di un fu­rio­so Di Ma­io in di­ret­ta te­le­fo­ni­ca su Rai Uno.

"Spe­ro che agli ita­lia­ni sia da­ta la pa­ro­la il pri­ma pos­si­bi­le... Dob­bia­mo di­scu­te­re - tuo­na­va par­lan­do con Fa­bio Fa­zio - la mes­sa in sta­to d'ac­cu­sa del Pre­si­den­te Mat­ta­rel­la" e "par­la­men­ta­riz­za­re que­sta cri­si isti­tu­zio­na­le... dob­bia­mo por­ta­re l'ar­ti­co­lo 90 nel­la di­scus­sio­ne par­la­men­ta­re e poi an­da­re a ele­zio­ni il pri­ma pos­si­bi­le".

Ma ap­pe­na 48 ore do­po, di fron­te al­la fre­na­ta dell'al­lea­to Sal­vi­ni sul­la que­stio­ne, Di Ma­io ha nuo­va­men­te cam­bia­to rot­ta.

"Pren­do at­to che Sal­vi­ni non lo vuo­le fa­re e ne ri­spon­de­rà lui co­me 'cuor di leo­ne', ma pur­trop­po non è più sul ta­vo­lo per­ché ci vuo­le la mag­gio­ran­za", ha in­fat­ti det­to il cin­que­stel­le ai cro­ni­sti pri­ma di un co­mi­zio a Na­po­li.

E in se­ra­ta, do­po una gior­na­ta po­li­ti­ca agi­ta­ta dal rin­vio del­la pre­sen­ta­zio­ne del­la li­sta dei mi­ni­stri dell'at­tua­le pre­mier in­ca­ri­ca­to Car­lo Cot­ta­rel­li, dal pal­co na­po­le­ta­no è ar­ri­va­te an­che una nuo­va aper­tu­ra al Col­le, in­sie­me al­la ri­chie­sta di ri­pro­va­re a for­ma­re un go­ver­no:

"Noi - ha spie­ga­to Di Ma­io - sia­mo pron­ti a ri­ve­de­re la no­stra po­si­zio­ne, se ab­bia­mo sba­glia­to qual­co­sa lo di­cia­mo. Ma ora si ri­spet­ti la vo­lon­tà del po­po­lo per noi. L'Ita­lia, la vo­glia­mo sal­va­re". E an­co­ra: "In Par­la­men­to una mag­gio­ran­za c'è, fa­te par­ti­re quel go­ver­no op­pu­re ri­dia­mo la pa­ro­la agli ita­lia­ni".

Ie­ri, in­fi­ne, l'en­ne­si­mo at­tac­co sull'am­bi­gui­tà del lea­der sul 'te­ma cal­do' dell'usci­ta dall'eu­ro. Ca­val­lo di bat­ta­glia di tan­te ini­zia­ti­ve elet­to­ra­li tar­ga­te Le­ga e Cin­que­stel­le, nel Con­trat­to di go­ver­no l'ad­dio al­la mo­ne­ta uni­ca è in­ve­ce scom­par­so.

Ad agi­ta­re lo 'spet­tro' dell'an­ti­eu­ro­pei­smo era sta­ta poi la scel­ta di Sa­vo­na all'Eco­no­mia, con i due lea­der tut­ta­via im­pe­gna­ti a ras­si­cu­ra­re Col­le e isti­tu­zio­ni che una 'Ita­le­xit' non sa­reb­be mai sta­to un pun­to in di­scus­sio­ne nell'even­tua­le ese­cu­ti­vo. A mar­ca­re la di­stan­za, ci ave­va pen­sa­to in par­ti­co­la­re pro­prio Di Ma­io, che nel sa­lot­to tv di Bar­ba­ra D'Ur­so ave­va af­fer­ma­to di aver co­no­sciu­to Sa­vo­na in oc­ca­sio­ne del­la no­mi­na a fu­tu­ro mi­ni­stro, "me­no di quin­di­ci gior­ni fa". Cir­co­stan­za che og­gi sem­bra es­se­re tut­ta­via smentita da un vi­deo pub­bli­ca­to su Fa­ce­book dal de­pu­ta­to Pd Lu­cia­no No­bi­li, poi ri­pre­so dal­la pa­gi­na uf­fi­cia­le del par­ti­to.

Nel vi­deo, da­ta­to 16 set­tem­bre 2016, è lo stes­so eco­no­mi­sta che, nel cor­so di un con­ve­gno, di­ce di aver in­con­tra­to il lea­der M5S per par­la­re pro­prio di una even­tua­le usci­ta dall'eu­ro: "Ho avu­to un lun­go col­lo­quio con Di Ma­io - af­fer­ma Sa­vo­na nel­la clip - e gli di­ce­vo 'ma qual è la tua ri­spo­sta', 'nien­te, dob­bia­mo usci­re dall'eu­ro', 'cer­to, so­no il pri­mo ad aver­lo det­to'". Al mo­men­to dal lea­der pen­ta­stel­la­to nes­su­na re­pli­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.