Co­me pre­vi­sto: il Se­na­to pro­muo­ve Conte Og­gi il vo­to di fi­du­cia toc­che­rá al­la Ca­me­ra

An­che a Mon­te­ci­to­rio il go­ver­no gial­lo-ver­de ha una mag­gio­ran­za schiac­cian­te. Tem­pi lun­ghi in­ve­ce per la no­mi­na dei vi­ce mi­ni­stri e dei sot­to­se­gre­ta­ri

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

(St.Ghi.) Co­me pre­vi­sto il Go­ver­no Conte ha ot­te­nu­to ie­ri la fi­du­cia del Se­na­to con 171 vo­ti fa­vo­re­vo­li, 4 in più ri­spet­to ai nu­me­ri del­la mag­gio­ran­za (167 se­na­to­ri) e si at­te­sta su una so­glia di si­cu­rez­za di 10 vo­ti in più ri­spet­to al­la mag­gio­ran­za as­so­lu­ta, che a pa­laz­zo Ma­da­ma è fis­sa­ta a quo­ta 161. 117 in­ve­ce i con­tra­ri e 25 gli aste­nu­ti.

Al­la Ca­me­ra, do­ve il vo­to di fi­du­cia si svol­ge­rà nel­la gior­na­ta di og­gi, l’ese­cu­ti­vo gial­lo-ver­de ha una mag­gio­ran­za schiac­cian­te, con 346 vo­ti (222 de­pu­ta­ti M5s e 124 le­ghi­sti).

Quin­di, 30 vo­ti di scar­to ri­spet­to al­la mag­gio­ran­za as­so­lu­ta di 316.

An­che qui i vo­ti a fa­vo­re po­treb­be­ro au­men­ta­re, sem­pre gra­zie ad al­cu­ni de­pu­ta­ti ex M5s e al­cu­ne com­po­nen­ti del grup­po Mi­sto. FdI - co­me al Se­na­to - do­vreb­be aste­ner­si, men­tre For­za Ita­lia, Leu e Pd do­vreb­be­ro vo­ta­re con­tro.

Il di­bat­ti­to sul­la fi­du­cia ini­zie­rà al­le 9; nel po­me­rig­gio, al­le 15.45, la re­pli­ca del pre­si­den­te del Con­si­glio e le di­chia­ra­zio­ni di vo­to, men­tre a se­gui­re ci sa­rà la chia­ma per il vo­to. Ma tor­nia­mo ai nu­me­ri di ie­ri se­ra al Se­na­to. Ai 58 vo­ti fa­vo­re­vo­li del­la Le­ga e 109 del Mo­vi­men­to 5 stel­le si so­no ag­giun­ti i già pre­vi­sti 2 vo­ti dei se­na­to­ri elet­ti all'este­ro del Ma­ie, Ri­car­do An­to­nio Mer­lo e Adria­no Ca­rio, e i 2 vo­ti de­gli ex gril­li­ni Mau­ri­zio Buc­ca­rel­la e Carlo Mar­tel­li.

Nes­sun soc­cor­so è ar­ri­va­to dal grup­po Per le Au­to­no­mie, che du­ran­te le con­sul­ta­zio­ni svol­te da Conte in oc­ca­sio­ne del pri­mo in­ca­ri­co af­fi­da­to­gli dal Ca­po del­lo Sta­to ave­va­no la­scia­to un "ca­na­le aper­to" che, pe­rò, do­po il di­scor­so pro­gram­ma­ti­co del pre­mier, non si è tra­sfor­ma­to in vo­to fa­vo­re­vo­le: le Au­to­no­mie si so­no in­fat­ti aste­nu­te, an­che se con al­cu­ne di­vi­sio­ni all'in­ter­no del grup­po.

Su 8 com­po­nen­ti 2 se­na­to­ri, Gian­clau­dio Bres­sa e Pier­fer­di­nan­do Ca­si­ni, han­no op­ta­to per il no, men­tre la se­na­tri­ce a vi­ta Ele­na Cat­ta­neo si è aste­nu­ta.

Ha scel­to l'asten­sio­ne an­che l'al­tra se­na­tri­ce a vi­ta, Li­lia­na Se­gre.

Nes­su­na sor­pre­sa nep­pu­re sul fron­te di un pos­si­bi­le al­lar­ga­men­to sta­bi­le del­la mag­gio­ran­za, con la con­fer­ma del­lo spez­zet­ta­men­to in tre tron­co­ni del­la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra: FdI si è aste­nu­ta, la Le­ga sta al go­ver­no e For­za Ita­lia si po­ne con de­ter­mi­na­zio­ne all'op­po­si­zio­ne. An­che il Pd con­fer­ma il fron­te dell'op­po­si­zio­ne, vo­tan­do no al­la fi­du­cia, co­sì co­me Leu.

Tra le asten­sio­ni, quin­di, si è re­gi­stra­ta quel­la di Fra­tel­li d'Ita­lia, che ha con­fer­ma­to di non ave­re in­ten­zio­ne di en­tra­re nel­la mag­gio­ran­za, pur po­nen­do­si in una po­si­zio­ne di­ver­sa ri­spet­to al­le for­ze che han­no scel­to net­ta­men­te il cam­po dell'op­po­si­zio­ne, co­me Pd e For­za Ita­lia.

I 18 se­na­to­ri del par­ti­to di Gior­gia Me­lo­ni si so­no aste­nu­ti, aspet­tan­do al var­co il go­ver­no e ri­ba­den­do che vo­te­ran­no a fa­vo­re so­lo di quei prov­ve­di­men­ti che rien­tra­no nel pro­gram­ma del­la coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra.

Han­no vo­ta­to no i 61 se­na­to­ri di For­za Ita­lia, i 52 del Pd, e tra gli al­tri Ric­car­do Nen­ci­ni del Psi, Em­ma Bo­ni­no di + Eu­ro­pa, i 4 se­na­to­ri di Li­be­ri e Ugua­li.

Il com­ple­ta­men­to del­la squa­dra di go­ver­no, con le no­mi­ne dei vi­ce mi­ni­stri e dei sot­to­se­gre­ta­ri, av­ver­rà la set­ti­ma­na pros­si­ma. È quan­to si ap­pren­de da fon­ti dell'ese­cu­ti­vo che spie­ga­no co­me il dos­sier sa­rà af­fron­ta­to so­lo do­po la fi­du­cia al­la Ca­me­ra, pre­vi­sta per og­gi.

Poi, da do­ma­ni se­ra a do­me­ni­ca, il pre­si­den­te del Con­si­glio Giu­sep­pe Conte sa­rà im­pe­gna­to al G7 del Ca­na­da. Poi, una vol­ta no­mi­na­ti vi­ce­mi­ni­stri e sot­to­se­gre­ta­ri, si pro­ce­de­rà all'ele­zio­ne dei pre­si­den­ti di com­mis­sio­ne. Le due par­ti­te so­no le­ga­te a dop­pio fi­lo e i ver­ti­ci del M5S e del­la Le­ga so­no chia­ma­ti a scio­glie­re un in­tri­ca­to gio­co di in­ca­stri.

Lad­do­ve il mi­ni­stro è in quo­ta M5S è plau­si­bi­le che il suo vi­ce sia del­la Le­ga, e vi­ce­ver­sa. Men­tre, lad­do­ve al­la Ca­me­ra una pre­si­den­za di com­mis­sio­ne spet­te­rà a uno dei par­ti­ti di go­ver­no, al Se­na­to ver­rà as­se­gna­ta all'al­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.