New York: Ro­ma­na Raf­fet­to, ad­dio a un sim­bo­lo

La Gente d'Italia - - ITALIANI IN NORD AMERICA -

Era il 1906 quan­do Mar­cel­lo Raf­fet­to aprì il suo pa­sti­fi­cio al Gree­n­wi­ch Vil­la­ge. ven­de­va an­che la sal­sa ros­sa, che gli ita­loa­me­ri­ca­ni e gli ita­lia­ni con­si­de­ra­no una pre­li­ba­tez­za, per­chè era sem­pre pre­pa­ra­to con in­gre­dien­ti fre­schi. All'epo­ca si po­te­va­no sce­glie­re due ti­pi di pa­sta, chia­ma­ti sem­pre mac­che­ro­ni. Da quei gior­ni so­no pas­sa­ti 112 an­ni e Raf­fet­to's con­ti­nua a pre­pa­ra­re e a ven­de­re 16 ti­pi di pa­sta com­pre­sa quel­la al ne­ro di sep­pia, so­lo per fa­re un esem­pio del­la par­ti­co­la­ri­tà di que­sto pa­sti­fi­cio che ha fat­to la sto­ria di New York. E i clien­ti di Raf­fet­to's non si con­ta­no, per­chè i suoi pro­dot­ti ven­go­no ven­du­ti sia al det­ta­glio che all'in­gros­so, mer­ca­ti, ri­sto­ran­ti, in tan­ti nem­me­no san­no che man­gia­no la pa­sta di Raf­fet­to's, ma la pre­li­ba­tez­za è ri­ma­sta quel­la dell'ini­zio del se­co­lo scor­so. Una del­le pre­sen­ze sto­ri­che è sta­ta sem­pre quel­la di Ro­ma­na Raf­fet­to, la nuo­ra di Mar­cel­lo, la ma­triar­ca del­la quar­ta ge­ne­ra­zio­ne del­la fa­mi­glia che an­co­ra og­gi, do­po 112 an­ni, con­ti­nua a ge­sti­re l'at­ti­vi­tà. "Se vie­ni ac­col­to en­tran­do nel pa­sti­fi­cio Raf­fet­to's da aro­mi de­li­zio­si di sal­sa bol­len­te con no­te di ba­si­li­co e aglio - scri­ve­va nel 1997 Mi­mi She­ra­ton, cri­ti­co di ga­stro­no­mia del New York Ti­mes - sap­pi che Ro­ma­na Raf­fet­to sta la­vo­ran­do a una del­le sue su­bli­mi sal­se". Ro­ma­na Raf­fet­to, 85 an­ni, di­ven­ta­ta l'im­ma­gi­ne di que­sta at­ti­vi­tà ga­stro­no­mi­ca ti­pi­ca­men­te ita­lia­na, se n'è an­da­ta. È mor­ta a 85 an­ni, l'al­tra set­ti­ma­na, era ri­co­ve­ra­ta in un ospe­da­le di Ma­n­hat­tan. Le cau­se, un tu­mo­re al co­lon, co­me ha spie­ga­to la ni­po­te Sa­rh Raf­fet­to. Ci ha la­scia­to Ro­ma­na, ma la sua ere­di­tà, quel­la che lei pre­se da Mar­cel­lo, è ri­ma­sta in­tat­ta da Raf­fet­to's. "For­se non do­vrei van­tar­mi - di­ce­va Ro­ma­na nel 2006, in una in­ter­vi­sta sem­pre al NYT - ma ogni sal­sa è la mia sal­sa". Ro­ma­na Ma­rin, que­sto il no­me da nu­bi­le era na­ta il 29 ago­sto 1932 in Ita­lia, ad Aso­lo e nel 1960 spo­sò Gi­no Raf­fet­to, fi­glio di Mar­cel­lo.

Ro­ma­na Raf­fet­to, a si­ni­stra

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.