Cin­que vi­ce­mi­ni­stri e 20 sot­to­se­gre­ta­ri que­sto il "bot­ti­no" del Mo­vi­men­to 5 Stel­le nel brac­cio di fer­ro con la Le­ga...

La Gente d'Italia - - ATTUALITA’ -

In­cas­sa­ta

la se­con­da fi­du­cia, nel go­ver­no scat­ta­no li­ma­tu­re e spo­sta­men­ti per tro­va­re la qua­dra in un com­pli­ca­to gio­co d'in­ca­stri. Che muo­ve equi­li­bri de­li­ca­ti per­ché il mal­con­ten­to è die­tro l'an­go­lo.

In ca­sa 5 Stel­le si con­ti­nua a la­vo­ra­re al­la par­ti­ta vi­ce­mi­ni­stri e sot­to­se­gre­ta­ri.

Ben 5 vi­ce e 20 sot­to­se­gre­ta­ri il 'bot­ti­no' por­ta­to a ca­sa dai 5 Stel­le nel brac­cio di fer­ro con la Le­ga sul­la squa­dra di go­ver­no.

La par­ti­ta si in­trec­cia con quel­la del­le com­mis­sio­ni e de­gli uf­fi­ci di pre­si­den­za, in un de­li­ca­to ri­si­ko che ri­schia di ge­ne­ra­re più di un mal­con­ten­to.

Ed è an­co­ra in cor­so il mu­ro con­tro mu­ro con la Le­ga sul­la de­le­ga per le te­le­co­mu­ni­ca­zio­ni - te­ma sen­si­bi­le an­che per For­za Ita­lia e Sil­vio Ber­lu­sco­ni - men­tre quel­la sui ser­vi­zi se­gre­ti re­ste­rà in ca­po al pre­mier Giu­sep­pe Con­te.

Trat­ta­ti­va ser­ra­ta an­che sull'edi­to­ria, una de­le­ga che fa go­la ai gril­li­ni per por­ta­re avan­ti la bat­ta­glia sui ta­gli ai fon­di pub­bli­ci (in po­le sem­pre il se­na­to­re e gior­na­li­sta Pri­mo Di Ni­co­la).

De­ci­si­va sa­rà la pros­si­ma set­ti­ma­na, quan­do scat­te­rà il Dday per il 'sot­to­go­ver­no'. In­tan­to con­ti­nua­no a cir­co­la­re no­mi, men­tre Lui­gi Di Ma­io, nel cor­so dell'as­sem­blea con­giun­ta di qual­che ora fa, si è guar­da­to be­ne dal ri­ve­la­re no­mi e ca­sel­le, ar­gi­nan­do con una bat­tu­ta la 'feb­bre da pol­tro­na' che sem­bra agi­ta­re le fi­le pen­ta­stel­la­te: "Qual­cu­no do­vrà pur fa­re il par­la­men­ta­re..." si è scher­ni­to coi suoi, rac­con­ta­no. Il vi­ce­pre­mier ha rac­con­ta­to co­me, ne­gli ul­ti­mi gior­ni, gli sia­no ar­ri­va­ti pa­rec­chi mes­sag­gi con­te­nen­ti 'au­to-can­di­da­tu­re': ci sa­rà spa­zio per il con­tri­bu­to di tut­ti nel cor­so del­la le­gi­sla­tu­ra - il ra­gio­na­men­to del mi­ni­stro del La­vo­ro - ma non ne­ces­sa­ria­men­te nel­le stan­ze dei bot­to­ni.

A com­ple­ta­re la squa­dra di go­ver­no do­vreb­be­ro an­da­re di­ver­si fe­de­lis­si­mi, non­ché al­cu­ni mi­ni­stri del 'go­ver­no om­bra' 5 Stel­le che ha do­vu­to ce­de­re il pas­so all'ese­cu­ti­vo gial­lo blu: tra que­sti ul­ti­mi Ema­nue­la Del Re, che po­treb­be di­ven­ta­re vi­ce­mi­ni­stro agli Este­ri e ave­re la me­glio su Man­lio Di Ste­fa­no, ben vi­sto an­che dal­la Le­ga ma ora in po­le per la pre­si­den­za del­la com­mis­sio­ne Este­ri.

Per il Mi­se, in­ve­ce, si fa il no­me dell'eco­no­mi­sta ed ex pro­fes­so­re a Pre­to­ria Lo­ren­zo Fio­ra­mon­ti.

Al Mef sem­bra aver­la spun­ta­ta Lau­ra Ca­stel­li per il ruo­lo di vi­ce­mi­ni­stro, men­tre Ste­fa­no Buf­fa­gni do­vreb­be di­ven­ta­re sot­to­se­gre­ta­rio ma con de­le­ghe di pe­so. Sem­pre che il par­la­men­ta­re lom­bar­do, mol­to vi­ci­no a Ca­sa­leg­gio pa­dre, non fi­ni­sca per riem­pi­re una ca­sel­la del mi­ni­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co al fian­co di Di Ma­io. All'Istru­zio­ne con­ti­nua­no a sa­li­re le quo­ta­zio­ni dell'abruz­ze­se Gian­lu­ca Vac­ca, men­tre vi­ce­mi­ni­stro dell'In­ter­no po­treb­be di­ven­ta­re il se­na­to­re Vi­to Cri­mi, in odo­re di de­le­ga ai ser­vi­zi se­gre­ti pri­ma che Con­te spa­ri­glias­se. Lu­ca Fru­so­ne po­treb­be ave­re un ruo­lo al­la Di­fe­sa, da sot­to­se­gre­ta­rio, men­tre il se­na­to­re An­drea Ciof­fi è tra i no­mi in po­le per i Tra­spor­ti.

Per quan­to ri­guar­da la Sa­ni­tà, è ap­prez­za­to il pro­fi­lo del se­na­to­re Pier­pao­lo Si­le­ri, chi­rur­go di fa­ma in­ter­na­zio­na­le. Per lo stes­so di­ca­ste­ro ri­ma­ne in pi­sta l'ipo­te­si Ar­man­do Bar­to­laz­zi, il me­di­co in­di­ca­to da Di Ma­io co­me pos­si­bi­le mi­ni­stro del­la Sa­lu­te pri­ma del vo­to 4 mar­zo: da non esclu­de­re, inol­tre, un in­ca­ri­co per il se­na­to­re Mat­teo Man­te­ro, che nel­la scor­sa le­gi­sla­tu­ra da de­pu­ta­to ha fat­to par­te del­la com­mis­sio­ne Af­fa­ri so­cia­li di Mon­te­ci­to­rio.

Per la Giu­sti­zia si fa il no­me di Vit­to­rio Fer­ra­re­si, ma ru­mors di Pa­laz­zo lo da­reb­be­ro a un pas­so dal­la pre­si­den­za del­la II com­mis­sio­ne di Mon­te­ci­to­rio.

A ca­po di quel­la An­ti­ma­fia sem­bra pro­fi­lar­si un te­sta a te­sta tra due se­na­to­ri: Ni­co­la Mor­ra e Ma­rio Mi­che­le Giar­rus­so. Un ruo­lo po­treb­be aver­lo an­che Mau­ro Col­tor­ti, ma non è det­to che sa­rà nel 'sot­to­go­ver­no': il geo­mor­fo­lo­go po­treb­be pren­de­re il te­sti­mo­ne di Pao­la De Mi­che­li, com­mis­sa­rio straor­di­na­rio al­la ri­co­stru­zio­ne del­le zo­ne col­pi­te dal ter­re­mo­to nel Cen­tro Ita­lia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.