MI­GRAN­TI: Ro­ma e Pa­ri­gi ai fer­ri cor­ti, a ri­schio il ver­ti­ce di Con­te con Ma­cron: "Si scu­si con l'Ita­lia"

Aqua­rius, non ac­cen­na a pla­car­si la que­rel­le tra i due pae­si. Il mi­ni­stro Tria an­nul­la il viag­gio in Fran­cia. Me­lo­ni (FdI): "Non sia­mo una co­lo­nia"

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA - di STE­FA­NO GHIONNI

Al­ta ten­sio­ne tra Ita­lia e Fran­cia.

Non ac­cen­na a pla­car­si la que­rel­le sol­le­va­ta dal "ca­so Aqua­rius" do­po che due gior­ni fa l'Eli­seo ha de­fi­ni­to "ci­ni­ca e ir­re­spon­sa­bi­le" la po­li­ti­ca del go­ver­no Con­te e il por­ta­vo­ce di "En Mar­che", l'ha ad­di­rit­tu­ra li­qui­da­ta co­me "vo­mi­te­vo­le". Pa­ri­gi, per la ve­ri­tà ten­ta an­che di smor­za­re le po­le­mi­che, tut­ta­via le scin­til­le re­sta­no. E a sof­fia­re sul fuo­co ci ha pen­sa­to, ie­ri, il mi­ni­stro dell'Eco­no­mia, Gio­van­ni Tria, an­nul­lan­do il suo in­con­tro con l'omo­lo­go fran­ce­se Bru­no Le Mai­re, il qua­le ha espres­so "ram­ma­ri­co" e si è au­gu­ra­to che il "fac­cia a fac­cia" con il col­le­ga ita­lia­no si pos­sa te­ne­re pre­sto: sul ta­vo­lo c'era il te­ma de­li­ca­tis­si­mo del­la go­ver­nan­ce eu­ro­pea.

CON­TE NON VA A PA­RI­GI - Tria e Le Mai­re, in ogni ca­so, si so­no par­la­ti te­le­fo­ni­ca­men­te, do­po l'an­nul­la­men­to dell'in­con­tro odier­no. Se­con­do quan­to si ap­pren­de i due mi­ni­stri si ve­dran­no co­mun­que pri­ma dell'Eu­ro­grup­po e l'Eco­fin di Lus­sem­bur­go il 21 e 22 giu­gno. Al mo­men­to non è sta­ta pe­rò an­co­ra fis­sa­ta la da­ta. Co­sì co­me, a que­sto pun­to è for­te­men­te a ri­schio an­che la vi­si­ta del pre­mier Giu­sep­pe Con­te, at­te­so do­ma­ni a Pa­ri­gi, al­la cor­te di Em­ma­nuel Ma­cron. Il pre­si­den­te tran­sal­pi­no, dal can­to suo, ha lan­cia­to un appello a "non la­sciar­si an­da­re al­le emo­zio­ni" as­si­cu­ran­do di vo­ler la­vo­ra­re con l'Ita­lia ma la si­tua­zio­ne re­sta de­li­ca­ta.

SAL­VI­NI: "LA FRAN­CIA SI SCU­SI" - "La Fran­cia si scu­si o Con­te non va­da", ha tuo­na­to Sal­vi­ni, ie­ri, dall'au­la del Se­na­to, ri­mar­can­do a gran vo­ce che sul pia­no del­la so­li­da­rie­tà l'Ita­lia non ac­cet­ta le­zio­ni da nes­su­no, né dal­la Fran­cia né dal­la Spagna. Lo stes­so il pre­si­den­te del Con­si­glio già mar­te­dì se­ra nel cor­so del Cdm ave­va spie­ga­to gli svi­lup­pi re­la­ti­vi al­lo scon­tro con l'Eli­seo, de­fi­nen­do una "in­tro­mis­sio­ne" quel­la di Pa­ri­gi e so­ste­nen­do che sen­za un at­to uf­fi­cia­le di scu­se l'at­teg­gia­men­to del no­stro Pae­se non sa­reb­be cam­bia­to". Il mi­ni­stro de­gli Este­ri, En­zo Moa­ve­ro Mi­la­ne­si, ie­ri mat­ti­na ha con­vo­ca­to al­la Far­ne­si­na l'am­ba­scia­to­re fran­ce­se. As­sen­te da Ro­ma per im­pe­gni a Mi­la­no, il di­plo­ma­ti­co, Ch­ri­stian Mas­set, ha man­da­to al suo po­sto la "nu­me­ro 2" del­la le­ga­zio­ne tran­sal­pi­na, Clai­re An­ne Rau­lin.

MOA­VE­RO: "CON NOI TO­NI INACCETTABILI" - Al ter­mi­ne del col­lo­quio, la Far­ne­si­na ha dif­fu­so una no­ta dai to­ni du­ris­si­mi: Moa­ve­ro ha de­fi­ni­to "inaccettabili" le di­chia­ra­zio­ni usa­te "an­che a li­vel­lo go­ver­na­ti­vo, a Pa­ri­gi" e ha evo­ca­to il ri­schio che sia­no "com­pro­mes­se le re­la­zio­ni" tra Ita­lia e Fran­cia: "I to­ni im­pie­ga­ti so­no in­giu­sti­fi­ca­bi­li", te­nu­to con­to del­lo sfor­zo dell'Ita­lia e del fat­to che da me­si pub­bli­ca­men­te de­nun­cia l'in­so­ste­ni­bi­li­tà del­la si­tua­zio­ne e la la­ti­tan­za dei part­ner eu­ro­pei. Moa­ve­ro ha chie­sto a Pa­ri­gi "le ini­zia­ti­ve ido­nee a sa­na­re" lo strap­po. ME­LO­NI: "ITA­LIA NON E' UNA CO­LO­NIA" - Al­le pre­se di po­si­zio­ne del go­ver­no si è uni­to an­che il dik­tat del­la lea­der di Fra­tel­li d'Ita­lia Gior­gia Me­lo­ni. "Io avrei ri­chia­ma­to l'am­ba­scia­to­re a Pa­ri­gi do­po una di­chia­ra­zio­ne co­me quel­la di ie­ri (mar­te­dì, ndr)" del pre­si­den­te fran­ce­se Em­ma­nuel Ma­cron, ha sbot­ta­to la par­la­men­ta­re, se­con­do la qua­le "la Fran­cia non può trat­tar­ci co­me una sua co­lo­nia". "L'Ita­lia è un Pae­se so­vra­no che ha di­rit­to di difendere i suoi confini - ha ag­giun­to l'espo­nen­te di Fdi - e stia­mo fa­cen­do un de­ci­mo di quel che la Fran­cia ha fat­to ad esem­pio a Ven­ti­mi­glia". Se­con­do la Me­lo­ni l'at­teg­gia­men­to di Pa­ri­gi "è an­che il ri­fles­so dei go­ver­ni ita­lia­ni de­gli ul­ti­mi an­ni, che han­no fat­to spon­da agli in­te­res­si na­zio­na­li fran­ce­si, an­che quan­do ve­ni­va­no a fa­re shopping dei no­stri gio­iel­li di fa­mi­glia", ha poi con­clu­so ri­fe­ren­do­si al­le azien­de ita­lia­ne. PA­RI­GI: "LA­VO­RA­RE IN­SIE­ME" - Per tut­ta ri­spo­sta, dal­la Fran­cia è ar­ri­va­ta una no­ta di po­che ri­ghe, mol­to lon­ta­na pe­rò dal­le scu­se attese dall'Ita­lia. Il Quai d'Or­say ha ri­cor­da­to che Pa­ri­gi è "im­pe­gna­ta nel dia­lo­go e nel­la coo­pe­ra­zio­ne con Ro­ma" sull'im­mi­gra­zio­ne ed è "per­fet­ta­men­te con­sa­pe­vo­le del pe­so del­la pres­sio­ne mi­gra­to­ria sull'Ita­lia e de­gli sfor­zi del Pae­se". Null'al­tro. Da par­te sua Mas­set, da Mi­la­no, ha sot­to­li­nea­to che la re­la­zio­ne fra Ita­lia e Fran­cia è "me­ra­vi­glio­sa, so­li­da e for­te" e i due Pae­si af­fron­ta­no "sfi­de co­mu­ni, tra le qua­li l'im­mi­gra­zio­ne", sul­le qua­li "dob­bia­mo la­vo­ra­re in­sie­me e raf­for­za­re que­sto la­vo­ro co­mu­ne. E' quel­lo che stia­mo fa­cen­do", ha as­si­cu­ra­to Mas­set.

MA L'ITA­LIA NON E' ISO­LA­TA IN EU­RO­PA - In ogni ca­so l'Ita­lia non sem­bra iso­la­ta in Eu­ro­pa. Da Ber­li­no, dov'era in vi­si­ta, il can­cel­lie­re au­stria­co Se­ba­stian Kurz, ha det­to che i mi­ni­stri dell'In­ter­no di Ger­ma­nia, Au­stria e Ita­lia so­no pron­ti a for­ma­re "un'as­se" con­tro l'im­mi­gra­zio­ne ir­re­go­la­re. Kurz ha par­la­to do­po un in­con­tro a Ber­li­no con il mi­ni­stro dell'In­ter­no te­de­sco, Hor­st Lo­renz See­ho­fer, il ba­va­re­se del­la Csu, fal­co nel go­ver­no del­la can­cel­lie­ra An­ge­la Mer­kel. Kurz ha par­la­to di "as­se del­la vo­lon­tà". Pe­ral­tro Kurz, un po­po­la­re che a Vien­na go­ver­na con l'estre­ma de­stra, sta la­vo­ran­do in­sie­me ad al­cu­ni Pae­si eu­ro­pei, tra cui la Da­ni­mar­ca, al­la crea­zio­ne di "cen­tri co­mu­ni" de­sti­na­ti ai mi­gran­ti che non pos­so­no pre­ten­de­re l'asi­lo dall'Ue o so­no sta­ti re­spin­ti, cen­tri da crea­re fuo­ri dai confini dell'Unio­ne.

L'IPO­TE­SI DEI CEN­TRI DI RAC­COL­TA - Non è chia­ro do­ve li vo­glia piaz­za­re, ma la stam­pa au­stria­ca ha ipo­tiz­za­to l'Al­ba­nia. L'Au­stria da lu­glio as­su­me la pre­si­den­za di tur­no dell'Ue e il can­cel­lie­re ha ri­mar­ca­to che si trat­ta di un'ini­zia­ti­va na­zio­na­le. Già nei gior­ni scor­si la Com­mis­sio­ne eu­ro­pea è sta­ta cau­ta nei con­fron­ti di que­sta idea, so­ste­nen­do che è "pre­fe­ri­bi­le e più ef­fi­ca­ce" ri­spet­to ai pae­si dell'Ue agi­re in­sie­me sul­la po­li­ti­ca di mi­gra­zio­ne, piut­to­sto che ini­zia­ti­ve na­zio­na­li. Ma in­ve­ce i go­ver­ni, spa­ven­ta­ti dal suc­ces­so elet­to­ra­le di chi ali­men­ta la pau­ra per ac­qui­si­re con­sen­so, van­no in or­di­ne spar­so. Non a ca­so, la can­cel­lie­ra An­ge­la Mer­kel, ha in­vo­ca­to an­co­ra og­gi una "so­lu­zio­ne eu­ro­pea co­mu­ne". E il mi­ni­stro te­de­sco de­gli Este­ri le ha fat­to eco, de­fi­nen­do l'Ita­lia "un pi­la­stro" dell'Unio­ne, che po­ne un pro­ble­ma me­ri­te­vo­le di at­ten­zio­ne e una ri­spo­sta eu­ro­pea.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.