Sta­dio del­la Ro­ma. 9 ar­re­sti: in ma­net­te an­che l'im­pren­di­to­re Par­na­si e il pre­si­den­te dell'Acea

La Gente d'Italia - - PRIMO PIANO -

No­ve ar­re­sti e 16 in­da­ga­ti. Il nuo­vo sta­dio del­la Ro­ma rischia di im­pan­ta­nar­si nell'in­chie­sta del­la Pro­cu­ra di Ro­ma su una pre­sun­ta cor­ru­zio­ne nell'am­bi­to del­la va­rian­te del pro­get­to li­cen­zia­to nel feb­bra­io del­lo scor­so an­no col ta­glio del 50% del­le cu­ba­tu­re ri­spet­to al pro­get­to ini­zia­le.

Ad es­se­re ar­re­sta­ti in­fat­ti so­no sta­ti po­li­ti­ci, con­su­len­ti e il co­strut­to­re che han­no con­cor­so al nuo­vo pro­get­to: in car­ce­re so­no fi­ni­ti il co­strut­to­re Lu­ca Par­na­si e i suoi col­la­bo­ra­to­ri Lu­ca Ca­po­ril­li, Simone Con­ta­sta, Na­boor Zaf­fi­ri, Gian­lu­ca Ta­lo­ne e Gian­lu­ca Man­go­si. Ai do­mi­ci­lia­ri in­ve­ce Adria­no Pa­loz­zi, vi­ce­pre­si­den­te del Con­si­glio del­la Re­gio­ne La­zio di For­za Ita­lia, Mi­che­le Ci­vi­ta, ex as­ses­so­re re­gio­na­le del Pd, Lu­ca Lan­za­lo­ne, pre­si­den­te Acea e con­su­len­te per M5S sul­lo sta­dio. "Lan­za­lo­ne è sta­to mes­so a Ro­ma da Gril­lo per il pro­ble­ma sta­dio in­sie­me al pro­fes­so­re Frac­ca­ro e Bo­na­fe­de". E' quan­to af­fer­ma Lu­ca Par­na­si nel cor­so di una ce­na ci­tan­do gli at­tua­li mi­ni­stri per i Rap­por­ti con il par­la­men­to e Giu­sti­zia. L'in­ter­cet­ta­zio­ne è pre­sen­te nell'or­di­nan­za di cu­sto­dia cau­te­la­re. "Par­na­si - è det­to nel prov­ve­di­men­to - di­ce che Lan­za­lo­ne l'han­no por­ta­to i 5 Stel­le ed è pre­si­den­te del­la Acea e ha stu­dia­to a Ge­no­va. E' una per­so­na mol­to do­ta­ta". Un fa­ci­li­ta­to­re con il com­pi­to di fa­re com­ba­cia­re gli in­te­res­si pub­bli­ci con quel­li pri­va­ti nell'ope­ra­zio­ne sta­dio, un'ope­ra con un gi­ro di af­fa­ri di un mi­liar­do di eu­ro co­me vo­lu­me d'af­fa­ri. Que­sto il ruo­lo di Lu­ca Lan­za­lo­ne che emer­ge dal­le car­te dell'in­chie­sta sull'ope­ra che do­vreb­be sor­ge­re nel­la zo­na di Tor di Val­le. Lo stes­so Lu­ca Par­na­si sin­te­tiz­za la fi­gu­ra del pre­si­den­te di Acea co­me "Wolf" il per­so­nag­gio del film Pulp Fic­tion che ri­sol­ve­va i pro­ble­mi. "Il 30 mar­zo 2018 - è det­to nell'or­di­nan­za di cu­sto­dia cau­te­la­re - Lan­za­lo­ne par­lan­do del­lo sta­dio co­mu­ni­ca a Par­na­si di aver in­di­vi­dua­to un esca­mo­ta­ge ido­neo ad ac­ce­le­ra­re i tem­pi del­la pro­ce­du­ra.. Par­na­si è en­tu­sia­sta e pro­nun­cia più vol­te la pa­ro­la Wolf". "Eh ma quan­do c'è Lan­za­lo­ne... - ri­pe­te l'im­pren­di­to­re - quan­do c'è Wolf... quan­do c'è Wolf.., la questione..". L'in­chie­sta, coor­di­na­ta dal pro­cu­ra­to­re ag­giun­to di Ro­ma Pao­lo Ie­lo dun­que ipo­tiz­za una re­te di cor­ru­zio­ne tra­sver­sa­le, che toc­ca sia Cam­pi­do­glio che Re­gio­ne La­zio, e 'tri­par­ti­san' coin­vol­gen­do espo­nen­ti lo­ca­li di spic­co del Pd, M5S e For­za Ita­lia: se­con­do l'ac­cu­sa il me­to­do cor­rut­ti­vo ve­ni­va con­si­de­ra­to dal­la so­cie­tà di Par­na­si un "as­set di im­pre­sa" e si so­stan­zia­va in sol­di,con­su­len­ze e fat­tu­re per ope­ra­zio­ni ine­si­sten­ti a Lan­za­lo­ne e Pa­loz­zi e la pro­mes­sa di as­sun­zio­ne del fi­glio all'ex as­ses­so­re Ci­vi­ta. Lu­ca Lan­za­lo­ne, at­tua­le pre­si­den­te di Acea, tra il gen­na­io e il feb­bra­io del 2017 si oc­cu­pò del dos­sier Sta­dio nel­le ve­sti di con­su­len­te per gli M5S e por­tò avan­ti una me­dia­zio­ne con la Eur­no­va, la so­cie­tà dell'im­pren­di­to­re Lu­ca Par­na­si che ac­qui­stò i ter­re­ni dell'ip­po­dro­mo di Tor di Val­le, de­sti­na­ti ad ospi­ta­re lo Sta­dio, dal­la so­cie­tà Sais del­la fa­mi­glia Pa­pa­lia. Su que­sta com­pra­ven­di­ta ci fu un'al­tra in­chie­sta ora ap­pro­da­ta in au­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.