100 an­ni dal­la bat­ta­glia del Sol­sti­zio, il dia­rio del te­nen­te Pra­to: "Can­no­ni, cor­po a cor­po e l'aiu­to del Pia­ve, il ne­mi­co non pas­sò"

La Gente d'Italia - - DA PRIMA PAGINA -

Era la mat­ti­na del 15 giu­gno 1918 quan­do i can­no­ni au­stro-un­ga­ri­ci lun­go il Pia­ve apri­ro­no il fuo­co con­tro il fron­te ita­lia­no: co­min­ciò la bat­ta­glia del Sol­sti­zio, una del­le più vio­len­te del pri­mo con­flit­to mon­dia­le.

Du­rò più di una set­ti­ma­na, la re­si­sten­za sul Pia­ve, fiu­me sa­cro al­la Pa­tria, fu stre­nua e da al­lo­ra la Gran­de Guer­ra pre­se una stra­da fa­vo­re­vo­le all'Ita­lia. "Il Pia­ve mor­mo­rò: non pas­sa lo stra­nie­ro", scris­se il com­po­si­to­re Gio­van­ni Er­me­te Gae­ta do­po quel suc­ces­so.

Di quel­la bat­ta­glia fu pro­ta­go­ni­sta e an­no­tò ogni det­ta­glio il te­nen­te di ar­ti­glie­ria Ar­nal­do Pra­to (na­to nel 1893 e mor­to all'età di 94 an­ni), il cui dia­rio, cent'an­ni do­po e nel cen­te­na­rio del­la Fe­sta dell'Ar­ma di Ar­ti­glie­ria, è sta­to pub­bli­ca­to da Pao­lo Ga­spa­ri Edi­to­ri ed è usci­to in que­sti gior­ni. Di­ver­sa­men­te da al­tre me­mo­rie di guer­ra, il dia­rio di Pra­to ab­brac­cia tut­to il pe­rio­do che va dal 1914 al 1919. Di fa­mi­glia pie­mon­te­se tra­sfe­ri­ta­si a Ro­ma, ave­va de­ci­so di la­scia­re gli stu­di uni­ver­si­ta­ri per ar­ruo­lar­si, e la sua pri­ma de­sti­na­zio­ne, qua­le uf­fi­cia­le di ar­ti­glie­ria ap­pe­na mag­gio­ren­ne fu il fron­te dell'Ison­zo. Pas­san­do di re­par­to in re­par­to, Pra­to fi­nì nel­la bat­ta­glia del Sol­sti­zio, co­min­cia­ta ri­cor­da - con un in­fer­na­le bom­bar­da­men­to di mi­glia­ia di boc­che di fuo­co con­tro gli ita­lia­ni, l'as­sal­to vio­len­to del­la fan­te­ria ne­mi­ca, aspre lot­te e il ten­ta­ti­vo di ag­gi­ra­men­to dell'in­te­ro si­ste­ma di­fen­si­vo tri­co­lo­re. La di­sce­sa su Vicenza, Tre­vi­so e Vicenza, tut­ta­via, fal­lì e il ne­mi­co non riu­scì a pas­sa­re. "Il fuo­co del­la mia bat­te­ria - rac­con­ta Pra­to nel dia­rio - si era man­te­nu­to vi­vis­si­mo di gior­no co­me di not­te. Le boc­che da fuo­co era­no ar­ro­ven­ta­te al pun­to da per­de­re la ver­ni­ce e mai si era vi­sto un si­mi­le con­su­mo di gra­na­te".

An­che il Pia­ve ven­ne in soc­cor­so del­la con­trof­fen­si­va ita­lia­na. "Un'im­prov­vi­sa pie­na - ri­cor­da Pra­to ave­va tra­vol­to pon­ti e pas­se­rel­le" e ven­ne­ro a man­ca­re al ne­mi­co, pro­prio nel mo­men­to cru­cia­le, rin­for­zi e ri­for­ni­men­ti.

"La se­ra del 24 - si leg­ge nel dia­rio - nes­sun au­stria­co era più al di qua del Pia­ve, tran­ne nu­me­ro­sis­si­mi mor­ti e pri­gio­nie­ri. L'eser­ci­to im­pe­ria­le ave­va per­du­to ben 130mi­la uo­mi­ni tra mor­ti e fe­ri­ti - di fron­te ai no­stri 85mi­la - 25mi­la pri­gio­nie­ri, 70 can­no­ni, 75 bom­bar­de, 1.300 mi­tra­glia­tri­ci, 150 lan­cia­fiam­me, 37 mi­la fu­ci­li e mol­te ton­nel­la­te di al­tro ma­te­ria­le. La bat­ta­glia del Sol­sti­zio, co­me l'ave­va chia­ma­ta il poe­ta­sol­da­to D'An­nun­zio ave­va can­cel­la­to la di­sfat­ta di Ca­po­ret­to e se­gna­to l'al­ba ra­dio­sa del­la vit­to­ria fi­na­le no­stra e de­gli al­lea­ti". In­si­gni­to di im­por­tan­ti ri­co­no­sci­men­ti mi­li­ta­ri e de­co­ra­to con la pre­sti­gio­sa cro­ce di ca­va­lie­re dell'Or­di­ne dell'aqui­la im­pe­ria­le te­de­sca, Pra­to pre­se par­te an­che al se­con­do con­flit­to mon­dia­le e fu de­sti­na­to a far par­te del­le trup­pe ope­ran­ti in Afri­ca set­ten­trio­na­le, do­ve fu co­man­dan­te del XXX rag­grup­pa­men­to ar­ti­glie­ria. Il 2 mag­gio 1943 fu cat­tu­ra­to con i suoi uo­mi­ni da­gli in­gle­si a Ca­po Bon e in­via­to in cam­pi di pri­gio­nia, in Al­ge­ria e Ma­roc­co.

Nel 1944, an­co­ra pri­gio­nie­ro, fu tra­sfe­ri­to ne­gli Usa. Rien­trò in Ita­lia nel 1946, sbar­can­do nel por­to di Na­po­li con la stes­sa uni­for­me gri­gio-ver­de, or­mai lo­go­ra, che in­dos­sa­va quan­do fu fat­to pri­gio­nie­ro, aven­do sem­pre ri­fiu­ta­to di in­dos­sa­re le uni­for­mi di fog­gia ame­ri­ca­na mes­se a di­spo­si­zio­ne nel cam­po di pri­gio­nia. Con­clu­se la car­rie­ra, do­po la guer­ra, con il gra­do di ge­ne­ra­le di cor­po d'ar­ma­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Uruguay

© PressReader. All rights reserved.