Ale­xan­dra e Gigi guar­da­no il cie­lo

Adesso - - Pagine Facili -

Ale­xan­dra: Guar­da quel­la nu­vo­la, so­mi­glia a una muc­ca.

Gigi: Co­sa? Ma hai le al­lu­ci­na­zio­ni? Ale­xan­dra: No, dav­ve­ro. Non le ve­di le cor­na?

Gigi: Sì, ma so­no pie­ga­te nel­la stes­sa di­re­zio­ne. Al li­mi­te può sem­bra­re un ri­no­ce­ron­te. Guar­da l’al­tra nu­vo­la pe­rò. Non so­mi­glia a mia zia Fer­nan­da?

Ale­xan­dra: Hai ra­gio­ne. Con quel na­so enor­me e lo chi­gnon. A pro­po­si­to, ti sei ri­cor­da­to di far­le gli au­gu­ri?

Gigi: Gli au­gu­ri?

Ale­xan­dra: Ma sì! Tua zia Fer­nan­da

ha com­piu­to 90 an­ni la set­ti­ma­na scor­sa. Mi hai det­to tu che è na­ta il 29 ot­to­bre. Gigi: Ac­ci­den­ti, è ve­ro. Me ne so­no com­ple­ta­men­te di­men­ti­ca­to. E ades­so che fac­cio? Ale­xan­dra: Be’, puoi chia­mar­la og­gi, dir­le che sei sta­to im­pe­gna­to. La ve­ri­tà, in­som­ma.

Gigi: Sì, e ve­ro. Del re­sto Mi­che­le è sta­to ope­ra­to di ap­pen­di­ci­te il 28 ot­to­bre, no? Ec­co, le di­co che no­stro fi­glio non è sta­to be­ne. Mi per­do­ne­rà di si­cu­ro.

Ale­xan­dra: Quan­do la chia­mi fal­le tan­ti au­gu­ri an­che da par­te mia. Piut­to­sto, quan­do an­dia­mo a tro­var­la? Gigi: Ma­ga­ri quan­do scen­dia­mo a Ro­ma per Na­ta­le. Fa­re 600 chi­lo­me­tri in mac­chi­na so­lo per lei… non ho vo­glia. Ale­xan­dra: Sì, tan­to Na­ta­le è vi­ci­no. Sen­ti, guar­da quell’al­tra nu­vo­la. Non ti ri­cor­da mio zio Sven?

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.