ban­do a

Adesso - - Un Mondo Di Parole - DI AN­NA MANDELLI

ME­DIO “Ban­do al­le chiac­chie­re, ti­ria­mo­ci su le ma­ni­che e dia­mo­ci tut­ti da fa­re per il be­nes­se­re co­mu­ne!” Ec­co lo slo­gan elet­to­ra­le di un can­di­da­to a sin­da­co ita­lia­no che esor­ta i suoi con­cit­ta­di­ni a la­scia­re da par­te le chiac­chie­re, a di­re ba­sta ai di­scor­si inu­ti­li e a pas­sa­re ai fat­ti.

Ban­do a è un in­vi­to al rea­li­smo, al­la pra­ti­ci­tà. In pas­sa­to il ban­do (da ban­di­re) era una con­dan­na pub­bli­ca che im­po­ne­va di la­scia­re il ter­ri­to­rio. Ec­co per­ché ban­do a è un in­vi­to a “esclu­de­re, a la­scia­re da par­te” qual­co­sa.

È un’espres­sio­ne co­mu­ne e si tro­va col­le­ga­ta an­che ad al­tri so­stan­ti­vi: ban­do al­la tri­stez­za, ban­do agli in­du­gi, ban­do ai com­pli­men­ti, ban­do al­le cian­ce, ban­do agli scru­po­li, ban­do ai con­ve­ne­vo­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.