GIU­LIA­NA DE DONNO

Adesso - - Viaggi -

Giu­lia­na De Donno è na­ta a Ma­te­ra ed è lau­rea­ta in ar­pa clas­si­ca. Si è de­di­ca­ta an­che al­la ri­cer­ca del­la mu­si­ca po­po­la­re. L’ar­pa di Vig­gia­no è uno stru­men­to ti­pi­co del­la Ba­si­li­ca­ta che ri­sa­le al 1700: è pic­co­li­na, ma­neg­ge­vo­le, e ha re­so i mu­si­ci­sti di stra­da lu­ca­ni fa­mo­si in tut­to il mon­do. Lo stru­men­to è sta­to di­men­ti­ca­to, fi­no a quan­do, nel 2008, Giu­lia­na ha fon­da­to la pri­ma scuo­la di ar­pa po­po­la­re a Vig­gia­no.

Qua­li so­no i tuoi luo­ghi del cuo­re a Ma­te­ra?

Amo so­prat­tut­to Piaz­za del Se­di­le, per­ché è un luo­go le­ga­to al­la mia gio­vi­nez­za e al­la mu­si­ca. È la se­de del Con­ser­va­to­rio mu­si­ca­le, un pa­laz­zo bel­lis­si­mo co­strui­to nel 1540, sor­mon­ta­to da due oro­lo­gi e ador­na­to con sei sta­tue sul­la fac­cia­ta. La piaz­za è un sa­lot­to a cie­lo aper­to, ma la co­sa bel­la è che è una piaz­za mu­si­ca­le, per­ché dal­le fi­ne­stre del Con­ser­va­to­rio ar­ri­va­no i suo­ni del­le le­zio­ni di can­to, del­le per­cus­sio­ni, si sen­te sem­pre un pia­no­for­te che suo­na. Poi, nell’ora del Ve­spro, c’è il con­cer­to del­le cam­pa­ne del­le chie­se tutt’in­tor­no che rie­cheg­gia­no nel­la piaz­za. Il mio se­con­do luo­go del cuo­re è il Par­co del­la scul­tu­ra “La Pa­lom­ba”, una vec­chia ca­va di tu­fo di­smes­sa ac­qui­sta­ta dal­lo scultore An­to­nio Pa­ra­di­so. Il suo ate­lier si tro­va nel­le vi­sce­re del­la ter­ra, a una pro­fon­di­tà im­pres­sio­nan­te. È un po­sto do­ve va­do vo­len­tie­ri per­ché mi dà un’ener­gia in­cre­di­bi­le, è un luo­go adat­to al­la me­di­ta­zio­ne per il si­len­zio e per la fu­sio­ne fra gran­dez­za e bel­lez­za del­la na­tu­ra e l’ar­te crea­ta dall’uo­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Austria

© PressReader. All rights reserved.